Mi è venuto il blues!

archivio – UK DivingHo preso il blues!

Non devi viaggiare lontano per fare immersioni con gli squali nel Regno Unito: a soli 20 miglia dalla Cornovaglia, infatti, con un po' di pesca a parte. RICK AYRTON ne ha un assaggio

IL SOLE SPLENDE. Sto scrutando nell'acqua e all'improvviso riesco a vederlo: una forma che deve essere una verdesca si muove pigramente verso la barca.
Si trasforma in una forma definita di squalo, la sua superficie superiore è un mix screziato di acqua e blu reale, con accenni di viola e linee di luce solare brillante che attraversano il suo corpo snello. La luce del sole rende difficile esserne certi, ma mentre mi sforzo di guardare nei riflessi che emergono dall'acqua liscia e vitrea, lo rivedo.
I goffi umani vengono quindi mandati in una frenesia di vestirsi, alcuni di afferrare maschere e boccagli, altri con kit di immersione completo che cercano di assicurarsi che tutto sia a posto.
In quella che sembrò un'eternità, ma probabilmente durò due minuti, ero in piedi sull'ascensore della barca da immersione Wave Chieftain, aspettando il segnale per saltare a bordo. Un pizzico di apprensione mi attraversò la mente: e se fossi stato accolto da un maturo Campione di 3 metri: mi sentirei a mio agio come vorrei?
Entrando in acqua il più silenziosamente possibile (difficile), mi sono allontanato dalla barca e ho fatto un rapido giro di 360°. Tutto quello che potevo vedere erano pezzetti di aringhe nell'acqua. Avevo già spaventato gli squali?
Lo leggerai nel cuore dell'inverno, ma lo riscrivo in un autunno che è stato molto benevolo, con ottobre che mi ha regalato alcune delle migliori esperienze subacquee nel Regno Unito che abbia mai avuto.
L'estate scorsa la stampa mainstream ha spesso riportato notizie sensazionalistiche di grandi squali: i titoli "Mangiatori di uomini avvistati al largo della costa" molto probabilmente erano il risultato dell'identificazione confusa di uno squalo elefante, o addirittura di un delfino. Ma l’interesse sta crescendo anche per la presenza al largo delle nostre coste del carismatico verdesca.
Il blu è designato “quasi a rischio” nella Lista Rossa IUCN. Per fortuna i pescatori commerciali nell’Atlantico nord-orientale non prendono di mira questa specie, in parte a causa delle normative UE che impediscono l’orribile pratica dello spinnamento, e spero che il governo britannico post-Brexit accetterà con gioia questo sensato atto legislativo europeo in legge.
Sfortunatamente, ogni anno in tutto il loro areale molte verdesche vengono accidentalmente sbarcate come catture accessorie.
Il blu è un pesce molto diffuso, che si trova sia nelle acque tropicali che in quelle temperate. Studi di tag nell'Atlantico hanno dimostrato che questi squali cavalcano la Corrente del Golfo dagli Stati Uniti sudorientali all'Europa, poi vanno a sud prima di tornare nei Caraibi utilizzando la Corrente Nord Equatoriale.
Percorrendo questo percorso solo in senso orario, i sessi si separano e le acque britanniche contengono più femmine che maschi. L'intera popolazione blues del Nord Atlantico è considerata un'unica entità.

ANEDDOTALMENTE, NEL PASSATO Da 10 anni gli avvistamenti al largo delle coste della Cornovaglia sembrano essere in aumento, il che potrebbe essere dovuto alla cattura accessoria di altre specie gettate in mare dai pescherecci da traino che forniscono facili prede agli azzurri.
Avrei voluto vedere di persona alcune verdesche e Nigel Hodge, che gestisce Wave Chieftain da Falmouth, organizza regolarmente viaggi per trovarle. La stagione va da fine giugno a ottobre, e all'inizio di ottobre aveva alcuni posti liberi.
Anche se Nigel organizza immersioni a tutti i livelli, il suo primo amore è la pesca. Per diversi anni, prima che la comunità dei sub iniziasse a cercare il blues, aveva organizzato battute di pesca sportiva per catturare queste bellissime creature.
Non allarmarti. Nigel è molto consapevole dei problemi di conservazione che circondano le verdesche ed è interessato al successo della specie quanto lo siamo tutti noi.
A tal fine durante le sue battute di pesca gli squali vengono catturati con ami senza ardiglione, vengono etichettati e rilasciati, ove possibile senza essere rimossi dall'acqua.
Nigel è attualmente coinvolto in una joint venture con lo Scottish Shark Tagging Program (tagsharks.com) per etichettare e registrare dati sul blues che incontra. Non esiste una ricerca a livello britannico sulle verdesche, cosa che lui desidera affrontare.

