Un incontro fatto alle Maldive

Sporgenza a Kudarah.
Sporgenza a Kudarah.

La reputazione delle Maldive come destinazione subacquea premium reggerebbe durante il “viaggio con il clima peggiore” della stagione? MARIE DAVIES si reca nell'arcipelago dell'Oceano Indiano per scoprirlo e chiede l'aiuto di altri liveaboarder per selezionare i suoi otto punti salienti

VOLANDO NEL MASCHIO, the capital of the Maldives, is like plunging into a vacanza brochure. The water really is as turquoise as the pages depict, and the island atolls, ringed with pure white sandy beaches and lush rainforest, are as stunning as the advertisers would have us believe.

Ma se arrivi nella stagione delle piogge, preparati a vivere tutte e quattro le stagioni in un solo giorno. Oh, e pioggia. Tanta, tantissima pioggia.

Veniamo accolti da sorrisi mentre saliamo a bordo della Maldives Aggressor II per un viaggio di sette giorni al meglio delle Maldive. L'equipaggio ci indirizza al salone principale e mi sento come se fossi entrato nella hall di un hotel a 5 stelle.

Leggi anche: Incentivi extra per volare a Filitheyo

Divani in pelle bianca abbracciano i bordi della stanza, completi di due grandi tavoli in vetro e 16 sedie bianche, un allestimento in stile buffet sul retro con set per la preparazione di tè e caffè, un piccolo frigorifero e

un bar. Inoltre, due TV da 65 pollici a parete e un iMac a disposizione degli ospiti. Le finestre di vetro dominano entrambi i lati della barca, offrendo viste spettacolari delle isole vicine.

Io chiamo praticamente ogni crociera un "hotel galleggiante", ma le Maldive Aggressor II sono in un campionato a sé stante. Questa nave è così spaziosa e lussuosa che sembra più un resort galleggiante, completo di spa sul ponte superiore e angolo yoga.

Le cabine sono ugualmente impressionanti e grandi.

La mia camera doppia è arredata con gusto con pareti bianche, un armadio in legno scuro e ampi armadi. C'è una doccia e un WC separati (comodi quando li condividi), oltre a uno schermo piatto a parete.

I peek into the Deluxe Stateroom and it has a huge bed and lounge area, plus great views. As one diver put it: “I’ve never said this before, but the boat is better than the pictures on the website.” He’s not wrong!

Just outside the saloon is a large camera area, but you won’t find tanks or compressor on this 41m vessel. Diving is in tandem with a dhoni that speeds divers away from the mother ship to the dive-sites, typically 10-25 minutes away.

Of the 20 sites I dived, it’s surprisingly hard to pick favourites. Each dive offered something special, be it a shy mantis shrimp, a chilled-out turtle, a huge school of blue-lined snapper, mating octopuses, three cranky stonefish, shark-watching from top of the reef wall and… manta rays. So I cheated and asked the rest of the group to pitch in. Here’s what we came up with:

Sunlight Thila (Atollo di Male N)

Ci svegliamo con nuvole grigie ma il nostro umore è alto mentre ci tuffiamo per l'immersione di check-out, che normalmente non verrebbe menzionata. Sunlight Thila, tuttavia, figura nel mio diario di bordo come la mia migliore immersione di check-out di sempre.

1218 maldive aggressore Manta
Manta ray at Sunlight Thila.

Scendiamo sulla sabbia a 18m. Davanti a noi si profila un grande bommie di corallo con un banco di castagnole che volteggia tra i suoi coralli molli. Si dirigono verso un bommie più piccolo alla sua sinistra, dove avvistiamo pesci vetro e una curiosa murena.

This site is a cleaning station, so we’ve been briefed to keep our eyes open for mantas, but I’m not optimistic.

Then, 20 minutes into the dive, our guide Marilen wafts her arms up and down and, lo and behold, a manta glides out of the murk. We fan out and kneel on the sandy bottom to watch the display.

