Corsa a secco

SUBACQUEO DELLA CROAZIA

Corsa a secco

WILL APPLEYARD e la sua compagna Ana intraprendono un viaggio subacqueo in Croazia, anche se per lunghi periodi sembra destinato a non essere altro che un viaggio in Croazia!

0819 croazia Immersione dalla riva di Pola

Un aiuto dopo l'immersione dalla riva di Pola.

Non sono sicuro di quale intrusione mi svegli per prima – i colpi alle nostre finestre, le risate gutturali e le urla fuori, o forse un’Ana terrorizzata che mi scuote per svegliarmi per affrontare un problema che spero alla fine si risolverà da solo.

Sbirciando nella notte attraverso una fessura tra le tende del nostro camper, riesco a malapena a distinguere i volti parzialmente illuminati di diversi uomini che avevo visto prima quella sera, curvi su una collezione in rapida crescita di bottiglie di birra in un bar fumoso di gente del posto. nel villaggio di Muc.

Sono le 2 del mattino e so solo che non dovremmo "accamparci selvaggiamente" in questa strada per la notte.

Ana ed io avevamo parlato molto della Croazia in passato. Avevamo sentito solo cose interessanti sulla destinazione sopra la linea di galleggiamento, anche se sempre seguite da un rider "...ma Dubrovnik è super occupata durante l'estate".

Sapendo poco delle immersioni offerte, avevamo deciso di esplorare il paese su strada durante la primavera per evitare quelle folle.

Scegliamo una nuova rotta attraverso la Manica (per

almeno noi) da Portsmouth a St Malo nel nord della Francia, per gentile concessione di Brittany Ferries. La maggior parte di questa traversata notturna è avvenuta mentre dormivamo.

Con il senno di poi, atterrare a Calais o Dieppe sarebbe stato meglio, perché avremmo potuto evitare l’infernale strada periferica parigina, riducendo allo stesso tempo notevolmente il nostro chilometraggio.

Apparso su DIVER agosto 2019

Riusciamo ad evitare tutte le costose strade a pedaggio francesi, abbastanza facile quando si attraversa la metà settentrionale del paese, il che richiede poco più di un giorno per staccare la spina.

La Germania va e viene velocemente grazie alla fluida autostrada, dove non oso avventurarmi nemmeno con una gomma nella corsia di sorpasso.

Il traffico scorre in modo efficiente ad alta velocità, le auto saltano l'una sull'altra in una routine ben coreografata.

L'Austria porta la neve sugli alti passi e due notti molto fredde. Siamo sollevati di aver preparato all’ultimo minuto una coperta extra e una stufa a gas portatile.

La Slovenia offre scenari di inimmaginabile bellezza e natura incontaminata, con sentori di Canada e note di Nuova Zelanda.

Rivers the colour of overly processed digitale photographs flow through deep valleys rich with greens and yellows. We camp by silent, glassy lakes that beg to be dived.

Tappiamo la spalla dell'Italia, fermandoci solo per un caffè e per scaldarci al sole, pastoso e invernale, mentre arrivano i primi segnali di primavera e le temperature superano i 20°C.

L'attraversamento del confine con la Croazia è lento.

Noto che il mio braccio destro è scottato dal sole mentre guidiamo verso il controllo passaporti.

Entriamo nell’entroterra settentrionale, che dopo solo un paio d’ore di guida rivela le cicatrici lasciate dal conflitto nei Balcani degli anni ’1990. Sulle pianure ampie, pianeggianti e delimitate dalle montagne si trovano piccoli appezzamenti agricoli punteggiati di case, alcune nuove, altre abbandonate o bruciate e molte crivellate di fori di proiettili.

L’interno della Croazia è un luogo confuso in cui la bellezza naturale si affianca alla spaventosa brutalità storica e alla sofferenza umana.

Trascorriamo la nostra prima notte in campagna, con il permesso dei proprietari, nel parcheggio di un ristorante in un villaggio di campagna scarsamente popolato. Compriamo qualche birra da loro.

Il secondo giorno, con la testa confusa, raggiungiamo finalmente la magnifica costa croata, dove le montagne si tuffano nell'Adriatico e la strada si snoda tra di loro.

What we haven’t realised is how many islands Croatia appears to have collected (1244!) and with such wonderful topography we could be in Indonesia were it not for all the Croatian flags adorning shops and houses.