ERAVAMO PARTITI DA pittoresco porto degli yacht di Mylor. Non dovendosi preoccupare dell'acqua stagnante per questo tipo di viaggio, Wave Chieftain potrebbe essere caricato alle 8.30 molto civili per una cordata alle 9.
Mentre tutti caricavano la propria attrezzatura sulla barca, Nigel aveva portato a bordo diverse scatole di aringhe congelate. Avremmo viaggiato per circa 20 miglia a sud di Falmouth e abbiamo fatto un paio di fermate lungo la strada per cercare di catturare qualche pesce in più, anche se non con molto successo a quanto pare.
Lo snorkeling è spesso il modo migliore per vedere il blues e, sebbene Nigel consenta le immersioni subacquee, il suo modus operandi è che una volta sul posto i motori vengono spenti in modo che la barca vada alla deriva con il vento e la corrente. Viene quindi preparato Chum: riempie i contenitori perforati con le aringhe congelate e posiziona i contenitori in modo che l'acqua li investa con il normale movimento della barca.
Una volta scongelate, Nigel schiaccerà le aringhe per aggiungerle alla scia degli amici.
Istituisce inoltre un sistema di allarme rapido. Un certo numero di pesci da esca sono legati all'estremità di una lenza, sebbene non vengano utilizzati ami.
L'esca è posizionata a una profondità di circa 5 metri con una piccola boa in superficie, e il tutto è attaccato a una delle mostruose combinazioni di canna e mulinello per squali di Nigel. È quindi un gioco di attesa.
Per la sicurezza dei partecipanti e affinché Nigel non abbia bisogno di avviare i motori per raccogliere gli snorkelisti alla deriva (disturbando potenzialmente la chiazza di petrolio), dispiega un anello di circa 100 m di corda galleggiante attaccata alla prua e alla poppa di Wave Chieftain. Tutti i partecipanti devono nuotare, fare snorkeling o immergersi all'interno di questo circuito, assicurandosi che tutti stiano vicino alla barca.
Le calate sono fissate a prua e a poppa, offrendo ai subacquei un punto di riferimento e qualcosa a cui aggrapparsi: dopo tutto, l'acqua in cui ci trovavamo era profonda più di 80 metri!
La bellezza del grande 125 offshore di Nigel è che c'è spazio per muoversi, ha tutti i comfort e fornisce un pranzo caldo.
Durante questo viaggio ci sono volute almeno due ore prima che gli squali si materializzassero. Il primo indizio della loro presenza era stato il ronzio del mulinello del mulinello degli squali, mentre un azzurro prendeva lo spuntino di pesce del preallarme.

ORA ERO IN ACQUA, ho deciso di trovare un buon punto di osservazione. Il sole splendente faceva sì che guardare verso il sole producesse molto bagliore nell'acqua e di fatto limitasse la visibilità, un po' come guidare nella nebbia con gli abbaglianti accesi.
Con il sole alle spalle era tutto molto meglio. Oltre a una migliore visibilità, il sole produceva raggi nell’acqua che somigliavano allo spettacolo di luci di un gruppo rock che danzava davanti ai miei occhi.
Una volta stabilito il punto di osservazione, non ho dovuto aspettare molto prima che un paio di blu si materializzassero al limite della visibilità e poi mi passassero lentamente accanto, scivolando senza sforzo sull'acqua.
Passarono descrivendo un ampio arco, poi scomparvero di nuovo. Dopo due o tre minuti ritornarono, facendo la stessa nuotata casuale.
Ero sicuro che stessero cercando di capire da dove provenissero tutti i pezzetti di aringhe: stavano portando a una metaforica pentola d'oro di squalo?
Continuarono a fare i loro passaggi, ogni volta un po' più vicini finché alla fine un blu passò così vicino che avrei potuto allungare la mano e toccarlo.
Il suo occhio freddo mi osservava, proprio mentre lo guardavo, mi sentivo davvero un visitatore del suo regno.
Gli individui si separarono. Uno andava sotto di me, l'altro di lato, e sparivano per un minuto o due prima di ritornare individualmente o insieme.
Durante un passaggio una medusa bussola stava passando alla deriva e uno degli azzurri ha preso una netta deviazione per controllarla, virando rapidamente via una volta capito di cosa si trattava.
Gli squali sono rimasti sul posto per ben tre ore mentre quelli sulla barca salivano, facevano snorkeling e si immergevano con loro, poi facevano una pausa e rientravano di nuovo.
Sono riuscito a uscire per cambiare gli obiettivi della fotocamera, il che mi ha permesso di ottenere scatti diversi.
Il viaggio è stato benedetto dal sole, dai venti leggeri e da una buona visibilità di superficie, gli unici elementi essenziali sono stati i venti leggeri.

OLTRE AL BLUES , è stato interessante vedere numerose aguglie, pesci simili ai barracuda, anch'esse attratte dalla scia degli amici. Entravano e banchettavano con le piccole particelle di amico vicino alla superficie.
Queste fantastiche creature selvagge si trovano a poche miglia dalla nostra costa e numerose barche per immersioni della Cornovaglia offrono viaggi per cercare di trovare e osservare gli squali blu.
Questa esperienza dovrebbe essere nella lista dei desideri di ogni subacqueo del Regno Unito: è stata una giornata lunga ma memorabile e ho intenzione di rifarla l'anno prossimo.

Per giornate di immersioni tra gli squali di otto ore per gruppi fino a 12 subacquei, Wave Chieftain addebita £ 600, incluso pranzo caldo e bevande. Il pernottamento è disponibile sulla barca per £ 10 a notte (può ospitare 10 persone), con servizi igienici, docce, lavanderia, parcheggio custodito, bar e ristorante nelle vicinanze del porto di Mylor. Nigel Hodge promette anche alcune immersioni notturne con gli squali quest'anno! www.divefalmouth.com

Apparso su DIVER febbraio 2017

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x