ALFONSO LO FA BENE

SUBACQUEO DELLE SEYCHELLES

Non è il posto più economico da visitare, ma è sicuramente lassù in termini di desiderabilità: CATH BATES si reca ad Alphonse nell'Oceano Indiano, dove l'ultra eco-sensibilità è un dato di fatto

Biodiversità sull'isola Alphonse

A NOVEMBRE, IL TEMPO DI sotto i calmi alisei di nord-est, ho visitato una delle isole esterne delle Seychelles. Alphonse copre appena 800 ettari e si trova a 250 miglia dalla capitale Mahe. È un atollo corallino triangolare che si estende a ovest verso la costa africana, e perché

della sua posizione remota, la sua fauna marina è prolifica.

Il volo dura meno di un'ora, atterrammo sulla pista di atterraggio nascosta e presto cominciammo a sorseggiare una noce di cocco. Il nostro briefing di benvenuto è stato reso ancora più interessante dalla vista di un bellissimo airone cenerino che prendeva il sole sulle ali a bordo piscina.

Alphonse è stato associato per alcuni anni ad un programma di pesca catch-and-release e di pesca a mosca, e la nuova gestione dell’isola è anche desiderosa di promuovere i suoi siti di immersione. In collaborazione con la Island Conservation Society (ICS), impone rigidi codici di condotta per preservare gli stock ittici, vietando la pesca nei siti di immersione. I gestori del centro immersioni Sam e Lucy ci hanno spiegato cosa potevamo aspettarci di vedere durante i nostri quattro giorni sull'isola.

Mi aspettavo che ci fossero meno coralli sbiancati nella remota Alphonse che in altre parti dell’Oceano Indiano, ma anche meno di quei soffici coralli molli rossi e viola che sono così prolifici nel Mar Rosso.

Mi aspettavo una vita marina diversificata, perché Alphonse si trova a sud del Banco Amirantes, che lo separa da 1000 metri di acque profonde. Avevo sentito parlare di tonni dente di cane e pinna gialla, pesci vela, wahoo e dorado sui drop-off, oltre a squali martello smerlati, pinna argentata, mante e anche balene.

Conservazione e sostenibilità all'Alphonse Dive-Centre

SONO STATO COINVOLTO in many conservation projects during my years as a diving istruttore, and was intrigued by the attention to detail at the Alphonse dive-centre.

Nell’ambito delle attività per bambini sull’isola, sono stati creati giganteschi murales di creature marine utilizzando i rifiuti di plastica ritrovati (rifiuti che potrebbero finire sulla spiaggia, non rifiuti dell’isola).

I sottobicchieri sono stati ricavati da vecchie lenze da pesca; paralumi da boe rotte; decorazioni murali realizzate con oggetti di scena contorti di barche e il bar principale era decorato con pesci pelagici scolpiti in legni.

03 18 Alfonso Mantas
Manta rays at the surface. (Foto: Sam Balderson)

Primo giorno: prime impressioni ed esperienze subacquee iniziali

The dive-centre takes no more than six divers a week. Its managers get in the water regularly and there is a esperto di immersioni, boat skipper and DM intern. ICS staff also enter the water regularly to monitor coral health and record sightings.

Le nostre macchine fotografiche sono state ritirate la mattina da uno dei buggy da golf dell’isola, e noi l’abbiamo seguito sulle nostre biciclette ecologiche. Dopo cinque minuti di sentiero fiancheggiato da palme, stavamo salendo a bordo del motoscafo Zanbren per raggiungere il nostro primo sito di immersione, uno dei 30 che si dice siano accessibili in mezz'ora di macchina.

Abyss si trova sul lato nord-orientale dell'atollo. Scendendo dalla parete con acqua a 30°, ho potuto vedere davanti a me per almeno 30 m (almeno avrei potuto vedere così lontano se avessi allontanato il copioso numero di gorgonie).

Senza corrente, è stato un piacere immortalare le gorgonie e i coralli neri sullo sfondo più blu del blu. Se non fosse stato per la profondità di 25 metri, sarei potuto restare lì tutto il giorno.

In acque meno profonde siamo stati trattati con grandi banchi di barracuda dagli occhi grandi e dentici dalla linea blu. Passavano in abbondanza anche pesci chirurgo e idoli moreschi.