Unbothered by strobes or bubbles, the ray sweeps over our heads again and again, its majestic fins flapping close to our tanks.

Di tanto in tanto si libra sopra il corallo per essere pulito, ma soprattutto sembra accontentarsi di fluttuare.

Ten minutes later a second manta drifts into my lens. My buddy laughs into his regolatore ed esegue una danza felice.

I’m about to join him, but a rush of water whooshes over my head and one of the mantas has backed around to hover above me.

La mia macchina fotografica si accende in un lampo, ma è troppo vicina anche per il mio grandangolo.

Not that I’m complaining. After 60 minutes’ bottom time, we wave the mantas goodbye. What we lacked in sunlight we had made up for in bright smiles as we climb back aboard the boat.

Lankan Beru (Atollo di Male N)

Per la nostra seconda immersione, ci spostiamo all'esterno dell'atollo e ci immergiamo su un ripido pendio che scende su un fondale sabbioso a 30 m.

We hug the reef and peer into the hazy blue looking for big stuff, which comes in the form of four turtles – one green, and three hawksbills.

We also see our first pink ball anemone and a pair of redtail butterflyfish, both endemic to Sri Lanka and the Maldives. I stop to peruse this part of the reef, and am eventually rewarded with a glimpse of a shy peacock mantis shrimp.

Circa a metà dell'immersione un grande pesce pappagallo nuota pigramente, passando dal sgranocchiare il corallo all'espellere i resti. Ne vedremo molti nella nostra settimana di immersioni.

Ed ecco una curiosità: uno scienziato britannico ha scoperto che un'isola delle Maldive chiamata Vakkaru è composta quasi interamente da escrementi di pappagalli. Almeno l'85% dei sedimenti espulsi da questi pesci viene trasportato sull'isola quando cambia il vento monsonico. Che cosa sai?

Towards the end of the dive the wall flattens out to a gentle slope (more parrot poo, maybe?). Creeping into the shallows, one of the divers makes a gurgling yell and a moment later another manta ray ambles into my vision.

It does a couple of back-flips and flybys before cruising off along the reef. One of those dives that starts off a bit “meh” but ends up being highly memorable.

Fabbrica del pesce (Atollo di Male N)

Sotto un molo sull'isola di Kandou Giri troverai la famosa fabbrica di pesce. I lavoratori puliscono e disossano il pescato e gettano i resti e le ossa oltre il lato del molo.

Non so bene cosa aspettarmi mentre seguo il mio gruppo lungo la parete rocciosa verso il cimitero delle ossa. Le nuvole temporalesche creano una coltre di acqua torbida, ma gli occhi del mio amico sono ancora attenti mentre indica un altro gamberetto di mantide nascosto

nelle rocce.

But we’re not here for macro, we’ve come for the abundance of ray and fish life and, boy, we’re not disappointed. One minute we’re cruising along, the next we’re engulfed by fish-tails.

È come essere gettati nel mezzo di una zuppa di razze, con una spolverata di fucilieri e pesci bandiera.

Sei remore giganti nuotano davanti a te, seguite da vicino da un banco di orate ben nutrite. Successivamente, siamo circondati da pesci chirurgo blu e marroni, dentici foderati di blu e tantissime razze! Sono quasi frenetici mentre masticano e dilaniano le carcasse.

Lasciando da parte le razze, mi chiedo se questo sito debba essere ribattezzato Moray Central. Non ne ho mai visti così tanti in una piccola area. Da un buco, cinque bocche mi guardano a bocca aperta, i loro colli giganti grandi quanto la mia coscia. A pochi metri di distanza si rannicchia una murena albina con il margine giallo, che si nasconde dietro una murena gigante.

Altre tane ospitano una murena fiocco di neve, una murena corpulenta, una maculata e una murena ondulata. Mi rendo conto che sto snocciolando un elenco qui, ma ci sono molte specie diverse su questo sito.

They aren’t simply hanging in gaps in the reef either – plenty are free-swimming around us.

