Immergersi nel seducente mondo sotterraneo del Messico

Non è necessario essere un vero e proprio subacqueo delle caverne per godersi gli spettacolari cenotes della penisola dello Yucatan, anche se una settimana trascorsa a esplorare le caverne in buona compagnia potrebbe darti la voglia di scavare più a fondo, come scopre PENELOPE GRANYCOME. Foto di KATHY HUGHES

Leggi anche: “Posto sbagliato, momento sbagliato”: sub la cui testa era tra le fauci del coccodrillo

Se cerchi nuovo stupore e meraviglia dalle tue immersioni, non c'è molto che possa rivaleggiare con i cenote dell’area Quintana Roo della penisola messicana dello Yucatan, una delle aree geologicamente più ricche della Terra. 

Scivolare attraverso scintillanti alocline mentre raggi di luce si irradiano attraverso l'acqua traslucida e librarsi sopra e sotto la spettacolare geologia delle speleoterme è un'esperienza trascendente e una visione del mondo degli antichi Maya, che vedevano i cenote come passaggi sacri verso gli inferi . 

La parola deriva da d'zonot, maya che significa "pozzo sacro" o "buco con acqua", una fonte quotidiana di acqua potabile e per l'agricoltura. L'immersione completa in grotta è accessibile solo a subacquei tecnici addestrati su rebreather o bombole multiple, ma ciò non impedisce ai subacquei ricreativi di sperimentare aspetti di questo magico mondo. 

Immergersi in un cenote in Messico (Kathy Hughes)
Entrare in un cenote

L'esperienza in caverna è raggiungibile entro determinati parametri, con la giusta mentalità, competenza adeguata e, ovviamente, guide professionali. 

La mia amica Kat e io siamo stati all'Underworld Tulum, gestito da Lanny e Claire Vogel di grande esperienza. La coppia non solo ospita alcuni dei subacquei e delle squadre più rinomati al mondo, ma anche subacquei come noi: Kat, un divemaster, e io con poco meno di 300 immersioni registrate. 

I Vogel sono stati instancabilmente disponibili prima del nostro arrivo, rispondendo a qualsiasi domanda da parte di coloro che riguardavano l'attrezzatura (potevamo prendere in prestito tutto ciò di cui avevamo bisogno) e la temperatura dell'acqua (25 ° C molto confortevoli tutto l'anno). La loro gentilezza si riflette nei loro splendidi cani e gatti salvati, conosciuti da tutti i visitatori per offrire il benvenuto più esuberante dopo un lungo volo.

Elementi di sicurezza

Dopo una giornata trascorsa ad ambientarci, ci siamo svegliati per un briefing con Lanny, caffè fresco in mano, sulla topografia dei siti da cui dovevamo iniziare e sui rigorosi elementi di sicurezza.

È importante chiarire che la nostra immersione non era un tipo di corso formale (sebbene sia disponibile un addestramento approfondito), ma è necessario osservare una linea di base di protocolli, sia in un cenote aperto più profondo che in un passaggio di grotta meno profondo. 

Con il passare della settimana abbiamo scoperto come questi principi, che coprono aspetti come la gestione del gas, la chiara comunicazione degli obiettivi e la gestione del rischio, stavano incorniciando il nostro pensiero su come avremmo potuto applicarli a tutte le nostre immersioni. 

Non c'è vergogna, ha spiegato Lanny, nel terminare un'immersione per qualsiasi motivo, né vergogna nel fare domande, e abbiamo parlato del libro di Gareth Lock Sotto pressione, che esplora la psicologia individuale e di gruppo in relazione alla mitigazione dell'errore umano nelle immersioni.

Il primo è stato il Cenote Ponderosa, noto anche come Jardin del Eden, pensando a tutto questo. Underworld Tulum specifica non più di tre subacquei per guida o istruttore (il rapporto massimo è 4:1 in Messico) e solo con noi stessi e Lanny potremmo davvero rilassarci nelle immersioni. 