Un punto culminante dell'immersione a Dubrovnik.
Un punto culminante dell'immersione a Dubrovnik.

Abbiamo pianificato una distribuzione di tre luoghi di immersione: prima Dubrovnik nel sud, Tuçepi al centro e infine Pola, nel nord. Prima di raggiungere Dubrovnik dobbiamo attraversare la Bosnia, che possiede un lembo di costa. Ciò significa altri due controlli di frontiera.

“Se trovo nella tua macchina qualcosa che non hai dichiarato, ti porteranno in prigione per sette anni, capisci?” La guardia ci lancia il suo discorso serio, chiedendoci di mostrargli i nostri armadi, cassetti e l'attrezzatura subacquea.

Comincio a sentirmi leggermente sudato, sembro inutilmente colpevole e mi chiedo se non stiamo portando troppa birra o se i nostri numerosi coltelli da cucina potrebbero costituire armi offensive.

Comincio a immaginare la vita in una prigione bosniaca, ma alla fine ci vengono restituiti i passaporti e la guardia ci augura buon viaggio.

La Croazia per me è una delle prime cinque contendenti per la guida costiera, ma quando raggiungiamo Dubrovnik, con il suo porto per navi da crociera, l'imponente ponte e gli edifici dal tetto rosso, siamo pronti per un po' di azione subacquea.

Il Blue Planet Dive Center si trova ai piedi dell'elegante Dubrovnik Palace Hotel, appena sotto la piscina e vicino alla costa rocciosa. Le e-mail scambiate prima del viaggio sembravano amichevoli e di supporto, ma le comunicazioni si deteriorano dal momento in cui varchiamo la porta dell'ufficio.

Poiché l'immersione doveva essere verificata su divEr, era stato chiarito in anticipo che sarebbe stata fornita gratuitamente. La Blue Planet, tuttavia, aveva cambiato idea e aveva insistito solo per un piccolo sconto, sostenendo che aveva dei subacquei “in coda fuori dalla porta tutto l’anno” e che “non aveva bisogno dell’esposizione”. D'accordo, ma perché non dirlo prima del nostro arrivo?

We put ourselves at the back of a line of hotel guests, mostly Americans plus a couple of other Brits, on the morning of our scheduled diving day, ready to fill out the usual PADI paperwork.

La maggior parte se non tutti noi siamo arrivati ​​senza diario di bordo: raramente viaggio con uno di questi tempi.

Con tutti i subacquei presenti, notiamo che il direttore del centro inizia a interrogare tutti in coda sulla loro storia di immersioni, a un livello che sembra eccessivo. Ana e io ci scambiamo le sopracciglia alzate.

Invece di accettare risposte verbali, continua a interrogare a lungo ogni subacqueo, finché non arriva finalmente da noi.

He seeks further confirmation of Ana’s qualification online, apparently not satisfied by her valid cert card. I dig out PADI certs of my own and these, along with my verbal dive-tally, are eventually accepted but only when I add in my commercial diving certification.

Had we been newly qualified divers, we could well have started our Blue Planet Diving experience on the wrong foot. So, a bad start with the admin, but what else could possibly go wrong?

Abbiamo letto di diversi relitti facilmente accessibili nella zona e abbiamo menzionato allo staff la possibilità di immergerci.

Tuttavia, invece di dividere i 10 ospiti in gruppi di abilità, veniamo tutti portati in barca per un tour subacqueo con sosta del sito più vicino, che è in gran parte anonimo tranne che per una nuotata.

Dopo l'immersione, decidiamo che questo centro è impostato principalmente per subacquei di prova e ospiti appena qualificati. Non c'è niente di sbagliato in questo, ma abbiamo investito molte ore nel nostro progetto e siamo ansiosi di esplorare le migliori immersioni che la Croazia ha da offrire.

Rifiutiamo di prendere parte all'immersione due. Non siamo solo noi; nessuno nel gruppo guarda

o suoni particolarmente ispirati dalle immersioni mattutine. Non solo, ma dalla sua descrizione il sito successivo sembra simile a quello che abbiamo appena visitato – e non ci sono relitti in offerta.

We pack our equipment, leave for lunch in Dubrovnik and explore the old city and its impressive walls. With the benefit of hindsight, we should perhaps have checked all the local dive-centres’ online reviews, and considered smaller, more independent centres that might be keener to satisfy our diving requirements.

