Sigillo di Babbacombe

L'emozione delle immersioni

UNA COSA CHE MI PIACE DELLE IMMERSIONI è che non sai mai cosa vedrai e un'immersione banale può trasformarsi improvvisamente nell'esperienza di una vita.

Leggi anche: Gli elefanti marini si tuffano addormentati e l'enigma della morte del riccio è risolto

Avevamo deciso di andare a Babbacombe nel Devon a fine aprile, perché la primavera è il periodo in cui le seppie si riuniscono nella baia per riprodursi durante aprile e maggio.
È una delle immersioni più facili, poiché il parcheggio si trova in fondo a una ripida collina adiacente al mare.
Il terreno sottomarino non è dei più spettacolari, ma poiché Babbacombe è rivolto a nord-est è riparato dai venti dominanti, rendendolo un buon punto di riferimento quando le tempeste invernali da sud-ovest colpiscono la costa.

Terreno sottomarino e fauna selvatica

Di solito ci sono alcune cose interessanti da vedere, tra cui alcune specie diverse di granchi, vermi tubo, bavose tompot, anemoni serpenti e varie specie di labridi.
Le profondità sono circa 10 metri, il mare è generalmente molto calmo ed è un sito popolare per formazione immersioni. Tutto quello che devi fare è prepararti e scendere i gradini fino alla spiaggia.

La caccia alle seppie

Una persona del posto ci aveva informato che le seppie erano state viste a Mushroom Rock, quindi abbiamo preso una bussola in direzione nord. Come al solito la visibilità era buona in riva al mare, sopra i ciottoli e la sabbia grossolana, ma mentre nuotavamo più lontano dalla riva ci siamo imbattuti nel fondale soffice e fangoso e la visibilità è scesa a 3 metri.
Bisognava fare attenzione a non sollevare il limo e a ridurlo ulteriormente.
All'inizio sembrava che sarebbe stata una di quelle immersioni in cui non ottieni ciò che ti sei prefissato. Poi li abbiamo visti: una coppia di seppie.
Di solito sfrecciano via, ma in questo periodo dell’anno in cui si riproducono sono particolarmente audaci e ci hanno permesso di avvicinarci abbastanza nell’acqua torbida per scattare qualche foto.

Incontro inaspettato: una giocosa foca grigia

DOPO UN PO' GIOVANNI ha indicato che aveva freddo. Non avevo realizzato in quel momento che il suo muta stagna perdeva. Un'esperienza infelice anche nel migliore dei casi, ma soprattutto quando l'acqua è a soli 10°C.
Raggiungemmo la riva e trovammo una grande folla di studentesse tedesche che urlavano di gioia e indicavano nella nostra direzione. Le immersioni in questi siti sono spesso motivo di discussione con i turisti, ma non avevamo mai avuto un'accoglienza del genere prima e ho cominciato a pensare che ci avessero scambiato per celebrità.
Presto mi resi conto che non eravamo noi ad attirare la loro attenzione quando John disse: "C'è una foca grigia laggiù".
Era un'occasione troppo buona per perderla, soprattutto perché avevo l'obiettivo fisheye sulla fotocamera. Non c'era modo di lasciare l'acqua.
John era così freddo che nemmeno un sigillo poteva convincerlo a restare. Tremando violentemente si è accucciato sulla spiaggia con un vestito pieno d'acqua e nessun cambio di mutande!
Ho aspettato a circa 2 metri d'acqua, scrutando la superficie e abbassandomi per vedere se il sigillo sarebbe apparso. Il sole si stava abbassando nel cielo.
Mentre aspettavo da solo in acqua mi sentivo emozionato ma anche un po’ preoccupato. Le foche sono generalmente curiose e amichevoli, ma dopo tutto sono grandi animali selvatici con denti aguzzi, nel loro elemento, non nel nostro.
Ho iniziato a pensare alla scena di Lo Squalo in cui Richard Dreyfuss nei panni dello scienziato aspettava nella gabbia l'arrivo dello squalo. Verrebbe da dietro? Forse il sigillo non riapparirà. Ho iniziato a provare delusione.
Quindi, non c'erano dubbi; una testa scura emerse in superficie a circa 7 metri di distanza.
Mi tuffai sott'acqua, sforzando gli occhi nell'oscurità. Ho intravisto una forma scura che sfrecciava ed eccola lì dietro di me, ma sono subito scappata.
Questo gioco del gatto e del topo continuava e la foca si avvicinava ogni volta. Ho spento il flash per non ferirgli gli occhi con il flash e ho iniziato a scattare foto.
Diventò un gioco e il suo trucco preferito era nuotare dietro di me mentre giravo in tondo cercando di starmi dietro.
Si metteva in mostra, girava e volteggiava nell'acqua come se dicesse beffardamente: “Guardami! Non puoi farlo, vero, goffo essere umano?"