Quando la corrente riprende, ci aggrappiamo agli scogli e ci godiamo lo spettacolo. Non ho mai visto niente di simile.

Il giorno successivo ci svegliamo al suono di altra pioggia che batte sui vetri e la prima immersione viene interrotta a causa delle forti correnti.

We head back to the more sheltered Fish Factory, and by the time we jump in the sun’s rays are filtering through the surface – and we get to enjoy the fish craziness all over again.

We see turtles and lionfish at Feydhas Finolhu, a large school of sweetlips at Banana Reef, reef sharks at Miyaru Kandu and a blue-ribbon eel at Lhosfushi Kandu, but it’s not until a night-dive at Alimatha Jetty that we add another site to our “favourites” list.

Molo di Alimatha (Atollo di Vaauu)

The reef is shallow, the sandy slope gradual, but there’s nothing “meh” about this night-dive. Dropping into 8m we’re careful not to stand on the numerous nurse sharks swimming around in our torchlight. Some are 2m long, others just babies, but they all have one thing in common – they’re hungry!

I squeeze into a small sandy patch with an OMG expression on my face – it’s humbling being in the middle of a shiver of sharks when they’re hunting.

We wait for a frenzy to happen, and it doesn’t take long before one grey nurse decides it really wants to get at that iddy-biddy fish under that iddy-biddy rock.

E poi è tutto! Sabbia e code di squalo volano ovunque e, come osservatore, tutto ciò che puoi fare è respirare, rilassarti e goderti lo spettacolo (oh, e tieni i mignoli ben lontani dalla luce).

Questa immersione è stata un momento culminante soprattutto per il

one and only newly certified Open Water Diver – her eyes were like saucers when she got back into the dhoni!

Ricerca dello squalo balena

A metà settimana navigheremo durante la notte verso l'Atollo di Ari Sud, dove i famosi giganti gentili del mare si nutrono di plancton. Ci svegliamo

uno spruzzo di sole tra le nuvole (whoo), anche se il vento sta ancora sollevando creste bianche sulle cime delle onde (boo).

Do we care? Nope, today is whale shark day! The briefing is detailed and includes a short animation of how to snorkel with whale sharks (basically no touching, no chasing, no swimming in front).

After 20 minutes’ searching from the top of the dhoni, we don our dive-gear and jump in. Then begins a 55-minute drift-dive along Lux Rock,

un ripido pendio (praticamente un muro), alla ricerca di queste sfuggenti creature.

We’re treated to a couple of turtles, a school of fusiliers and a blacktip in the distance, but no white spots. We try again at a dive site called Digurah Beru, but apart from some spekky gorgonian fans and pink soft-coral trees, it’s de nada on the whale sharks.

Reliable sightings are what bring snorkellers and divers from around the globe to the Maldives, but even without a whiff of them, it didn’t put a dampener on our trip at all.

In effetti, la Maldives Aggressor II aveva ancora molte altre sorprese in serbo.

hila (S Ari Atoll)

One of the most exciting dives of the trip, we’re told. Descending on top of a small pinnacle at 14m, I gaze at the sharp drop-offs to 20-25m on all sides. A cloud of blue-lined snapper catches my eye and I’m finning down in a flash. I’m in wide-angle-fotografia Paradiso!

1218 Snapper foderato blu dell'aggressore delle Maldive
Snapper della linea blu a Kudarah Thila.

Once my buddy and I have had our fill of the snapper, we fin towards a large overhang

drappeggiato con coralli e ventagli rosa e rossi e schizzi di corallo giallo a margherita.

Sotto la sporgenza si nascondono pesci soldato, pesci scoiattolo, pesci angelo regali e una coppia di falsi pesci farfalla furcula (sì, dovevo assolutamente cercare quella specie).

Not far away, a flowery cod glares at me from inside its hole. I’m about to risk a photo when the resident eagle ray catches my eye.

We follow it down to 30m, and in the distance spot a whitetip shark and a great barracuda. After a few minutes we head back up the slope to bask in the multitude of gorgonians littering the reef.