IMMERSIONE DUE FORNITA IN ABBONDANTE opportunità per avvistare pelagici più grandi. L'altopiano di Eagle Nest ci ha permesso di scendere in profondità e di planare sul giardino di coralli duri.

Numerose aquile di mare, una razza di marmo e tartarughe verdi ed embricate con gusci meravigliosamente puliti e psichedelici si sono lanciate in picchiata per uno sguardo curioso.

Tonni in branco, carangidi giganti (che il team chiamava affettuosamente GT) e pesci imperatore a punto giallo facevano tutti la loro apparizione, anche se senza posare troppo a lungo. Un amichevole pesce pipistrello orbicolare ci ha seguito per tutti i 55 minuti, aprendo e chiudendo le labbra increspate come se stesse facendo conversazione.

Dopo un pranzo veloce, siamo usciti di nuovo con il manager Sam, a soli 15 minuti dalla riva fino ad Arcade, un sito a forma di U con una combinazione di pareti e topografia con fondo inclinato.

Mentre scendevo, uno spaventato squalo limone pinna falce di 2.5 metri mi è avanzato accanto come la mela verso il mio cancelletto su una bobina di frutta-macchina.

Il nome del sito di immersione iniziò ad avere molto più senso in quanto dentici dalla linea blu, pesci capra gialli, dentici bohar, un banco di oltre 200 carangidi obeso, pesci napoleone e pesci labbra dolci giganti, tutti lottavano per lo spazio sulla barriera corallina, come se stessero giocando a gioco del Tetris.

Ciò che mi ha colpito dopo il primo giorno di immersioni è stata la sconsiderata timidezza dei pesci e delle tartarughe di Alphonse. Non essere abituato ai subacquei ha sicuramente un impatto sul loro comportamento e di conseguenza sul numero di foto che sono riuscito a ottenere dei loro volti.

L'estremità sud di un pesce diretto a nord era un tema comune in questo viaggio!

Secondo giorno: esplorazione della vita e dei paesaggi sottomarini

Il secondo giorno è iniziato prima di colazione al Pinnacles. Consiglierei un'immersione mattutina su Alphonse per una ragione: la luce. I raggi del sole penetravano nell'acqua come raggi laser, e su un'isola dove il tempo è praticamente garantito per fare la stessa cosa, questo ha mescolato un po' le cose sott'acqua.

Lo snapper megattera e il barracuda dall'occhio obeso mostravano ancora un comportamento di caccia a scatti al mattino presto. L'Hotel GM Gordon si è unito a noi in questa immersione e

I giggled at his simile of Oriental sweetlips resembling New York Taxi.

La seconda e la terza immersione della giornata sono state diverse da qualsiasi cosa avessimo sperimentato finora. La parete del lato ovest era ricca di strapiombi brulicanti di pesci vetro e di gorgonie molto più morbide.

Arina (dal nome del membro dello staff ICS Ari) vantava i più grandi coralli porite che abbia mai visto in questa parte del mondo.

Questa barriera corallina si trovava nella laguna dell'atollo Alphonse e Lucy spiegò che le teste di corallo avrebbero avuto migliaia di anni. Con un sacco di plancton che scorreva attraverso il canale, i giganteschi porite erano ben nutriti e sembravano incredibilmente sani.

Terzo giorno: visitare Bijoutier e riflettere sull'impatto ambientale

MOLTE SCUOLE DI i pesci pelagici trovano rifugio qui insieme ai pesci pagliaccio e ai fucilieri delle Seychelles, ma come nella maggior parte delle lagune sabbiose, la vis può cambiare in qualsiasi momento.

Ben presto la corrente orientale portò termoclini oleosi e temperature fresche che misero fine a qualsiasi altra fotografia.

Dopo pranzo, Pep e Ari dell'ICS ci hanno portato a Bijoutier, un'isola deserta disabitata appena un po' più a sud di Alphonse. I legni al largo fungevano anche da posatoi per gli aironi e la sabbia brulicava di pivieri, alla ricerca di gustosi granchi trascinati dalla marea.

