Immersione del Mass Zenobia per "gentiluomo e leggenda"

Ray Woolley è stato per diversi anni il subacqueo attivo più anziano del mondo, ma l'espatriato britannico è morto a Cipro l'anno scorso e ora alcuni dei suoi amici subacquei si sono riuniti sott'acqua per celebrare quello che sarebbe stato il suo centesimo compleanno.

Woolley era rimasto insolitamente in forma fino ai 90 anni grazie ad una regolare routine di nuoto e immersioni, sebbene il centenario americano Bill Lambert alla fine gli ha tolto il Guinness World Record (GWR) con quello che equivaleva a un tuffo una tantum nel 2020. La morte del tuffatore britannico a 99 è stato segnalato Divernet Lo scorso novembre.

Woolley aveva programmato da tempo di festeggiare il suo centesimo compleanno tuffandosi nell'acqua Zenobia naufragio del traghetto a Larnaca, dove aveva stabilito tre record mondiali quando aveva 94, 95 e 96 anni, ma dopo essersi ammalato e aver capito che ciò non sarebbe stato possibile, aveva programmato di sedersi sulla barca mentre i suoi vecchi amici si tuffavano.

Immergersi nella Zenobia:
Ray Woolley ai tempi dei record
Ray Woolley ai tempi dei record

L'immersione commemorativa di massa si è svolta sabato 26 agosto e ha coinvolto 30 membri attuali e passati di due filiali locali del BSAC, il Western Sovereign Base Area SAC della RAF Akrotiri e il Eastern Cyprus SAC, e altri provenienti da Subacquei vichinghi. Il gruppo ha lasciato una targa commemorativa sul Zenobia

62 anni di immersioni

Woolley nacque nel Cheshire nel 1923. Durante la seconda guerra mondiale prestò servizio nella Royal Navy Radio Branch e prestò servizio ai convogli nel 2/1943 prima di essere distaccato allo Special Boat Service nel Dodecaneso. Fu tra le prime truppe alleate a sbarcare a Rodi nel maggio 44.

Dopo la guerra, Woolley lavorò come ingegnere radiofonico e iniziò ad immergersi alla fine del 1960, all'età di 37 anni, con il Portland & Weymouth BSAC. Era ancora in grado di adattarsi a circa 62 anni di immersioni.

Fu inviato a Cipro presso il Ministero degli Esteri nel 1964 e per tre turni di servizio fu segretario, ufficiale subacqueo e membro della spedizione del BSAC 107S. Divenne anche un subacqueo avanzato istruttore.

Nel 1983 il suo lavoro lo portò a Dubai, dove fu membro fondatore e primo ufficiale subacqueo del BSAC 1388. Nel 1999 si ritirò a Limassol a Cipro, dopo essersi immerso in tutto il mondo.

Ray Woolley
Ray Woolley

L'immersione di massa è stata organizzata, come tutte le immersioni record di Woolley, dall'ufficiale subacqueo della WSBA SAC David Turner. "Mi sono immerso con Raymond dal 2006 fino a quando si è infortunato alla schiena all'età di 97 anni e, in seguito, alla sua malattia", ha detto Divernet. "L'ho visitato regolarmente mentre non poteva immergersi."

Continuavo a scendere

Alla sua terza immersione in GWR, Woolley aveva accettato di non scendere a una profondità superiore a 30 metri, ha ricordato Turner. “Quando siamo arrivati ​​a 30, ha fatto segno di scendere. Ho segnalato di no ma, ovviamente, è andato a 35 metri e, di nuovo, ha segnalato di scendere, quindi siamo andati sulla sabbia a 41 metri, dove ha stretto la mano a me e ai nostri due subacquei di sicurezza.

“In superficie, nonostante la sua età, ha insistito per salire sulla scala della barca vichinga con l'attrezzatura completa, anche se ha acconsentito a che io tirassi fuori con discrezione i suoi pesi integrati prima di emergere.

“In superficie è stato accolto da oltre 50 subacquei e da tutta la stampa che Cipro ha potuto raccogliere. Ho sollevato il problema sulla violazione della profondità concordata. Lui mi ha guardato e ha detto che doveva solo andare fino in fondo e stringere la mano a tutti. Un gentiluomo orgoglioso e indipendente fino all’ultimo.”

Al funerale di Woolley a Limassol avevano partecipato "molti subacquei, rappresentanti di compagnie di immersione provenienti da tutta l'isola, membri della Legione britannica, l'addetto militare dell'Alto Commissariato britannico a Nicosia, amici e familiari", ha detto Turner.

"Un giorno triste: parteciperò al suo primo anno di memoria il 12 novembre con la sua famiglia." La targa lasciata sul Zenobia Leggere: "Ricordato da tutti coloro che si sono immersi con lui, come un vero gentiluomo e una leggenda".

Anche su Divernet: Il mito dietro il Zenobia, Zenobia i subacquei rispondono all'accusa di "anarchia"., 60 vasi per aumentare il fascino delle immersioni di Larnaca 

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Crispin
Crispin
7 mesi fa

Leggenda assoluta, grande tuffatore.

SEGUICI SU

1
0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x