Comportamento buono e cattivo a Bali


deprecato: la conversione automatica di false in array è obsoleta /home/837581.cloudwaysapps.com/gcahrcedfn/public_html/wp-content/plugins/link-whisper-premium/core/Wpil/Settings.php on line 3073

SUBACQUEO DELL'INDONESIA

Comportamento buono e cattivo
a Bali

Tulamben è un luogo da sogno, ma una mini-invasione spinge JOSS WOOLF a chiedere:
Qual è il vero costo di un'immagine vincente?

0891 principale di Bali

Keith, il re dei pomfrets.

Apparso su DIVER agosto 2019

La maggior parte dei fotografi subacquei So che adoro un po' di macro e di immersioni nel fango.

Non manco mai di stupirmi davanti alle creature più colorate, stravaganti o semplicemente strane che chiamano la ghiaia vulcanica la loro casa.

Ci sono molti posti, soprattutto in Indonesia, dove queste creature abbondano, e Tulamben, sulla costa nord-orientale di Bali, è uno di questi.

Arroccata in riva al mare, a breve distanza dal famoso relitto della Liberty, la località di Scuba Seraya è il paradiso dei macrofotografi.

Il piccolo gruppo di confortevoli bungalow si trova a pochi passi dalla sala da pranzo all'aperto e dal centro immersioni, e questa struttura amichevole e ben gestita gode dello sfondo affascinante del Monte Agung, un maestoso e imponente, anche se attualmente brontolante. vulcano.

La mia prima visita a questa gemma nascosta, come fotografo subacqueo abbastanza principiante, è stata diversi anni fa in un seminario di Shannon Conway, quando sono rimasto sorpreso di ritrovarmi a far parte di un entourage quasi interamente femminile, fatta eccezione per un gentile ragazzo irlandese.

Qualche anno dopo, nell'aprile 2017, ho avuto la fortuna di tornarci, con alcuni amici. Questa volta abbiamo avuto un assaggio del carattere di Agung durante l'immersione. Eravamo ad Amed, un sito un po' più lontano dove sono state allestite alcune strutture artificiali, già ben consolidate con varie specie di coralli e pesci.

All'improvviso si udì un getto d'acqua gelida, tutti i pesci scomparvero e tutto rimase immobile come avrebbe potuto essere per diversi minuti, prima che la vita tornasse lentamente alla normalità.

Alla fine di novembre dello stesso anno, per la prima volta dalla grande eruzione del 1963, l'Agung eruttò di nuovo e migliaia di persone in una zona di cinque miglia furono evacuate.

Gli aeroporti sono rimasti chiusi per diversi giorni e molti turisti sono rimasti a terra. Il turismo più o meno si è fermato e posti come Scuba Seraya non hanno avuto altra scelta che chiudere.

Tuttavia, ora è di nuovo aperto e siamo di nuovo qui nell'aprile 2019, come se nel frattempo non fosse successo nulla.

Dopo alcuni giorni dall'inizio della nostra visita, tuttavia, a colazione osservavamo divertiti gli addetti alle pulizie intenti a spolverare le piante e i cespugli fuori dalle nostre stanze: Agung aveva vomitato cenere tutta la notte.

Le nostre tute al centro immersioni sembravano soffrire di un grave attacco di forfora. Io e il mio compagno di stanza non potevamo fare a meno di fare piani di fuga strategici nel caso A, uno tsunami e, B, un'eruzione vulcanica, che implicherebbero entrambi una corsa molto veloce, con breve preavviso, in direzioni opposte.

Ghiozzo in bottiglia (a sinistra) e Bavosa, anche loro in bottiglia.
Ghiozzo in bottiglia (a sinistra) e Bavosa, anche loro in bottiglia.

A causa del deterioramento della vista, comune a molti subacquei di una certa età, il nudibranco Sean la pecora era finora riuscito a sfuggirmi, ma in questo viaggio, dopo aver scoperto l'innovazione delle lenti Hydrotac, ero deciso che questa omissione sarebbe stata una cosa del passato.

Armato della mia nuova lente bifocale mask, all'improvviso la vita macro subacquea si è trasformata oltre ciò che avrei mai pensato possibile. Sono riuscito persino a individuare le mie pecore!

Quindi ecco come una Woolf caccia le sue pecore. In un paesaggio vulcanico sottomarino altrimenti piuttosto brullo, ghiaioso e grigio, cerca una foglia verde malandata di circa 5 cm di diametro, quindi vedi se possiede un punto bianco delle dimensioni di un punto.

Scatta una fotografia per determinare se il punto è o meno una “cosa” e, se lo è, dovrai stabilire qual è la testata. Ciò potrebbe facilmente comportare l'esecuzione di un altro paio di scatti prima di esserne sicuri.