Potevamo sentire le berte nidificare e Pep ce ne ha persino mostrato una che custodiva un uovo. Ciò che mi ha rattristato è stato il sacco della spazzatura già preparato che hanno tirato fuori da sotto un cespuglio per raccogliere l’invasione di plastica di quel giorno. Infradito, bottiglie, involucri alimentari e polistirolo erano stati portati con gli alisei da India, Madagascar e Tailandia (tra gli altri luoghi).

Sono rimasto colpito dal fatto che il team abbia previsto la spazzatura, ma mi ha fatto capire che anche i luoghi più remoti non sono immuni dal danno ambientale che arrechiamo al nostro mondo.

Quarto giorno: esperienza nella macrovita e nei pesci vela

IL NOSTRO TERZO GIORNO le immersioni ci hanno mostrato che i siti di immersione appartati di Alphonse ospitano anche un'abbondanza di macro-vita. Dopo aver subito la rottura dell'anello di messa a fuoco il giorno precedente, sono stato più che felice di cambiare obiettivo e far vagare i miei occhi da creatura.

Napoleon era un'immersione in corrente, ma con molti grandi scogli rocciosi dietro cui ripararsi, la corrente non era un problema.

La sommità del reef raggiungeva i 16 metri ed era un po' più al largo delle pareti dell'atollo.

Una bavosa corallina di Mida giocava a nascondino con l'oblò dell'obiettivo e un pesce falco dal naso lungo si lanciava da un lato all'altro della ventola. Anche la macro-vita era timida! Per fortuna un gambero di corallo è rimasto fermo abbastanza a lungo da farsi fare un ritratto, a differenza del frenetico ghiozzo che condivideva il suo magro trespolo.

Durante la nostra discesa a Galawa si udì un coro di lamenti. Abbiamo dovuto tutti passare dall'obiettivo della fotocamera da 60 mm che portavamo allo squalo toro da 2 metri che ci ha superato non una, non due ma tre volte con i suoi passeggeri remora. La Legge di Sod (o Poseidone), ma il resto dell'immersione ha compensato.

L'occhio di un pesce foglia bianco brillava nella luce di mezzogiorno accanto a un anemone che ospitava un pesce pagliaccio di Clark e granchi di porcellana maculati. Dovevo ricordarmi che non ero nelle acque del sud-est asiatico!

Dopo un pranzo rilassante e un cambio di obiettivo, siamo saliti a bordo dello skiff che ci ha portato su una nave leggermente diversa (un peschereccio) per l'esperienza pomeridiana.

Non ero sicuro di come mi sarei sentito a fare snorkeling con i pesci vela, perché non volevo essere spacciato come un doner!

Tuttavia, dopo essere stato informato dal capo della pesca Devan che a queste gloriose creature piace affettare la preda piuttosto che lanciarla, mi sono sentito un po' meglio.

QUESTA ESPERIENZA CON IL PESCE A VELA è nuovo per Alfonso. Non sono mai stato sicuro di cosa provo riguardo all'esca per incoraggiare i pelagici a mostrarsi solo per il nostro piacere di visione. Tuttavia, dopo aver visto il semplice frammento di bonito che doveva essere utilizzato per attirare i pesci vela in superficie, mi sono calmato.

Viaggiando all'esterno dell'atollo, abbiamo indossato la maschera, fini and snorkels as two hookless lures were trolled behind the boat in deep water.

Pesce vela con un'esca teaser. (Foto: Anthony Grote)
Sailfish with a teaser lure. (Foto: Anthony Grote)

Abbiamo osservato per un po' un giovane fregata che volava a bassa quota aspettando con impazienza l'emersione e poi – bam!

Un siluro pesce vela lo colpì con il becco.

Una terza esca è stata quindi lanciata dietro la barca, che è stata successivamente messa in folle. Una volta che il pesce vela ha assaggiato il bonito, ha inseguito eccitatamente l'esca mentre veniva trascinata verso la barca. A questo punto ci siamo tuffati.

I pesci vela si muovono molto velocemente nell'acqua e l'intera esperienza è stata piuttosto disorientante. C'erano tre di queste bellezze in totale e l'esca veniva lanciata più e più volte per mantenere i pesci eccitati. Le loro vele colorate furono alzate mentre volavano verso l'alto, spingendosi per la posizione privilegiata. Alphonse la descrive come "un'esperienza che ti permette di osservare un animale veramente selvaggio nel suo ambiente", ma aspettati di salire la scala dopo cinque minuti, quando i pesci intelligenti si rendono conto di essere stati ingannati e si allontanano.

