I sommozzatori Zenobia rispondono all’accusa di “anarchia”.

Scialuppe di salvataggio del relitto Zenobia
Scialuppe di salvataggio del relitto Zenobia

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Un piccolo incidente che ha coinvolto un subacqueo britannico a bordo della nave Zenobia Il relitto del traghetto a Cipro ha riacceso una disputa di lunga data tra il proprietario del relitto e i centri di immersione locali che ne contestano la proprietà, secondo un rapporto del Cyprus Mail. 

È stato riferito che la subacquea è stata presa dal panico e ha ingoiato acqua durante la sua risalita dal relitto il 10 settembre. Suo istruttore dal centro immersioni Alpha Divers l'ha portata in superficie e di nuovo sulla barca per le immersioni, dove le è stato somministrato l'ossigeno. È stata portata d'urgenza in ospedale per ulteriori cure e dimessa entro due ore.

Leggi anche: Immersioni Zen: goditi un tour virtuale gratuito

Il proprietario del relitto Andreas Panayiotou e la sua compagnia AAK Larnaca Napa Sea Cruises hanno successivamente affermato che le immersioni sul relitto Zenobia versava in uno “stato di anarchia e illegalità” e che, con circa 200 subacquei presenti ogni giorno, era necessario applicare “semplici regole” per garantire la sicurezza.

L'accusa che l'immersione sul relitto non fosse regolamentata è stata fortemente contestata dal capo dell'Associazione dei Dive Centers di Cipro, Nicos Nicolaou.

"Ci sono più di 30,000 subacquei ogni anno nella zona, e questo è il primo incidente quest'anno", ha detto al giornale. “Se non ci fossero norme, avremmo decine di morti ogni giorno”.

Panayiotou sostiene che i centri di immersione richiedono permessi sia dalla sua compagnia che dalle autorità locali, ma il direttore di Alpha Divers Chris Martin sostiene che alla sua compagnia sono state rilasciate tutte le licenze richieste da fonti ufficiali negli ultimi 15 anni.

Nicolaou ha detto che era l'autorità portuale ad avere giurisdizione sul relitto e a decidere chi poteva immergersi. Le licenze degli istruttori dovevano essere riviste annualmente e queste venivano rinnovate solo se soddisfacevano tutti i criteri, ha affermato.

Panayiotou sostiene che, in quanto proprietario, la sua azienda dovrebbe essere informata di tutte le immersioni in modo che possa assumersi la responsabilità di eventuali incidenti, e che questo non è stato il caso del recente evento. Afferma che la Corte Suprema di Cipro ha trasferito la proprietà del relitto alla sua società per 15,000 sterline nel 1998.

Tuttavia, il suo diritto di proprietà è stato a lungo contestato da cinque membri dell'associazione subacquea: Alpha Divers, Atlantis Sea Cruises, Dive-In, Polpo Centro Diving e Viking Divers. Sostengono inoltre che non ha il diritto di imporre una tassa per immergersi nel relitto o di essere informato di tutte le immersioni.

Le Zenobia  si trova a una profondità di 42 metri al largo di Larnaca e, con i suoi 174 metri di lunghezza, è il più grande relitto tuffabile del Mediterraneo.

Essendo la principale attrazione subacquea di Cipro, si dice che il relitto contribuisca ogni anno con 14 milioni di euro all’economia dell’isola. Secondo il Cyprus Mail sono state effettuate circa 1.5 milioni di immersioni sulla nave da quando affondò quasi 40 anni fa, provocando sei vittime in quel periodo.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x