… ma non dimenticherò mai quei Trebbiatori!

SUBACQUEO FILIPPINE

Una magica immersione a Malapascus che lascia ricordi preziosi - e tutto fatto prima di colazione. Di Melissa Hobson. Immagini di Henley Spires

0120 Trebbiatrici1
… ma non dimenticherò mai quei Trebbiatori! 2

I minuti passavano. Tic, tic, tic. Sembrava che avessimo aspettato più a lungo del dovuto.

Ci eravamo trascinati giù dal letto alle 4 del mattino per avere maggiori possibilità di vedere gli squali volpe. La prima cosa al mattino è quando emergono dalle profondità per visitare le stazioni di pulizia meno profonde.

Ecco perché Monad Shoal nelle prime ore è il luogo in cui i subacquei possono avvistarli, se sono fortunati. Perdi la barca e potresti perderti gli squali!

Era una mattina nuvolosa e le stelle, di solito abbaglianti sulla remota Malapascua, non si vedevano da nessuna parte. Speravo che questo non fosse un presagio di squali altrettanto assenti, se mai fossimo arrivati ​​così lontano. Il nostro ritiro non era ancora arrivato.

Quando finalmente ciò è avvenuto (il capitano della barca a contratto aveva dormito troppo) siamo saltati a bordo pregando di non essere troppo tardi.

"Non preoccuparti", ha detto il nostro istruttore. "Se arriviamo mentre gli altri gruppi stanno finendo, avremo gli squali tutti per noi!" Speravo che avesse ragione.

Raggiungendo la barriera corallina, ho intravisto una forma scura. Sopra, bolle. Dannazione! Subacquei, non trebbiatori.

Il gruppo fissava attentamente la barriera corallina e, seguendo il loro sguardo, il mio cuore ha avuto un tuffo al cuore quando ho realizzato che l'acqua di fronte a loro era limpida, blu e... vuota.

Cercavano i trebbiatori, piuttosto che loro.

Abbiamo nuotato oltre un prato di anguille da giardino, inarcandoci e flettendoci come cobra danzanti, per trovare una zona più tranquilla della barriera corallina dove non avremmo condiviso gli squali che avremmo potuto trovare con troppi altri subacquei.

Ho dato un'occhiata al mio computer per verificare che il tempo di curva di sicurezza non scorresse troppo velocemente. A circa 26 metri il tempo di fondo era limitato.

Poi si materializzò: un enorme squalo cartone animato con gli occhi spalancati. Chiunque abbia detto che gli squali fanno paura chiaramente non aveva mai visto una trebbiatrice.

Con i suoi grandi occhi, la piccola bocca ansiosa, il corpo arrotondato e l'elegante coda strascicata, l'unica parola adatta per descriverlo era amichevole.

Nonostante le sue dimensioni, esagerate dalla coda a forma di nastro – circa la stessa lunghezza del suo corpo – aveva una qualità accattivante. Potevo osservare i suoi occhi piatti e ansimare per tutto il giorno.

Ma prima che le mie bolle stupite si riducessero e scoppiassero, un altro squalo sfrecciò sullo sfondo, svanendo quasi prima che potessi vederlo avvicinarsi.

E continuavano ad arrivare – squalo dopo squalo – mentre noi libravamo, rapiti, sopra la sabbia. Il successivo era curioso; avvicinandosi sempre più fino a temere che potesse darci un colpo sul naso.

Dopo molti altri squali aveva iniziato ad attirare una folla di subacquei, abbiamo nuotato in un'altra sezione della barriera corallina. Questa nuova zona di sabbia non ha cambiato la nostra fortuna e gli squali hanno continuato a passarci davanti, così tanti che abbiamo perso il conto!

Con la deco che si avvicina velocemente come il prossimo squalo curioso, il nostro istruttore segnammo l'ora di iniziare la nostra ascesa.

Il mio amico era così concentrato sull'ultima trebbiatrice che non ero sicuro che saremmo riusciti a portarla via.

Allontanandomi lentamente, mi sono trascinato in fondo al gruppo guardando indietro, in parte per assicurarmi che il mio amico fosse consapevole che stavamo partendo, ma anche per assicurarmi di non perdere l'ultima parte dell'azione. Ho maledetto il fatto di non prendere nitrox oggi.

Serpeggiando qualche metro più in alto sul reef in pendenza ci ha dato più tempo e grazia per esplorare. Con una trebbiatrice che danzava ancora nel blu era difficile prestare molta attenzione a ciò che accadeva davanti a noi.

Con la coda dell'occhio, ho visto il nostro istruttore segnaliamo “due” e puntiamo sotto una sporgenza, dove due murene ci hanno azzannato.

La trebbiatrice che circondava i subacquei sottostanti era troppo affascinante per essere superata da un paio di anguille.

"Sì, murene, OK", ho risposto senza avvicinarmi. “No, squali”, ha chiarito. Mi voltai, immaginando che una trebbiatrice potesse essersi insinuata dietro di me.

"Non qui!" Indicò sotto la sporgenza, ridendo tra le sue mask. Incuriosito, mi avvicinai e strizzai gli occhi dietro le murene.

Uno – no, due – cuccioli di pinna bianca erano rannicchiati nell'oscurità. Seppi più tardi che ce n'erano tre o più. Ancora paralizzato dalle trebbiatrici, il mio amico si era perso le punte bianche.

La maledizione di un'immersione incredibile è che la sabbia della tua immersione...computer scappa via prima di quanto vorresti. Così è stato oggi.

Ci eravamo spostati in un punto più alto della barriera corallina, ma il tempo era scaduto. Eravamo fuori dal territorio della trebbiatrice e ho cercato di trattenermi dal rivivere l'immersione nella mia mente mentre vagavamo verso la linea di ormeggio: voglio dire, se l'avessi fatto, mi sarei perso i cavallucci marini. Entrambi. E il pesce ago. E la razza marmorizzata.

Erano solo le 7 circa quando siamo tornati a riva e il mio tempo a Malapascua era scaduto. Ma che modo di iniziare la giornata!

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x