I professionisti delle immersioni richiedono un ente normativo malese

dive master con tartaruga
Divemaster con tartaruga, Malesia (William Warby)

La morte di un subacqueo di 14 anni Nathen Chesters dopo che lui, suo padre e altri due subacquei furono separati dalla loro barca si scatenò una discussione Malaysia sulla regolamentazione delle operazioni subacquee – con i professionisti subacquei che chiedono la formazione di un’unica agenzia dedicata nel tentativo di rendere lo sport più sicuro.

I quattro subacquei europei erano scomparsi durante un corso PADI Advanced Open Water Diver al largo di Tokong Sanggol, una piccola isola nello stato di Johor, il 6 aprile. L’istruttore fu ritrovato per primo, il giorno dopo, e il padre di Chesters e una studentessa furono recuperati solo dopo essere stati in mare per più di tre giorni e finire alla deriva nelle acque indonesiane.

Nathen Chesters era diventato troppo debole per sopravvivere mentre il gruppo si spostava verso sud. come riportato su Divernet, e la ricerca del suo corpo è stata finalmente interrotta il 17 aprile.

Secondo quanto riferito, lo skipper della barca avrebbe tardato a segnalare la separazione iniziale ed era stato arrestato dopo essere stato scoperto che assumeva metanfetamine il giorno dell'incidente. Mentre la ricerca procedeva, il Sultano di Johor aveva ordinato di sospendere tutte le immersioni e lo snorkeling nell'area in attesa di una revisione delle procedure di sicurezza.

Guardia costiera in Malesia
La Guardia Costiera malese cerca Nathen Chesters (MMEA)

Lottando per recuperare

Parlando a Bernama, la Malaysian National News Agency, istruttori subacquei esperti hanno ora affermato che, sebbene tali incidenti siano rari, non sono senza precedenti in Malesia, e che la mancanza di regolamentazione delle immersioni è motivo di preoccupazione, soprattutto in un momento in cui il turismo verso l'interno fatica a riprendersi dopo la crisi. Pandemia di covid-19. Si stimava che prima della pandemia le immersioni valessero l’equivalente di circa 300 milioni di sterline all’anno in Malesia.

Istruttore PADI Dottor Samir Muhazzab Amin, vicedirettore di un'accademia sportiva universitaria, ha accolto con favore l'intervento del sultano e ha spiegato all'agenzia che è necessario un unico organismo che faccia capo a un dipartimento governativo per regolamentare le attività subacquee e monitorare la registrazione dei centri di immersione e degli istruttori.

“Questa tragedia potrebbe aver offuscato l’immagine del nostro Paese come paradiso delle immersioni”, ha detto, aggiungendo che le attività subacquee della Malesia “non sono ben regolamentate e gestite, mentre le attrezzature subacquee e le barche non sono adeguatamente mantenute”. 

Punta il dito

Senza un unico ente dedicato alla sicurezza dei subacquei, ha affermato che non solo è più facile per le persone non accreditate aprire centri di immersione ma “quando si verifica una situazione spiacevole o sfortunata, tutte le agenzie si puntano il dito contro”.

L'organismo proposto "agirà come una piattaforma di riferimento per coloro che desiderano ottenere consigli sulle immersioni, identificare centri di immersione registrati e utilizzare i servizi di istruttori subacquei certificati", ha affermato il dottor Amin.

Ha suggerito che attualmente gli istruttori “problematici” potrebbero ottenere il licenziamento per cattiva condotta semplicemente ottenendo la ricertificazione da un’agenzia di formazione diversa, e che gli istruttori stranieri potrebbero lavorare in Malesia senza dover soddisfare alcuno standard locale, anche se non esisteva alcun accordo di reciprocità. per istruttori malesi. 

Agli operatori subacquei non era richiesto di informare in anticipo alcuna autorità sui piani di immersione giornalieri, rendendo più difficile organizzare le operazioni di salvataggio in caso di emergenza.

Istruttori certificati

Un altro istruttore PADI, Muhammad Fajrul Omar Muhamad Ridzuan, ha affermato che i subacquei in visita dovrebbero assicurarsi di utilizzare solo istruttori certificati e skipper di barche che capiscano le loro esigenze, e che il rilascio di una licenza renderebbe tutto ciò più semplice, così come una serie di procedure operative standard (SOP) per gli operatori di barche.

Ci si aspetta che i centri subacquei e gli istruttori adeguatamente accreditati dalle principali agenzie di formazione rispettino le procedure di sicurezza standard internazionali e utilizzino imbarcazioni che facciano lo stesso. PADI elenca 115 negozi di immersione in Malesia, SSI 55 NAUI 11 e RAID quattro.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x