Come abbiamo scoperto cosa uccide così tanti squali balena

Questo squalo balena porta una cicatrice dovuta alla collisione con una barca (David Robinson, fornito dall'autore)
Questo squalo balena porta una cicatrice dovuta alla collisione con una barca (David Robinson, fornito dall'autore)

Sono i pesci più grandi del mondo, ma non è la pesca la causa principale del loro declino, come spiegano FREYA WOMERSLEY e DAVID SIMS dell’Università di Southampton

Oltre 80% del commercio internazionale avviene via mare. Gran parte di ciò che usiamo e consumiamo ogni giorno è stato o sarà trasportato su enormi navi che solcano l’oceano globale.

Le rotte seguite da queste navi portacontainer sono rotte marittime fisse note come autostrade marine, che non sono diverse dalle autostrade terrestri. Queste autostrade, che le navi percorrono avanti e indietro, collegano porti distanti, spesso su lati opposti di vasti oceani.

Le autostrade marine possono anche attraversare i movimenti e le rotte migratorie degli animali marini. Le balene e gli squali giganti che si nutrono di plancton sono particolarmente vulnerabili all'essere colpiti e uccisi da grandi navi, perché trascorrono lunghi periodi vicino alla superficie. Il nostro nuovo studio hanno scoperto che questa minaccia potrebbe essere una causa di morte per il pesce più grande del mondo, lo squalo balena, più grave di quanto si pensasse in precedenza.

Gli squali balena possono raggiungere una lunghezza massima di 20 metri. Nonostante il loro aspetto robusto, i loro numeri lo hanno diminuito di oltre il 50% negli ultimi 75 anni. Nel 2016, sono stati aggiunti all'elenco crescente di specie di squali in via di estinzione.

A differenza della maggior parte delle altre specie di squali che vagano per l'oceano aperto, le catture intenzionali o accidentali avvengono flotte da pesca industriali non si ritiene che siano una delle principali cause del declino degli squali balena. Questo perché le principali attività di pesca dello squalo balena sono state chiuse, e la specie lo è stata protetto da divieti commerciali internazionali dal 2003. Diversi fattori, invece, indicano che il trasporto marittimo è una delle principali, seppur nascoste, cause di morte.

Gli squali balena trascorrono gran parte del loro tempo navigando appena sotto la superficie dell'oceano, spesso nutrendosi di animali microscopici chiamati zooplancton, che possono metterli sulla traiettoria diretta di una nave.

Se uno di grandi dimensioni si scontra con uno squalo balena, probabilmente lo squalo ha poche possibilità di sopravvivere. Spesso di questi eventi non c'è traccia perché, in caso di collisione mortale, il corpo affonda. Gli squali balena si sono evoluti da squali più piccoli che vivono sul fondo e hanno mantenuto la loro galleggiabilità negativa.

Ciò rende difficile il rilevamento e la registrazione delle collisioni. Prima di ora, l’unica prova disponibile era una serie sparsa di testimonianze oculari, notizie e incontri con gli squali che ospita ferite da collisioni con navi più piccole.

Una vista ventrale della schiena di uno squalo balena con un'ampia sgorbia.
Le cicatrici attestano quanto siano probabili gli attacchi navali (Simon Pierce, autore fornito)

Abbiamo deciso di scoprire le morti nascoste degli squali balena riunendo un team internazionale di oltre 60 scienziati provenienti da 18 paesi. Nostro Progetto del Movimento Globale degli Squali Il satellite ha rintracciato quasi 350 squali balena dotandoli di etichette elettroniche e mappando le loro posizioni in tutti i principali oceani con un dettaglio senza precedenti. Ciò ha rivelato le regioni più densamente occupate, che spesso si trovavano in aree costiere dove è noto che la specie si raduna.

Una pinna dorsale di squalo balena con etichetta elettronica attaccata.
I tag elettronici consentono agli scienziati di tracciare gli squali utilizzando i satelliti (Mark Erdmann, autore fornito)

Sovrapposizione sorprendente

Abbiamo confrontato questi movimenti con un sistema obbligatorio di tracciamento delle navi, inizialmente sviluppato per evitare che le navi entrassero in collisione tra loro. Questo ci ha aiutato a monitorare le flotte globali di navi mercantili, petroliere, passeggeri e da pesca – i tipi di navi di grandi dimensioni (più pesanti di 300 tonnellate lorde) in grado di colpire e uccidere uno squalo balena.