Non sembrava squallido, o come se avessimo interferito in alcun modo con la natura.

Sfortunatamente non ho ricevuto i soldi, ma sicuramente ne è valsa la pena. La tua adrenalina aumenta mentre aspetti che appaia il pesce vela e sei in buone mani con un pescatore a mosca esperto e uno skipper.

Sam, il direttore del centro immersioni, era in acqua con noi, gridava istruzioni di sicurezza e ci individuava.

Pochi giorni prima aveva avuto la fortuna di aver avuto anche dei silvertips presenti durante l'esperienza.

I miei compagni di immersione e io stavamo ancora parlando di questa avventura fino a tarda sera, mentre ci godevamo gli aperitivi serali sulla spiaggia accanto a un bar artificiale ben fornito di gin e samosa di pesce fresco!

Ultimo giorno: giro dell'isola e riflessione sulla storia e la biodiversità di Alfonso

Il nostro ultimo giorno è iniziato con un tour in bicicletta con Sam, che aveva iniziato la sua vita sull'atollo con l'ICS. La sua conoscenza della storia e della biodiversità di Alphonse è immensa.

Questo è un ottimo modo per riempire una mattinata per i partner che non si immergono o non pescano, come alternativa alla spa o al relax in piscina. Sono disponibili anche kayak e stand up paddle, oltre a passeggiate nella natura e osservazione dei delfini.

Alphonse venne mappata per la prima volta nel 1592, ma divenne famosa solo all'inizio del XX secolo, quando fu utilizzata come piantagione di cocco. Il nostro tour prevedeva la visita al cimitero dove furono sepolti i gestori dell'isola e anche uno schiavo.

Sam ci ha portato nell'orto in cui viene coltivata la metà di ciò che viene consumato sull'isola, dando da mangiare fino a 140 persone. Infatti gran parte della vegetazione biologica viene spedita anche alle isole sorelle Desroches e Silhouette. Abbiamo visto alberi di papaia, piante di melanzane, varie erbe fresche, peperoncini, pomodori, zucca, fichi e cavoli, tra gli altri alimenti curati da giardinieri dedicati che sono solo tre.

SAM CI HA MOSTRATO IL tane della berta cuneata in un'area riproduttiva protetta. Viene deposto un solo uovo a stagione e, essendo al livello del mare, questi sono a grave rischio di essere attaccati da ratti e gatti.

Il periodo migliore per il birdwatching è tra agosto e maggio, quando le specie migratrici ritornano dalle zone di riproduzione dell'Artico. Al tramonto potresti avere la fortuna di vedere migliaia di sule dai piedi rossi tornare al nido.

Ci siamo anche meravigliati degli enormi ragni delle palme e abbiamo cercato di evitare di pedalare attraverso le loro tele!

Le tartarughe giganti di Aldabran sono state il momento clou del mio tour. Avevo visto un paio di piccole femmine in giro per l'isola, ma erano piuttosto timide e tendevano a sibilare e a scappare se mi avvicinavo a loro.

Sam ci ha presentato un maschio di 45 anni a cui piaceva un po' il solletico al collo.

Le isole dell’Oceano Indiano un tempo ospitavano sette specie di tartarughe giganti; ora, grazie all’avidità sfrenata dell’uomo, ne esiste solo una.

Insieme alla tartaruga delle Galapagos, Charles Darwin ne assicurò la protezione nel XIX secolo, e fu introdotta ad Alphonse per la sostenibilità ambientale dell'isola.

Delle 100,000 tartarughe Aldabran alle Seychelles, Alphonse ne ha 56 e sono dotate di microchip. Durante la mia visita sono stati trovati due cuccioli e ho avuto la fortuna di vederli. Sono tenuti in una stanza dei bambini chiusa a chiave finché non sono abbastanza grandi per esserlo

dotati di microchip per evitare furti, perché al mercato nero possono ancora fruttare fino a 10,000 dollari.

Queste tartarughe possono vivere fino a 170 anni, con i maschi che crescono fino a 1.5 metri di lunghezza e pesano 260 kg!

Sam ci portò sulla barca un'ultima volta, per un pranzo barbecue sulle distese sabbiose di St Francois.

