un saluto a... HMS otranto

SUBACQUEO DEL RELItto

Un saluto a... HMS Otranto

Durante la prima guerra mondiale, più di due milioni di soldati statunitensi furono trasportati con successo attraverso l'Atlantico in Inghilterra e Francia, e per gli Stati Uniti l'affondamento della HMS Otranto fu il peggior disastro nel trasporto truppe di quel conflitto. PETER KENDRICK racconta la recente spedizione dell'Otranto 100 al relitto, che si trova al largo della Scozia vicino a Islay

1018 Saluto d'Otranto

Le bandiere della Gran Bretagna e degli Stati Uniti furono issate sulla canna di un cannone a fuoco rapido da 6 pollici sull'Otranto.

IL PIANO DELLA SPEDIZIONE OTRANTO è stato concepito da nove membri del St Helens Underwater Group (SHUG) un anno fa. Per questo giugno sono state programmate sei giorni di immersioni al largo di Islay, la parte più meridionale delle Ebridi Interne scozzesi, per dare a ciascun subacqueo la possibilità di ricordare e onorare le vittime e i sopravvissuti all'affondamento della HMS Otranto, il 6 ottobre 1918.

Un secolo dopo, l'idea era di sventolare bandiere britanniche e americane sulla canna del cannone anteriore per tutta la settimana, per sorvegliare il relitto e per video per la prima volta. Ci chiamavamo Badlads Diving, perché con la nostra età complessiva di 459 anni i membri senior dello SHUG, prevalentemente maschi, erano tutti Basic Air Divers!

Molti di noi si erano immersi nei relitti di Islay, inclusa Otranto, fin dai primi anni '1980. A quei tempi il Port Charlotte Hotel offriva alloggio in dormitori e rifornimenti d'aria, e l'Islay Dive Center aveva anche offerto alloggio con pensione completa e un gommone.

Quando queste attività furono chiuse negli anni '1990, le immersioni da Islay divennero possibili solo per i subacquei autosufficienti.

Questa volta ci siamo assicurati un alloggio a Ju a Port Charlotte e abbiamo prenotato una traversata in traghetto da Kennacraig a Port Askaig con Caledonia Macbrayne. Abbiamo preso due club RIB da 5.4 metri trainati da 4x4 e un furgone a passo lungo per l'attrezzatura, compresi due compressori portatili di benzina e tutto il necessario per una settimana di immersioni intensive.

La nave passeggeri Otranto fu costruita nel 1908 per navigare tra la Gran Bretagna e l'Australia, ma allo scoppio della Prima Guerra Mondiale la Royal Navy la requisì e la trasformò in un incrociatore mercantile armato.

Utilizzata principalmente per dare la caccia ai predoni commerciali tedeschi, prese parte alla battaglia di Coronel nel novembre 1914. All'inizio del 1918 divenne una nave militare.

Il 25 settembre se ne andò New York come nave ammiraglia del Convoglio HX-50, che trasportava le truppe statunitensi in Europa.

Ma durante la traversata si stavano scatenando tempeste nell'Atlantico, che alla fine furono segnalate come Forza 11, con mari montuosi. Essendo impossibile una navigazione precisa, il convoglio poteva procedere solo secondo la stima stimata.

Una costa rocciosa si trovava di fronte al convoglio 3-4 miglia a est quando spuntò la mattina del 6 ottobre. La maggior parte degli equipaggi pensò, correttamente, che questa fosse la costa scozzese e virò a sud, ma l'ufficiale di guardia di Otranto la lesse come la costa settentrionale dell'Irlanda e virò a nord.

Ciò la pose in rotta di collisione con l'HMS Kashmir, un altro transatlantico trasformato in nave militare, a circa mezzo miglio a nord. I tentativi delle navi di evitare la collisione si annullarono a vicenda e il Kashmir speronò Otranto sul lato sinistro a centro nave. A Otranto fu scavato un buco profondo, sotto la linea di galleggiamento e direttamente tra i locali caldaie, entrambi immediatamente allagati, uccidendo la maggior parte dell'equipaggio in quegli spazi.

Quando poco dopo la sala macchine si allagò, Otranto perse tutta l'energia elettrica e iniziò ad andare alla deriva verso la costa rocciosa di Islay, a poche miglia di distanza.