Preferiamo un campeggio per due notti a Dubrovnik al campeggio selvaggio. I campeggi sono numerosi, a prezzi ragionevoli in bassa stagione e ci sono solo pochi giorni in cui siamo disposti a rinunciare a una doccia calda.

La città si rivela deliziosa se affollata, ma almeno in primavera le strade sono gestibili e i campeggi sono pieni, se non vuoti, per meno di un quarto.

Con i limiti di tempo che ci spingono a nord, we head for Butterfly Diving in the marina village of Tuçepi. A fat band of sea passes between the mainland and a long strip of an island called Brac.

Tuçepi si affaccia sull'isola e non vediamo l'ora di immergerci ancora una volta nel fresco e limpido Adriatico, magari questa volta con qualche relitto da esplorare?

Sebastian, l'accogliente proprietario tedesco di Butterfly, ci offre un caffè mattutino al sole vicino al porto turistico dove tiene la sua barca. Vive in Croazia da 14 anni ed è desideroso di accoglierci in ogni modo possibile, tranne che non può.

Le immersioni croate soffrono di due tipi di vento forte: la bora da nord e lo scirocco da sud. Quando soffiano, possono far esplodere completamente l'immersione.

We’re in the unfortunate position of arriving with only a two-day diving window available before we have to head north to Pula.

Entrambi i giorni verranno spazzati via dagli imminenti venti meridionali. Quindi decidiamo di salire sull'ultimo traghetto serale per Brac per vedere se c'è qualche possibilità di inzuppare il neoprene sul lato riparato.

Brac è chiaramente una destinazione stagionale e, anche se stiamo cercando periodi più tranquilli in Croazia, quasi troppo tranquilli per noi – i villaggi sono quasi vuoti e/o chiusi.

Ana durante la seconda immersione a Pola.
Ana durante la seconda immersione a Pola.

Un centro immersioni locale sembra desideroso di aiutarci, ma è al completo il primo giorno della nostra finestra di due giorni. Il secondo giorno anch'esso è influenzato dal vento.

Ci innamoriamo delle graziose insenature e dei villaggi di Brac, delle strade tortuose e del terreno accidentato, e in particolare ci godiamo un delizioso pranzo a base di agnello alla Konoba Kopacina fornito dall'Ente croato per il turismo. I croati sanno grigliare!

Imbrogliamo e un traghetto alternativo a metà pomeriggio ci porta molti chilometri più a monte lungo la costa rispetto al nostro viaggio di ritorno, nella città di Spalato.

Questo salto toglie un bel po' di tempo sull'asfalto al nostro viaggio, dando al nostro camper un meritato riposo. Guardiamo verso il cielo mentre percorriamo ancora una volta la strada costiera, pregando gli dei delle immersioni affinché Pola salvi questa avventura subacquea quasi secca.

Riscaldati dall’idiozia dal vino (per citare la scrittrice Laurie Lee) e con la testa che ruggisce di panico (per citarlo di nuovo in parte), ci avviciniamo alla nostra ultima speranza: Orca Diving, nell’estremo nord della Croazia.

Mi piace sempre individuare un centro immersioni sconosciuto il giorno prima dello “scioglimento delle corde”. Litigare sulle indicazioni stradali è l'ultima cosa di cui una coppia di sub ha bisogno la mattina prima di un'immersione, soprattutto quando i due sono già litigati da centinaia di miglia insieme sulla strada.

Sembra ancora ventoso ma Olga, comproprietaria dell'azienda di famiglia, ci assicura che potremo immergerci, anche se un giorno sembra migliore dell'altro. Orca si trova ancora una volta ai piedi di un grande albergo, ma chiaramente opera in modo del tutto indipendente da esso.

L'edificio è simile al Tardis, senza pretese dall'esterno ma con un vasto interno completo di aula, accogliente e ben attrezzato.

Olga introduces us to her son and dive-guide/istruttore Marin, who is eager to show us the house reef, the only site accessible if the wind drops enough to allow us out on the boat the following day.

We pull on our drysuits and Marin his 5mm muta – è chiaramente fatto di un materiale più resistente del nostro, con l’acqua ancora a soli 13 °C in primavera. La limpidezza è ragionevole e il fondale di roccia beige e sabbia scende gradualmente fino a 15 metri. In questo periodo dell'anno la vita marina sta appena iniziando a ritornare, anche se Marin ci trova tre gronghi durante la nostra immersione di un'ora.

