Il Paradiso Bianco

archivio – Nord EuropaLe Paradis Blanc

Incastonate tra i vigneti di Cognac, le colline calcaree di St-Meme-les-Carrieres contengono enormi miniere sotterranee, ora allagate. Questo sito francese unico è stato aperto quest'anno ai subacquei – riferisce FREDERIC MENGOTTO, HEDWIG DIERAERT scatta le foto

È BUIO QUANDO CI INCONTRIAMO Fabrice Couraud nella piazza del paese a fine gennaio. Fabrice organizza l'immersione nell'antica miniera di calcare di St-Même. Lo seguiamo in macchina lungo una stradina che si snoda tra le case, e ci fermiamo ad un accesso a griglia davanti alla massa scura di un dirupo.
Entriamo in una vasta galleria e seguiamo l'auto di Fabrice per circa un chilometro attraverso una foresta di massicci pilastri di pietra calcarea che sostengono il soffitto a più di 10 metri di altezza. Parcheggiamo a pochi metri dall'acqua cristallina che ha silenziosamente inghiottito la miniera.
Fabrice ci illustra la struttura dell'ex area estrattiva. Seguiremo la linea rossa in un anello di 300 metri, un percorso semplice adatto alla nostra prima immersione dopo il lungo viaggio dal Belgio.
Ciò farà familiarizzare Edvige con la scena e lo aiuterà ad apportare eventuali modifiche alla telecamera per domani. Ha cercato a lungo un sito sotterraneo così artificiale fotografia.
Ci prepariamo su vecchi blocchi di pietra tagliati e ci spostiamo in acque poco profonde. Nuotiamo tra i pilastri straordinariamente bianchi fino all'inizio della linea che segna il passaggio della grotta e ci tuffiamo nell'acqua turchese a metà della galleria.
A 5 metri incontriamo il cancello d'acciaio arrugginito che un tempo proteggeva la miniera, come uno scheletro fantasma al centro della galleria. Un po' più lontano individuiamo i blocchi di pietra più vecchi e mi metto in posa davanti a loro.
Poco più in là, ai piedi di un antico pozzo, le ossa di un cane sembravano essere lì da molti anni. Una visibilità fino a 25 metri ci permette di apprezzare appieno il luogo e di godere del suo volume imponente.
La cava rivela una configurazione tipica delle estrazioni di calcare, con pilastri allineati ad intervalli di 20 m che formano una configurazione a scacchiera.
Ovunque guardiamo, vediamo cavi, attrezzi, catene, argani e pezzi di legno abbandonati. La rete elettrica è ancora in funzione e gli isolanti sostengono ancora i cavi che corrono sui soffitti.
Ci fermiamo a fotografare una vecchia lampadina di vetro, ancora intatta, prima di arrivare alla fine del giro.
St-Même-les-Carrières è un tranquillo villaggio a 20 miglia da Angoulème, dove il sole invernale dipinge le case di colori miele e ambra. Un gran numero di pensionati inglesi apprezzano qui il fascino, lo stile di vita e il clima piacevole della regione della Charente, ora che i tempi dell'estrazione della pietra sono ormai lontani.
The last operation, Fèvre, was closed in the early 1970s. For four centuries village life had followed the rhythms of the daily stone-mining. The extraction area extends 3km south of the village and the stones that made St Même’s reputation were used to build Bordeaux Cathedral and many official buildings.
The stone was transported by boat on the Charente river, and sent as far away as Canada. It even forms the pedestal of New York’s Statue of Liberty!
Poiché la richiesta di pietra aumentava, gli operai scavarono sempre più in profondità in una vena calcarea spessa più di 50 metri. Al suo apice, i lavori sotterranei si estendevano su 60 ettari e 60 metri sotto il terreno agricolo. I volumi sono molto più impressionanti di quelli di miniere simili altrove in Europa.
Quando Fèvre smise di pompare, le acque sotterranee impiegarono quattro anni per stabilizzarsi al livello attuale, allagando il livello più basso su un'area di 10 ettari.

DOPO UNA NOTTE CONFORTEVOLE AL B&B Chez Anne in paese, gestito da una simpatica coppia di londinesi, ci gustiamo una buona colazione a base di prodotti locali e andiamo a trovare Fabrice.
I percorsi possibili attraverso la miniera sono quattro, da 150 a 700 m, e questa mattina seguiremo la linea blu, un anello di 550 m nel tratto occidentale che attraversa Fèvre seguendo gli impianti elettrici e di pompaggio.
La visibilità è ancora migliore oggi e la nostra profondità massima è di 20 metri. I graffiti lasciati sui muri bianchi dai lavoratori qualche decennio fa sembrano freschi come se fossero stati scritti il ​​giorno prima. Registrano il tonnellaggio estratto, la vita nel villaggio e talvolta sono un po' birichini.
Sui pilastri bianchi sono scritti in rosso i limiti dei diversi filoni rocciosi – “Ram”, “Jaune”, “Crème”, i resti arrugginiti punteggiano le gallerie in colori contrastanti.
Arriving near the base of an old pump, to our surprise we see a lithographed tin barely corroded by rust and time. This waterproof and very solid box marked “KUB Bouillon” had been used by workers to store carbide for their lamps.
Due tubi di pompaggio passano attraverso il soffitto fino al solaio intermedio, anch'esso allagato in questo punto. Il desiderio di esplorare un po’ per conto nostro è insopportabile, ma siamo qui per scattare una serie di foto.
Passiamo sopra una piccola costruzione che funge da stanza per gli operai in pausa e da ufficio per il direttore della miniera. Vediamo anche un cavo elettrico, una lampada e altri tubi che passano attraverso il soffitto – nessuno sa cosa ci sia sopra.
Vecchie storie raccontano di diverse carrozze trainate da cavalli, cadute in profonde fosse allagate circondate da terreni agricoli, ma nessuno può dire dove siano, e gran parte della miniera resta da esplorare.
Our last dive is on the orange line – the “cavern line” used for initiation dives because it is shallow enough to allow divers to surface quickly.
Il luogo ha tuttavia il suo interesse e consente ai subacquei in acque libere di vedere la miniera e i suoi manufatti in sicurezza.
Nell'angolo di una stanza poco sotto di noi possiamo vedere un vecchio carro di legno, incredibilmente conservato, che veniva trainato da asini e cavalli per portare i blocchi dagli abissi.
Fabrice approfitta del pomeriggio per continuare a installare una linea rosa, che scende a 25 metri di profondità nella cava e che alla fine farà un giro per più di un chilometro.

IT’S TIME TO PACK OUR GEAR e mi sono messo in viaggio, avendo prima promesso di tornare tra qualche settimana per un'adeguata esplorazione. La parte orientale della cava ed il livello intermedio al quale salgono tutte le tubazioni di pompaggio sono in gran parte inesplorate. Questo posto è un must per l'ambiente sopraelevato.

Il Comune di St-Même-les-Carrières consente l'immersione nella miniera sotto la supervisione della scuola di immersione Aquatek e di Fabrice Couraud.
Il brevetto di speleologo è obbligatorio, ma su richiesta sono disponibili anche immersioni guidate o di scoperta, www.aquatek.fr. B&B a Chez Anne, a 200 metri dal sito (www.chez-anne.net). Per altri alloggi visitare www.gites-de-france.com

Apparso su DIVER giugno 2016

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x