Il collegamento transatlantico solleva la campana del cacciatorpediniere della Prima Guerra Mondiale 

La campana della nave recuperata dal relitto della USS Jacob Jones (MoD)
La campana della nave recuperata dal relitto della USS Jacob Jones (MoD)

La campana della nave della USS Giacobbe Jones (DD-61), il primo cacciatorpediniere della Marina statunitense ad essere perso a causa dell'azione nemica durante la prima guerra mondiale, è stato recuperato dal relitto al largo delle Isole Scilly durante un'indagine video ROV completa. 

Sebbene la politica della Marina degli Stati Uniti sia normalmente quella di lasciare indisturbate tali tombe di guerra, il suo Naval History & Heritage Command (NHHC) aveva considerato il manufatto a rischio di recupero illegale.

L'operazione è stata effettuata utilizzando un nuovo ROV dall'unità Salvage & Marine Operations (SALMO) del Ministero della Difesa britannico per volere di NHHC, che è responsabile della conservazione, dell'analisi e della diffusione della storia e del patrimonio navale degli Stati Uniti e ha descritto l'immersione in ROV come un "passo chiave nel progetto per onorare l'eredità della nave e dei suoi marinai".

Jacob Jones in corso nel 1916 subito dopo il lancio (NHHC)
USS Giacobbe Jones in corso nel 1916 subito dopo il completamento (NHHC)

Durante gli ultimi 18 mesi della Prima Guerra Mondiale la Marina degli Stati Uniti mantenne una presenza sostanziale nelle acque del Regno Unito e negli approcci occidentali per aiutare a far fronte alla minaccia degli U-Boot e mantenere aperta l'ancora di salvezza marittima tra le Americhe e l'Europa.

Il 96 metri di classe Tucker Giacobbe Jones era uno dei sei cacciatorpediniere che scortavano un convoglio di truppe e rifornimenti dall'Irlanda meridionale alla Bretagna il 6 dicembre 1917 quando fu silurata dal sottomarino tedesco U-53.

L'U-53 a Newport, Rhode Island, il 7 ottobre 1916: l'U-boat successivamente attaccò le navi alleate al largo della costa orientale degli Stati Uniti (NHHC)
U-53 a Newport, Rhode Island, il 7 ottobre 1916: l'U-boat successivamente attaccò le navi alleate al largo della costa orientale degli Stati Uniti (NHHC)

Affondò otto minuti dopo essere stata colpita, mentre il comandante dell'U-Boot trasmetteva la posizione approssimativa dei sopravvissuti alla base americana più vicina in modo che potessero essere salvati. Il suo ufficiale di coperta diresse le operazioni di salvataggio prima di morire per esposizione e ricevette postuma la medaglia al servizio distinto della Marina.

Dopo essere fuggito dall'afflitto Jacob Jones, il marinaio William G Ellis ha catturato la sua distruzione finale in questa fotografia (Smithsonian Institution)
Dopo essere fuggito dai colpiti Giacobbe Jones, Il marinaio William G Ellis ha catturato la sua distruzione finale in questa fotografia (Smithsonian Institution) 
Sopravvissuti della USS Jacob Jones (Comandante Donald J Robinson / NHHC)
USS Giacobbe Jones sopravvissuti (Comandante Donald J Robinson / NHHC)

Scoperto da Darkstar

Da quando c'è stato il naufragio scoperto dalla Darkstar del Regno Unito squadra di tuffi tecnici nell'agosto 2022, come riportato Divernet, sono stati in corso sforzi per documentare e studiare completamente il sito per la sua conservazione e protezione a lungo termine.

"Il relitto della nave è una tomba di guerra sacra ed è l'ultimo luogo di riposo per molti dei 64 uomini che persero la vita nell'affondamento", ha detto il contrammiraglio in pensione Sam J Cox, direttore della NHHC. “La politica della Marina americana è di lasciare indisturbati tali relitti. Tuttavia, a causa del rischio di recupero non autorizzato e illegale della campana della nave, la NHHC ha richiesto l'assistenza del Ministero della Difesa. 

Immagine termica del Jacob Jones (MoD)
Immagine termica del Giacobbe Jones relitto (Mod)

"La Marina degli Stati Uniti è grata alla squadra SALMO per aver recuperato la campana, che servirà da memoriale ai marinai che hanno compiuto l'ultimo sacrificio nella difesa sia degli Stati Uniti che del Regno Unito."

Durante l'indagine SALMO ha anche posto una corona e una bandiera americana sul relitto, in omaggio ai marinai scomparsi 107 anni fa. "Sono orgoglioso di ciò che la squadra ha ottenuto", ha affermato il capo della SALMO Andy Liddell. “Aiutare i nostri alleati nel recupero della campana da un relitto così storico durante il primo dispiegamento del nuovo ROV è un risultato enorme”.

La squadra SALMO ha deposto una corona e una bandiera americana sul relitto (MoD)
La squadra SALMO ha deposto una corona e una bandiera americana sul relitto (MoD)

La campana sarà curata dalla società britannica Wessex Archaeology fino alla fine di quest'anno quando, dopo una cerimonia di consegna, sarà inviata al ramo di archeologia subacquea della NHHC per il trattamento di conservazione e l'eventuale esposizione al Museo Nazionale della Marina degli Stati Uniti.

“Oltre a SALMO, siamo anche grati al team tecnico di immersioni della Darkstar che ha localizzato il relitto, al National Oceanography Center per averci fornito il primo set di dati completo del sito, e a Wessex Archaeology e Gray & Pape [gestione del patrimonio ] per aver sostenuto questo sforzo durante tutta la sua evoluzione”, ha affermato Cox.

Anche su Divernet: Commemorata la prima vittima del cacciatorpediniere della Prima Guerra Mondiale, Come oltre 100 milioni di subacquei hanno identificato la portaerei scomparsa, Sottomarino Star della Seconda Guerra Mondiale Albacore situato al largo del Giappone, Individuato il relitto della prima vittima della bomba a razzo kamikaze

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x