Ci conduce verso un mucchio di anfore romane rotte prima di indicarci un granchio che indossa una cuffia da doccia di spugna e mangia una stella marina accanto a un piccolo pedalò affondato.

Anche se sparse in alcuni punti, le spugne gialle aggiungono un tocco di colore. Marin cerca in ogni buco oggetti di interesse da mostrarci, inclusi molti nudibranchi.

The remains of an 18th-century ship’s mast appear out of the turquoise, and in places small shoals of fish are present. Marin must have done this dive hundreds of times, yet still has much to enthuse about once we’re out of the water.

Siamo carichi per le immersioni di nuovo e percepiamo non solo grandi vibrazioni riguardo al centro immersioni, ma anche a Pola come destinazione per le immersioni e, in effetti, per una vacanza in città.

I campeggi si stanno già riempiendo di camper provenienti da ogni angolo d'Europa, ne visitiamo un paio prima di sistemarci allo Stoja Camping.

Notiamo che molti dei siti, la maggior parte dei quali sono costieri, hanno i propri centri di immersione, ma rimaniamo fedeli a Orca.

Con molto vento ancora in giro, facciamo una breve nuotata verso la barca dura di Orca per risparmiare il suo scafo dal molo di cemento. Marin ci porterà in uno dei suoi siti preferiti, Fraskeric.

Quattro bellissime caverne iniziano a soli 3 metri e alla fine ci portano alla profondità massima, intorno ai 20 metri. "I raggi di luce penetrano attraverso i buchi nel soffitto dei tunnel poco profondi in determinate ore del giorno, e questo può essere uno spettacolo spettacolare", ci dice.

La località è nota anche per le immersioni libere e notturne e per i cavallucci marini, a quanto pare.

Il tempo di viaggio in barca è minimo e arriviamo equipaggiati. Le correnti non sono un problema mentre seguiamo il mare fino al fondo del mare.

Sono un fanatico delle immersioni in caverna ed è fantastico intraprendere un'esplorazione subacquea dopo così tante delusioni. Uno dopo l'altro scopriamo le caverne, alcune appaiono come buchi neri spalancati al primo ingresso, con una tonalità di blu che appare nel punto di uscita una volta che i nostri occhi si sono abituati.

Alcuni ingressi e uscite sono più stretti di altri, con il tunnel che richiede un vis-killing tra la roccia e la sabbia sul fondo del mare.

Questa non è in alcun modo una “immersione in grotta”, ma è emozionante per un subacqueo ricreativo. Trascorriamo un'ora di esplorazione prima che il freddo si insinui e il consumo d'aria ci mandi verso il cielo per l'ultima volta in Croazia. Orca Diving ha salvato la nostra avventura di guida e immersione con questa epica immersione finale.

We learnt a lot in Croatia. We learnt the importance of digesting online company reviews prior to a visit; the need to allow ourselves plenty of contingency time; and not to sleep in a van outside bars full of drunken locals.

FATTO

COME ARRIVARE> Brittany Ferries Portsmouth-St Malo, brittany-ferries.co.uk

DIVING> Orca, Pola, orcadiving.hr, Pianeta Blu, Dubrovnik, blueplanet-diving.hr

ALLOGGI> Arena Campeggi, Pola, arenacampsites.com; Campeggio Solitude, Dubrovnik, camping-adriatic.com

0819 scheda informativa sulla croaziaQUANDO ANDIAMO> I venti sono imprevedibili in qualsiasi periodo dell'anno in Croazia, quindi la primavera è ancora una buona scommessa per evitare la folla estiva.

I SOLDI> Kuna croata.

PREZZI> Carburante per un viaggio di 2900 miglia da Brighton a Dubrovnik via Pola circa £ 600. I traghetti sulla Manica ritornano con cabina £ 570. Traghetti Spalato-Brac £ 19-35 a tratta (dipende dal veicolo). Campeggio £ 15-30 a notte per due. Orca due immersioni dalla barca 56-116 euro. Pacchetto 10 immersioni Blue Planet 286 euro.

Informazioni sui VISITATORI> croazia.hr, istria.hr, dalmazia.hr, www.tzdubrovnik.hr

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x