La pressione dell'acqua causò il collasso delle paratie, allagando rapidamente altri spazi sotto la linea di galleggiamento e dando alla nave un enorme sbandamento a dritta.

I forti venti e il mare agitato impedirono il varo delle scialuppe di salvataggio e il capitano Davidson decise di rinviare l'abbandono della nave nella debole speranza che alcuni passeggeri e l'equipaggio potessero nuotare a riva una volta che la nave si fosse avvicinata.

Apparso su DIVER ottobre 2018

CIRCA 30 MINUTI DOPO Dopo la collisione, apparve il cacciatorpediniere britannico HMS Mounsey, che stava cercando il convoglio.

Nonostante l'ordine di Davidson di tenersi alla larga, il capitano di Mounsey, il tenente Francis Craven, posizionò la sua nave sul lato sottovento di Otranto per consentire ai suoi uomini di saltare a bordo.

Diverse volte le due navi si scontrarono, bucando lo scafo del cacciatorpediniere, sfondando il ponte, allagando due dei tre locali caldaie e rompendo molte ordinate dello scafo. Eppure Craven mantenne la sua piccola nave nelle vicinanze e salvò 300 soldati americani e 266 tra ufficiali ed equipaggio di Otranto, sebbene molti uomini fossero stati trascinati via dai ponti o schiacciati tra le navi.

Mounsey è arrivata a Belfast sana e salva, anche se era troppo gravemente danneggiata per tornare al porto di origine contro la tempesta.

Circa tre ore dopo la collisione, una grande onda ha gettato Otranto sull'Old Women's Reef, a circa tre quarti di miglio al largo vicino all'ingresso della baia di Machir. Sfortunatamente la nave ha mancato una spiaggia sabbiosa appena a nord della barriera corallina.

1018 Stivale d'Otranto
Lo stivale di un soldato poggia su un filo di cordite esplosiva.

L'azione delle enormi onde spezzò rapidamente la nave a metà, poi ne strappò il fondo. Dei circa 489 uomini rimasti a bordo dopo la partenza di Mounsey, solo 21 riuscirono a nuotare a riva, due dei quali morirono in seguito per le ferite riportate. Gli isolani sono riusciti a salvare alcuni di questi uomini.

La mattina seguente il transatlantico era stato demolito dal mare agitato e la costa era disseminata di relitti e centinaia di corpi. La migliore stima del bilancio delle vittime era di 460, inclusi 12 ufficiali e 84 membri dell'equipaggio, un ufficiale e 357 arruolati americani e sei pescatori francesi.

Dopo la guerra, la maggior parte dei corpi americani furono reinterrati al Brookwood American Cemetery & Memorial nel Surrey o rimpatriati negli Stati Uniti.

E una torre in pietra di 24 metri fu costruita sul Mull of Oa dalla Croce Rossa americana per commemorare gli uomini dispersi a bordo dell'Otranto e anche della Tuscania.

ABBIAMO FATTO IL Viaggio di 370 miglia verso nord, sbarcato a Port Charlotte, messo in funzione i compressori, pompato i serbatoi da 15 litri e varato le barche.

Le previsioni del tempo sembravano buone, asciutto, soleggiato e con vento da sud-ovest a 8 miglia all'ora. L'Otranto è molto esposta a tutto il vento da ovest ma finché il vento rimanesse sotto i 14 km/h saremmo stati a posto.

I primi subacquei scesero i 15 metri e fissarono la boa vicino al cannone da 6 pollici di prua. La visibilità era tale che era possibile vedere i gommoni delineati in superficie mentre le alghe venivano rimosse dalla canna.

Altri due sommozzatori furono sistemati vicino agli assi delle eliche e fissarono una seconda boa a poppa: i due punti fissi avrebbero dato accesso a tutte le aree durante la settimana.

Il relitto, molto distrutto, copre una vasta area di circa 100 x 100 m, più grande di un campo da calcio ma pesantemente ricoperto di alghe, conosciute localmente come tangleweed.

La seconda ondata di sommozzatori ha continuato a rimuovere le alghe attorno al cannone finché non è stato abbastanza chiaro da poter fissare le bandiere. Mentre volavano nella corrente, c'è stato un momento per fermarsi e riflettere. È stato un onore e un privilegio far parte dell'alzabandiera.

La squadra ha trascorso il resto della settimana a perlustrare tutte le aree del relitto. Le spesse alghe ondeggiavano nel moto ondoso e occasionalmente si diffondevano attraverso il nostro maschere e oscura la nostra visione.