Sotto il grande cielo azzurro e guardando la grande distesa d'acqua blu, mi sono sentito piccolo, ma incredibilmente privilegiato di aver vissuto un viaggio come questo.

Mi è venuto in mente che il lusso non significa dormire in un letto a baldacchino e godersi pasti da sei portate e una Jacuzzi. Si tratta di riuscire a raggiungere gli angoli più remoti del mondo che poche persone riescono a vedere.

Ed è quello che ottieni con le immersioni ad Alphonse: hai la sensazione di ampiezza ed esclusività, di essere gli unici subacquei su queste barriere coralline incontaminate.

Mentre procedevamo lentamente attraverso il canale verso l'atollo di Alphonse, una grande manta della barriera corallina alzò l'ala destra come per salutarci. Questo è il mio tipo di lusso.

COS'È LA SOCIETÀ DI CONSERVAZIONE DELL'ISOLA?

"La Società promuove la conservazione e il ripristino degli ecosistemi insulari, lo sviluppo sostenibile delle isole e la consapevolezza della loro vulnerabilità e importanza vitale per la biodiversità del pianeta." (Dichiarazione di missione dell'ICS)

Registrato alle Seychelles nel 2001, l'ICS ha istituito centri sulle isole esterne di Alphonse, Desroches e Silhouette e gestisce la Riserva Naturale dell'Isola di Aride. I responsabili della conservazione Pep e Ari attuano il piano di gestione della conservazione per gli atolli di Alphonse, Bijoutier e St François.

Dal 2007 il team ha (tra gli altri studi) implementato un programma di monitoraggio della barriera corallina; ha iniziato a costruire un database di ID delle mante; e ha protetto le colonie di berte dalla coda a cuneo intrappolando ratti e gatti.

Etichettano le tartarughe e sensibilizzano sulle minacce che devono affrontare, organizzano la pulizia delle spiagge e hanno presentato ad Alphonse le tartarughe giganti di Aldabran.

L'ICS garantisce che lo sviluppo umano e l'ecoturismo su Alphonse siano sostenibili e a basso impatto. Ad esempio, le luci fuori dai bungalow sono rosse, in modo che i piccoli di tartaruga non sbaglino la strada quando si dirigono verso il mare.

Vengono registrate le quantità di pesce catturato per il consumo e alcune aree di pesca a mosca vengono regolarmente vietate per conservare gli stock, anche se la politica è di cattura e rilascio. Anche le bottiglie d'acqua nel minibar sono di vetro riutilizzabile.

L'ICS raccoglie fondi per i suoi progetti di conservazione, ma su Alphonse anche gli ospiti delle immersioni donano 70 dollari a settimana e i pescatori 175 dollari.

FATTO

COME ARRIVARE> Cath ha viaggiato per sei ore con Emirates da Heathrow a Dubai e altre cinque fino a Mahe. Il piccolo aereo previsto per Alphonse durò poco meno di un'ora.

IMMERSIONI E ALLOGGIO> Una notte all'H Resort, Beau Vallon Beach e cinque all'Alphonse Resort. Dispone di 22 bungalow sulla spiaggia (adatti per due adulti e un bambino), tutti dotati di doccia esterna, vasca interna e aria condizionata. Sono inoltre disponibili cinque suite sulla spiaggia adatte a una famiglia di quattro persone. È disponibile la connessione Wi-Fi. Il centro immersioni dispone di due barche e fornisce nitrox, isola di Alfonso

QUANDO ANDIAMO> La temperatura dell'aria raramente scende sotto i 22° e il clima è abbastanza costante, con giornate estive tutto l'anno. I mesi più caldi vanno da dicembre a marzo. Le piogge tropicali sono brevi. La temperatura dell'acqua si aggira intorno ai 28°, ma occasionalmente potresti riscontrare un calo scioccante di 7° a causa dei termoclini (si consiglia una muta lunga 3 mm). Le migliori immersioni: ottobre-maggio.

I SOLDI> dollari americani o euro.

PREZZI> Original Diving offre sette notti in un bungalow sulla spiaggia da £ 6100 a persona, che include sette notti di pensione completa, voli diretti di andata e ritorno BA e tra le isole e un pacchetto di 15 immersioni, immersione originale

Informazioni sui VISITATORI> viaggio alle seychelles

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x