Quindi puoi sparare finché non sei soddisfatto del risultato, prima di passare a un'altra foglia.

A volte puoi trovare una foglia con due nudibranchi sopra, come ho avuto la fortuna di fare. E non sono sempre bianchi; esistono anche versioni esotiche in colori pazzeschi come il verde scuro con punte viola, oppure blu e giallo, oppure con i dreadlocks.

Divenne presto evidente che è necessaria molta attenzione con le lenti Hydrotac, che possono essere rimosse troppo facilmente, soprattutto se maneggiate accidentalmente da un aiutante disinformato della barca per le immersioni. Resta comunque un mistero per me come ci si possa aspettare che rimangano sul posto in un'immersione.mask con una sola goccia d'acqua.

Tuttavia, è sorprendente il modo in cui il cervello si adatta e, se necessario, puoi farcela con un solo obiettivo. Direi che vanno bene per un'emergenza, ma la prossima volta investirò in un'ottica adeguata mask.

Il relitto della Liberty non delude mai anche se, quasi a qualsiasi ora del giorno, ci saranno dozzine di subacquei, per lo più con scarse – o nulle – capacità di galleggiamento, sdraiati sul relitto o scontrandosi con altre persone.

Sorprendentemente, nonostante tutto ciò, il relitto sembra essere ancora in buone condizioni in tutti questi anni. Ricordo che due anni fa feci un'immersione al mattino molto presto mentre era ancora buio, e c'erano solo tre pesci pappagallo bumphead, che "dormivano" in uno degli scomparti, un decimo del numero che ci si sarebbe potuti aspettare qualche anno prima. .

Questa volta, però, c'erano probabilmente un paio di dozzine di pesci, e non sembravano turbati dal numero di subacquei che cercavano di scattare le loro fotografie. Era quasi come se i pesci si fossero svegliati e si fossero detti: ok ragazzi, finiamola e andiamo a tormentare gli umani.

Per qualche motivo a Bali non è consentita la costruzione di moli. È un vero peccato, perché entrare e uscire dall'acqua durante le immersioni da riva non è facile, soprattutto quando si è completamente equipaggiati e con molti massi su cui inciampare.

Il team del centro immersioni non potrebbe essere più utile, tuttavia, e se c'è un po' di moto ondoso o le onde si infrangono, verranno in mare, ti prenderanno tutto il kit e ti terranno la mano - a volte entrambi mani – per condurti verso la salvezza. Consiglio anche un paio di stivali robusti. Una volta in acqua, la ricompensa supera di gran lunga lo sforzo.

In senso orario, dall'alto a sinistra: Scorfani; Gamberetti al corallo; Pesce pipistrello; I pesci fanno la fila alla stazione di pulizia delle botti-spugne; Subacqueo con corallo ventaglio.
In senso orario, dall'alto a sinistra: Scorfani; Gamberetti al corallo; Pesce pipistrello; I pesci fanno la fila alla stazione di pulizia delle botti-spugne; Subacqueo con corallo ventaglio.

Quindi, per i primi giorni, dopo aver terminato l'immersione dalla barca, potevamo scendere fino a 20 metri circa sulla barriera corallina e rivisitare i nostri soggetti preferiti ancora e ancora fino a quando non ottenevamo lo scatto giusto, o semplicemente osservarli andare in giro la loro vita quotidiana.

All’improvviso, però, tutto ciò stava per cambiare. Nel corso della nostra seconda settimana è emerso che una macro competizione internazionale conosciuta come Dragon Cup Shootout si stava svolgendo proprio davanti alla nostra porta.

Organizzato da UWPixel, c'erano più di 60 concorrenti asiatici, tutti alloggiati nell'adiacente Liberty Dive Resort con più di 30 guide locali a loro disposizione. Li avevamo incontrati e il loro comportamento spaventoso in diverse immersioni nei due giorni precedenti, inclusa quella la nostra barriera corallina.

La mattina del 1 maggio ci siamo immersi in un sito chiamato Pong Pong, vicino al Liberty.

Senza eccezioni, ogni concorrente subacqueo deliberatamente sovrappeso poteva essere visto sdraiato con l'intero corpo disteso sul terreno, con enormi sistemi di telecamere piantati saldamente sul fondo del mare, indipendentemente da quali creature e dal loro habitat si trovassero sotto.

Le guide subacquee, uno su due subacquei, erano altrettanto colpevoli (ovviamente venivano pagati) e abbiamo osservato lo spostamento e la pulizia delle rocce e il riposizionamento dei soggetti in luoghi esteticamente più gradevoli.

Grandi tempeste di sabbia sollevate da ingombranti fini ha rovinato molti dei nostri scatti, mandando spesso i nostri soggetti nell'oblio.