Abbiamo concluso che quando Otranto si era arenata sulla barriera corallina, la sua prua era rivolta a nord. Si era rotta la schiena in due punti, davanti alle caldaie anteriori e dietro quelle posteriori, con la prua e la poppa che oscillavano verso est nelle onde montuose e giravano verso la costa, quasi incontrandosi. Ciò era supportato dai detriti che stavamo trovando.

Abbiamo iniziato a dare un nome alle aree: Bow, Stern, The Pit, The Boilers, Engines e Cordite Alley. Quattro grandi caldaie intatte torreggiavano per 5 metri sopra il fondale marino, le parti inferiori libere da crescita, forse perché dondolavano durante le mareggiate invernali. I motori erano meno visibili, ma dietro le bielle, i cilindri e il blocco erano visibili.

Si potevano vedere ampie sezioni del fondo interno ed esterno dello scafo, e illuminando una torcia all'interno rivelava passaggi stretti a perdita d'occhio e due alberi di trasmissione in acciaio di quasi un metro di diametro.

Presso la sezione di poppa il massiccio telaio ad A dello sterzo era alto 4-5, e al suo fianco giaceva l'enorme timone.

Abbiamo visto molte testate da 6 pollici, due in profondità, e munizioni per armi leggere cementate in 100 anni di sabbia e sedimenti.

1018 Breccia d'Otranto
Una culatta di pistola.

Nella zona di prua due cannoni da 6 pollici erano seduti sui loro piedistalli, con le canne puntate verso l'interno acqua aperta. Sotto di loro giacevano grandi piastre d'acciaio dello scafo, alcune piegate dalla forza delle tempeste, con le loro file di oblò.

Due paletti di fissaggio erano in posizione verticale e c'erano detriti ovunque: legni rotti e marci, cavi, quelle che sembravano piastrelle del pavimento e molte piastrelle esagonali da 2 pollici, originariamente bianche.

Nel pozzo c'erano detriti provenienti dal punto in cui si erano fuse le aree di prua, poppa e centronave, con munizioni per armi leggere e occasionalmente stivali di soldati, marci ma chiaramente identificabili.

Due canne da 6 pollici giacevano fianco a fianco tra le alghe, con i perni puntati verso il cielo e, a 6 metri di distanza, un altro cannone da 6 pollici accanto a molte delle sue testate.

C'erano prove dell'esistenza di gabinetti e lavatoi sotto forma di sanitari rotti. Un enorme argano di coperta sedeva in posizione verticale in mezzo a una sovrastruttura rotta, con scafo e piastre del ponte ovunque.

Il bel tempo ha permesso a tutti noi di completare le nostre due immersioni al giorno, ma le previsioni meteo da sud-ovest della Forza 10 Storm Hector, sapevamo, avrebbero interrotto le immersioni entro giovedì.

Così abbiamo recuperato le bandiere e rimosso le cime e le boe, lasciando solo ricordi da condividere.

ABBIAMO VISITATO IL MUSEO ISLAY vedere la bandiera originale utilizzata per le sepolture delle truppe americane di Otranto e Tuscania, cucita a mano molto velocemente dalle donne di Islay in loro onore.

La Smithsonian Institution in America aveva prestato questa bandiera per il centenario dell'affondamento.

Lo stesso giorno siamo andati a visitare il monumento, portando con noi le bandiere che avevamo sventolato sott'acqua per tutta la settimana a Otranto, e lasciandole sventolare nuovamente brevemente lì.

La pulizia della spiaggia nella baia di Kilchearan ha completato la giornata. Le profonde emozioni provate dal team durante questa memorabile spedizione andavano dall'onore al dolore.

Le 54 ore trascorse sott'acqua ci hanno permesso di completare una mappa e di immergerci video mostrando come giace il relitto oggi.

Le bandiere dovranno ora recarsi alla Legione americana a Nashville, in Georgia, che organizza una parata commemorativa ogni 6 ottobre. Quest'anno prevede di visualizzarli insieme al video riprese in municipio.

Gli altri otto subacquei della spedizione Otranto 100 erano Dave Marshall, Jeff Kenrick, Paul Allen, Mike Armitage, Fred Mousdale, Jane Barker, Sam Barker e John Hardman.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x