Cenote Ponderosa (Kathy Hughes)
Cenote Ponderosa

La prima regola è non allontanarsi dai tuoi amici o dalla linea della caverna d'oro, perché non viene dato alcun premio (o misericordia) per aver perso o deviato da essa, indipendentemente dall'esca. Lanny ci aveva fornito una breve panoramica dei segnali insieme ai segnali e ai protocolli della torcia (generalmente avanti, movimenti lenti) e dovevamo seguirlo e indicare la svolta indietro dopo aver utilizzato il nostro primo terzo di gas. 

Tutte le immersioni in grotte e caverne seguono la regola dei terzi del gas e, prima della discesa, implicano l'articolazione del numero di giri del gas, nonché un controllo delle perdite delle valvole in acqua, un controllo della torcia primaria e di riserva e la conferma che le valvole siano completamente aperte. 

Avevamo verificato la nostra percentuale di riempimento di nitrox ed etichettato tutti i serbatoi al momento della raccolta. Possono essere necessari spostamenti considerevoli verso alcuni siti e, sebbene siano disponibili servizi igienici e graziose aree di ristoro, i compressori non lo sono!

Spettacolo di luci

È stata una prima immersione spettacolare. Lanny ha steso una corda fino al primo indicatore della caverna e siamo scesi nell'oscurità iniziale attraverso l'acqua cristallina, lontano dalla piscina all'aperto. Mentre seguivamo la fila, grandiosi panorami di luce danzavano sulla roccia intorno a noi, uno spettacolo di luci teatrale.

Verso la metà dell'immersione, l'illusione ottica di una scintillante aloclina ci ha fatto cenno e abbiamo nuotato attraverso di essa, consapevoli dei cambiamenti di assetto. Il greco alone significa sale e Cline gradiente, quindi nuotare o scendere nella miscela richiede un rilascio d'aria controintuitivo prima di aggiungere acqua fresca e meno densa.

Una volta tornati nelle acque basse della piscina all'aperto, avevamo ancora molta aria per goderci i pesci e la vegetazione muschiosa del giardino sottomarino. Kat ha identificato Jack Dempsey, sailfin molly e grandi specie di tetra.

Dopo un bellissimo pranzo, incluso come parte della giornata, si è andati al cenote del Taj Mahal, un'immersione in una caverna più o meno continua nell'oscurità. Immersioni come questa costituiscono ancora immersioni in caverna piuttosto che in grotta, perché rimangono entro 60 m di acque libere poco profonde. 

Nessuna delle immersioni prevedeva punti stretti e Lanny aveva controllato i nostri livelli di comfort e le nostre capacità di galleggiamento, con qualche feedback sui nostri calci a rana e sullo stile di immersione. Aveva capito fin dall'inizio le nostre abitudini e i nostri schemi radicati e questi, ci ha assicurato, sarebbero stati cancellati se avessimo intrapreso un ulteriore addestramento!

Tajma Ha, come è anche noto, era affascinante. “Adesso ho capito…” ho pensato. Niente sembrava claustrofobico ma piuttosto espansivo e profondamente riposante. Il percorso aveva un profilo piuttosto altalenante, quindi era necessaria un'eccellente galleggiabilità per evitare di danneggiare le delicate formazioni o se stessi. 

“Stairway to heaven” allo Sugarbowl (Kathy Hughes)
“Passi verso il paradiso” allo Sugarbowl

Kat ha scattato una foto straordinaria della parte conosciuta come Sugarbowl, una scala che si allunga come verso il cielo.

Squali toro

Il giorno successivo ci portò in mare al largo di Playa del Carmen più a monte della costa per vedere gli squali toro. Fortunatamente non c'era una corrente troppo forte mentre scendevamo da una boa a circa 28 metri. Nella calma blu del fondale sabbioso ci siamo divertiti guardando gli squali che scivolavano maestosamente, e poi una seconda immersione, questa volta una dolce deriva su una barriera corallina.