The current isn’t strong, so we manage to traverse the 80m reef in one dive. Even without the snapper, it’s a special site, perhaps even my favourite dive of the trip.

Vilamendhoo Thila (Atollo di S Ari)

Durante la nostra ultima immersione di un giorno intero ci dirigiamo verso

a large pinnacle smack-bang in the middle of the channel. I’m thinking “ooh, current!”, but what

Avrei dovuto pensare "ooh, pesce pipistrello!", perché galleggiamo sul percorso di un'enorme scuola.

Visibility is only 10-15m, but they’re friendly and hang close to us for 10 minutes. Moving on, we explore the rest of the reef, with pink fans, lionfish, soldierfish and blue triggerfish everywhere. A whitetip cruises along the wall, followed by a blacktip a moment later.

Ci fermiamo e aspettiamo, e una giovane tartaruga passa e atterra su una sporgenza a lato del muro.

Trascorriamo il resto dell'immersione a 12 metri indietro con il pesce pipistrello, a bocca aperta mentre i pesci più puliti foraggiano tra le loro squame.

Bathala Thila (Atollo N di Ari)

La nostra ultima "preferita" è l'immersione 20, e le guide trasudano impazienza mentre scendiamo in cima alla montagna sottomarina e ci imbattiamo in un banco di pesci balestra blu. I ventagli ricoprono quasi ogni sporgenza e banchi di pesci bandiera nuotano intorno a noi.

Visibility is great at 20-25m, and we hook onto the wall and watch sharks hunting in the blue. Large grey reef sharks mingle with smaller whitetips.

Meanwhile, our guide Marilen is waving at us and we reluctantly leave the shark show and head over to… a giant blue frogfish! It’s quite the specimen. Cruising along with the reef on our left we pass stacks of black coral, plumes of pink and orange anthias, and a Napoleon wrasse.

When the Cruise Director announces at the end of the trip “that’s the worse weather we’ve had all season”, it makes me smile. I didn’t think it was that bad.

Sure, it was a bit stormy for a couple of days at the start,  and rough seas sometimes made getting up the ladder and into the dhoni tricky, but if that’s your worst Maldives, I can’t wait to come back and experience the best.

La maggior parte delle immersioni sono in corrente e alcuni siti sono avanzati, ma questo viaggio è adatto anche ai subacquei meno esperti. A tutte le coppie di sub viene rilasciato un SMB da rilasciare alla sosta di sicurezza. Il dhoni poi resta sospeso nelle vicinanze fino a quando non emergi.

Ai subacquei vengono forniti gli ami attuali per osservare l'azione degli squali durante le immersioni in parete.

Generally it’s illegal to dive deeper than 30m. This rule is relaxed on liveaboards but there isn’t much more to see below 30m anyway, and the deepest we went was 32m.

Il viaggio è stato un'istantanea delle 35,000 miglia quadrate che compongono la nazione sovrana delle Maldive, ma è davvero speciale come promettono quelle fastidiose pubblicità online.

FATTO

COME ARRIVARE> Voli dal Regno Unito a Malé.

IMMERSIONI E ALLOGGIO> Aggressore delle Maldive II, aggressor.com/maldives

1218 scheda informativa sull'aggressore delle Maldive

QUANDO ANDIAMO> Tutto l'anno, ma da gennaio ad aprile offre eccellenti condizioni del mare e buona visibilità. La temperatura dell'acqua è stata in media di 28°C durante il viaggio – “fredda” secondo Marilen. 3 mm muta raccomandato.

I SOLDI> Rufiyaa maldiviana o dollari statunitensi.

PREZZI> Voli Emirates di andata e ritorno dal Regno Unito a partire da £ 724. I viaggi di sette e dieci giorni alle Maldive Aggressor II partono da $ 10, inclusi tutti i pasti, vino e birra.

Informazioni sui VISITATORI> visitmaldives.com

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x