Alcuni concorrenti hanno avuto anche l'audacia di provare a “rubare” i nostri soggetti tentando di spingerci fuori strada.

Ero così infuriato per le azioni di un sub che l'ho presa di peso (molto più facile sott'acqua che sulla terra) per cercare di dimostrarle che stava facendo qualcosa di sbagliato. Ma lei era ignara.

È un comportamento come il loro che a volte mi fa vergognare di essere un fotografo subacqueo. Sono orgoglioso delle mie capacità di galleggiamento e di quelle del resto del nostro gruppo ben addestrato. La mia filosofia è che se non è possibile realizzare una fotografia senza aggrapparsi a qualcosa o causare danni, non dovrebbe essere scattata affatto.

Più tardi quel giorno, un concorrente è stato visto sulla nostra barriera corallina fotografare un gambero arlecchino residente a soli 4 metri. Chiaramente questo imbecille lo aveva rimosso dalla sua casa a 18 metri e lo aveva collocato in un posto più desiderabile. Almeno l'ha rimesso a posto. Ma il peggio doveva venire.

Odio anche solo pensarlo possibile, ma prima della competizione un gambero arlecchino sulla barriera corallina aveva due chele anteriori e poi all'improvviso ne ha avuto solo uno.

È un vecchio trucco per impedire alla persona successiva di ottenere uno scatto migliore.

Da nessuna parte nelle regole della competizione si diceva qualcosa sulla buona pratica di immersione e sul rispetto dell'ambiente, ed eravamo tutti arrabbiati per questo comportamento. Abbiamo chiesto alle nostre guide subacquee come fosse possibile che ciò accadesse, ma si sono limitate ad alzare le spalle. Alla fine è tutto una questione di soldi.

Ho scritto agli organizzatori della Dragon Cup Shootout per i loro commenti, e anche allo sponsor principale Nauticam, che ha assegnato una custodia per fotocamera al vincitore, per renderlo consapevole del livello di comportamento dei concorrenti e del danno che stavano causando in nome del marchio promozione.

Insieme al mio reclamo, ho inviato un collegamento al codice di condotta dal sito web della British Society of Underwater Photographers.

La risposta di Nauticam a Hong Kong è stata rinfrescante e positiva. Ha chiesto agli organizzatori di inviargli le immagini vincitrici in modo da poter accertarsi che i premi andassero solo ai partecipanti che non avevano infranto alcuna “regola”, anche se sarebbe difficile dirlo dopo l'evento.

Tuttavia, ha anche chiesto se poteva tradurre il nostro codice di condotta in cinese con l'obiettivo di incorporarlo nelle future competizioni a cui è associato, e anche per creare consapevolezza durante gli spettacoli di immersione. È un inizio.

La bellezza di restare in un unico luogo ed essere in grado di immergersi negli stessi siti ancora e ancora significa conoscere dove si ritrovano i tuoi soggetti preferiti e il momento migliore della giornata per fotografarli e osservare il loro comportamento naturale.

Uova di pesce pagliaccio.
Uova di pesce pagliaccio.

Una serie di favolose spugne a botte a destra della barriera corallina fungono da stazioni di pulizia per pesci angelo, pesci bandiera e altri. I pesci si abituano alla tua presenza ed è facile fotografare il loro andirivieni, vincolati solo dalle limitazioni della profondità e dell'aria.

Abbiamo osservato le uova di pesce pagliaccio appena deposte accanto a un anemone e il comportamento protettivo del pesce pagliaccio, nonché il cambiamento di colore in pochi giorni dal rosso brillante al marrone opaco quando le uova sviluppavano paia di occhi.

Abbiamo completato il nostro ultimo immersione dalla riva da Scuba Seraya. Ho pensato di fare un'ultima visita alle stazioni di pulizia delle botti-spugna, e mentre eravamo lì ci siamo guardati increduli mentre sentivamo la Terra muoversi. Era chiaramente il modo di Agung di dirci addio.

FATTO

COME ARRIVARE> Volo a Ngurah Rai vicino a Denpasar e trasferimento su strada verso il nord-est dell'isola.

IMMERSIONE & ALLOGGI> Scuba Seraya Resort dispone di 12 bungalow e una spiaggia privata, scubaseraya.com

QUANDO ANDIAMO> Durante tutto l'anno, la temperatura dell'acqua è solitamente compresa tra 27 e 28°C.

I SOLDI> Rupia indonesiana.

SALUTE>Camera iperbarica a Denpasar.

PREZZI> Bungalow da circa £87 a notte (due condivisi), immersioni dalla riva £18, immersioni dalla barca £27. Voli a partire da £ 450.

Informazioni sui VISITATORI> indonesia.travel

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x