L'emozione e il privilegio di incontrare una foca grigia

MENTRE GIRAVA si avvicinò sempre di più, poi divenne un po' agitato, nuotando dentro di me. Ho iniziato a chiedermi quali fossero le sue intenzioni. Sembrava un po' troppo amichevole e un po' troppo vicino per sentirsi a proprio agio.
Feci un movimento improvviso con il braccio e lui scattò via nervosamente. L'equilibrio è stato ristabilito.
Deluso, ho pensato che avrei potuto spaventarlo, ma ha ripreso fiducia ed è tornato.
Mi guardò con curiosità con i grandi occhi da cane. Cominciò di nuovo a mettersi in mostra, ma questa volta fu più gentile e sembrò fare un inchino, con le pinne larghe e il naso rivolto verso la superficie.
Strofinò il naso contro l'obiettivo della fotocamera, forse ammirando il suo riflesso. A questo punto un altro subacqueo era in acqua e la foca lo scrutò, mordicchiandolo fini e, cosa allarmante, la sua gamba!
Il sub più tardi mi disse che la foca era stata lì la sera prima.
Sono rimasto altri 15 minuti circa ma la luce si stava abbassando quindi con riluttanza ho lasciato l'acqua, sentendomi euforico. Ho già incontrato foche grigie durante le mie immersioni in Cornovaglia e nelle Isole Scilly, ma non sono mai rimaste così a lungo né sono state così giocose. È stato un piacere e un privilegio incontrare una delle nostre creature marine più affascinanti.
Soprattutto, era alle sue condizioni, ed era lì perché voleva esserlo.
Le foche grigie si vedono più spesso lungo le coste occidentali e settentrionali del Regno Unito, preferendo le coste rocciose esposte. Le loro cugine più piccole, le foche comuni, hanno maggiori probabilità di trovarsi in estuari protetti.
Le foche grigie sono visitatori abbastanza frequenti di Babbacombe. Raggiungono più di 2 metri di lunghezza e pesano fino a 230 kg, i maschi sono più grandi delle femmine.
Quello che ho incontrato era probabilmente un giovane maschio: la durata della vita delle foche grigie è di circa 25 anni per i maschi e 35 anni per le femmine. Sono una specie protetta in Inghilterra e Galles.

Informazioni per i subacquei: arrivare a Babbacombe e consigli per le immersioni

In direzione ovest dalla A38, prendere la A380 con indicazioni per Torquay, quindi seguire le indicazioni locali per Babbacombe (o utilizzare il codice postale più vicino TQ1 3LX). C'è un parcheggio a pagamento vicino alla spiaggia.
Il Beach Café è aperto in determinati periodi dell'anno e i pasti sono disponibili al Cary Arms, a 50 metri sulla collina. La primavera è il periodo migliore per vedere le seppie, ma durante la stagione la baia è molto affollata di turisti e barche. Le PMI sono vitali nei periodi di punta. www.babbacombe.com

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x