Kat e gli squali toro (foto di Lanny Vogel)
Kat e gli squali toro (foto di Lanny Vogel)

La nostra guida per il giorno seguente era Pete, e davanti a un caffè abbiamo chiacchierato su dove andare dopo. Le scelte sono abbondanti, perché ci sono così tanti cenote e sistemi di grotte in tutta Quintana Roo. Si sono formati principalmente sopra la falda freatica in un processo chiamato carsismo: la dissoluzione, il collasso e la ricristallizzazione del calcare. 

Essenzialmente, erano formate da acqua piovana acidificata (proveniente dall'assorbimento di anidride carbonica) e da materia organica in decomposizione. Le grotte si allagarono quando le calotte glaciali si sciolsero dal picco dell'ultima era glaciale circa 20,000 anni fa. 

La miscela con acqua salata è dove avviene la maggiore dissoluzione. Appena sopra gli aloclini le grotte sono più larghe, perché l'erosione è maggiore.

Abbiamo deciso per Angelita – Little Angel – un cenote di tipo aperto in cui la grotta è completamente crollata su se stessa. La caratteristica principale di Angelita è una nuvola di idrogeno solforato a una profondità di circa 30 metri, con rami che si profilano per dare l'aspetto di una foresta incantata. 

Angelita, con la sua nuvola di idrogeno solforato e i rami degli alberi (Kathy Hughes)
Angelita, con la sua nuvola di idrogeno solforato e i rami sporgenti degli alberi

Pete ha spiegato come la materia in decomposizione che si interseca con un aloclino ha creato una nuvola solforica. Mentre scendevamo appena sopra questa nuvola mi resi conto che era lì che il mio amico Rob Franklin, direttore della fotografia e speleosub, ha girato uno spot pubblicitario di whisky di un pescatore che “navigava” sul fiume solforico, come ho descritto in un precedente articolo

È stato meraviglioso vedere di persona lo stesso "set" e mentre salivamo abbiamo goduto della vista di un'enorme stalattite su un lato.

Superficie della nuvola ad Angelita (Kathy Hughes)
Superficie della nuvola

All'autolavaggio

Il Cenote Carwash (Aktun Ha) un tempo era letteralmente un luogo per pulire i taxi locali (prima che arrivassero i subacquei) ed era uno dei cenote più belli: uno stagno di ninfee con abbondanti pesci in acque cristalline. Un'immersione di andata e ritorno ci ha portato sopra un albero caduto in una caverna piena di fossili e persino piccole ossa, con vasi Maya visibili su un lato durante il viaggio di ritorno.

Con solo due giorni di immersioni rimasti, siamo stati trattati ulteriormente con altre cinque immersioni eccezionali. Dreamgate, uno splendido cenote sommerso, è apparso dopo aver seguito una lunga strada nella giungla. 

Penelope all'ingresso del Dreamgate (Kathy Hughes)
Penelope all'ingresso del Dreamgate

Scale ripide (che richiedevano l'uso di un argano per trasportare i diversi serbatoi) fornivano l'accesso e, una volta scesi con attenzione verso la fresca piscina all'aperto, ci siamo goduti due immersioni in grotta su un serbatoio ciascuna: un'immersione circolare e un'altra lì. e ritorno – pieno di stalattiti e stalagmiti. 

Essendo a soli 6 metri, si trattava di immersioni rilassanti, ma Lanny ci aveva incoraggiato a prendere l'abitudine di calcolare i nostri tassi di consumo d'aria in superficie per una migliore pianificazione generale dell'immersione e il monitoraggio dei miglioramenti.

Dopo pranzo abbiamo trovato un nuovo amico in Panchito, una specie Moreletii di coccodrillo di medie dimensioni la cui casa è l'acqua salmastra di Casa Cenote. Essendo così vicino al mare, questo è uno dei pochi cenote in cui puoi sentire una corrente mite e, dall'altra parte della strada, osservare l'effetto increspato nel mare dove l'acqua salata e quella dolce si incontrano.

Si trattava di una moltitudine di immersioni in una, con spesse radici di mangrovie e una piccola grotta in cui nuotare. Abbiamo visto un interessante miscuglio di specie a causa dell'acqua salmastra, con specie d'acqua dolce come i ciclidi accanto a orate e tarpon.