Abbiamo scoperto che uno sconcertante 92% dello spazio orizzontale occupato dagli squali balena e quasi il 50% dei loro strati profondi si sovrapponevano alle attività di queste flotte.

Abbiamo quindi sviluppato modelli all’avanguardia per identificare il rischio di collisione all’interno di queste aree sovrapposte e abbiamo scoperto che il Golfo del Messico, il Golfo Arabico e il Mar Rosso rappresentavano il rischio più elevato per gli squali balena.

Queste regioni ospitano alcuni dei porti e dei passaggi marittimi più trafficati del mondo e, poiché i nostri livelli di rischio stimati sono correlati a collisioni mortali note qui, sembrano essere alcuni dei luoghi più pericolosi al mondo per gli squali balena.

Un subacqueo che nuota accanto a uno squalo balena.
I mari costieri sono tra le regioni più pericolose per gli squali balena (Sofia Green, fornita dall'autrice)

Nelle aree ad alto rischio, gli squali balena attraversavano regolarmente le rotte delle navi e passavano vicino a navi che viaggiavano circa 10 volte più velocemente di quanto nuotassero. Ciò ha dato agli squali pochissimo tempo per rispondere a una nave in arrivo, e questi incontri ravvicinati potrebbero verificarsi più spesso di quanto abbiamo la capacità di monitorare, finendo potenzialmente con attacchi fatali.

In modo allarmante, le trasmissioni dei tag degli squali balena terminavano più spesso su rotte di navigazione trafficate di quanto ci aspettassimo. Anche dopo aver tenuto conto dei guasti tecnici casuali dei trasmettitori, abbiamo riscontrato che il 24% dei tag ha smesso di trasmettere su rotte di navigazione trafficate, molto probabilmente a causa degli squali balena che sono stati colpiti mortalmente e sono affondati sul fondo dell’oceano.

Potremmo anche aver registrato la morte di squali balena a causa di collisioni. Alcuni dei tag registravano la profondità e la posizione e mostravano squali che si muovevano lungo le rotte di navigazione ma poi affondavano lentamente sul fondo del mare centinaia di metri più in basso: la prova evidente di un attacco letale alla nave.

Una grande nave portacontainer all'orizzonte.
Le rotte marittime globali rappresentano una minaccia sottovalutata per la vita marina (Simon Pierce, autore fornito)

In viaggio verso il pericolo

La sostanziale minaccia per gli squali balena scoperta dal nostro studio costituisce un valido argomento per misure di protezione urgenti. Al momento non esistono norme internazionali per proteggere gli squali balena dalle collisioni navali. Alla luce del nostro studio, questa specie dovrà affrontare un futuro incerto se non si interverrà presto.

Come primo passo per affrontare questa crisi, l’Organizzazione marittima internazionale (IMO) potrebbe sviluppare uno schema di reporting globale che consolidi i registri delle collisioni tra navi e fauna selvatica per gli squali balena e altre specie minacciate. Una rete di questo tipo aiuterebbe le autorità regionali ad attuare misure di protezione fornendo prove di dove si verificano le collisioni.

Le iniziative per ridurre il rischio di collisioni con le navi potrebbero emulare misure di protezione balene dalle collisioni, come le normative IMO che impongono alle navi di rallentare o di navigare con maggiore attenzione. Il nostro studio può aiutare identificando le aree ad alto rischio in cui queste misure potrebbero essere sperimentate.

Un’azione rapida potrebbe essere l’unico modo per evitare che il numero degli squali balena sprofondi ulteriormente verso l’estinzione.

Freya Womersley
Freya Womersley
david sim
david sim

FREYA WOMERSLEY è un dottorando e DAVIDE SIMS professore di ecologia marina presso l' Università di Southampton.

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

Anche su Divernet: Vuoi vedere gli squali balena? Nessun problema, Dove sono gli squali balena, Gli squali si immergono più in profondità di quanto pensassimo, I grandi pesci attirano i grandi spendaccioni

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x