Inoltre l'esperienza indimenticabile di guardare Panchito nuotare sulla superficie sopra di noi e uscire, le sue piccole gambe si arrampicano e la sua coda scompare finalmente dall'acqua.

Verme a El Pit

Lo spettacolare strapiombo di El Pit (Kathy Hughes)
Spettacolare El Pit

Il nostro ultimo giorno di immersioni, con Shannon come guida, ci ha portato prima a El Pit, un cenote aperto con una sporgenza parziale e una spettacolare discesa verso un alocline e, simile ad Angelita, una nuvola di idrogeno solforato a 30 m.

Lentamente abbiamo esplorato i lati della grotta, con Kat e Shannon che hanno individuato un minuscolo verme bianco in profondità, e poi ci siamo spostati verso l'alto per ritrovarci sotto la sporgenza cavernosa con le sue stalattiti.

Penelope e Shannon (Kathy Hughes)
Penelope e Shannon

La nostra ultima immersione è stata al Sistema Dos Ojos (Two Eyes Cenote), un sistema di grotte più piccolo che si è collegato con Sac Actun nel 2012, rendendo il Sistema Sac Actun il più grande sistema di grotte allagate sulla Terra. I due occhi si riferiscono a due cenote affiancati e avevamo la possibilità di scegliere il percorso Bat Cave o Barbie Line, o entrambi. 

Il destino di Barbie – meno male che non ha incontrato Panchito (Kathy Hughes)
Il destino di Barbie: meno male che non ha incontrato Panchito

Avendo voglia di un'ultima immersione, abbiamo optato per le colonne e gli effetti di luce di quest'ultima e sicuramente, sì, c'era la povera Barbie nelle fauci di un coccodrillo al punto di svolta.

Euforici, siamo emersi arricchiti dalla nostra settimana di nuove visioni e sensazioni, con il desiderio di ritornare e una nuova comprensione di coloro che si allenano per avventurarsi nel cuore degli inferi.

Il mondo sotterraneo di Tulum

Immersioni nel cenote (Kathy Hughes)

Underworld Tulum è una struttura appositamente costruita che consente ai subacquei ricreativi di esplorare sia le caverne della Riviera Maya che la vita marina della seconda barriera corallina più grande del mondo. Per i subacquei tecnici e speleologici può offrire DPV, rebreather e un'ampia gamma di siti adatti.

Si rivolge a subacquei dal livello base a quelli che cercano ulteriori qualifiche nelle immersioni avanzate in grotta, trimix o rebreather e offre corsi TDI/SDI, BSAC, IANTD, RAID e PADI.

Le immersioni guidate in caverna richiedono una guida qualificata per ogni tre subacquei e il servizio completo di guida, inclusi nitrox, pranzo e attrezzatura, costa US $ 200 al giorno. Gli appartamenti ben attrezzati, costruiti appositamente per i subacquei, hanno un prezzo di $ 90 a notte.

Sono disponibili pacchetti di immersioni su misura per singoli, gruppi e club. Ad esempio, un pacchetto di immersioni e alloggio di sette giorni con cinque giorni di immersioni in caverna e dolina costa $ 1,315 (due condivisioni).

Underwater Tulum offre inoltre ai lettori Divernet uno sconto del 10% su qualsiasi pacchetto prenotato nei mesi di aprile o maggio 2023 (diciamo che lo leggi qui). Trova i dettagli di tutte le possibilità su Il mondo sotterraneo di Tulum sito.

Penelope Granycome, PADI Master Scuba Diver, è un'attrice professionista che ha imparato a immergersi a Oahu nel 2008. Le immersioni l'hanno portata in tutto il mondo, ma le piacciono anche le immersioni costiere e nell'entroterra del Regno Unito. Scrive sia di immersioni che di benessere.

Anche su Divernet: Diventa il campione! Cenotes e caverne, Formazioni di cenote, Sulla strada nello Yucatan, I subacquei rivendicano il più grande sistema di grotte del mondo in Messico

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x