Antico relitto del Mar Rosso ritrovato vicino a El Quseir

Costa del Mar Rosso vicino a El Quseir (wusel007)
Costa del Mar Rosso vicino a El Quseir (wusel007)

Molti relitti e reliquie del mondo antico sono stati rinvenuti al largo della costa mediterranea dell'Egitto, ma tali scoperte sono rare nel Mar Rosso.

Ora un relitto romano è stato localizzato a soli 8 km a nord del piccolo resort per immersioni El Quseir, e i ricercatori dell'Istituto nazionale egiziano di oceanografia e pesca che hanno esaminato il sito lo descrivono come una "scoperta significativa".

I NIOF stavano cercando il relitto di una nave menzionata nei documenti come diretta all'India ma perduta vicino all'antico porto di Myos Hormos alla fine del I secolo d.C. Il porto fu successivamente conosciuto come Quseir al-Qadim.

Si ritiene che la nave trasportasse anfore contenenti olio d'oliva e vino, nonché "enormi quantità di monete e metalli preziosi", secondo il team.

Rappresentazione 3D schematica del fondale marino con (a destra) rappresentazione 3D del relitto (NIOF)
Rappresentazione 3D schematica del fondale marino con (destra) Rappresentazione 3D del relitto (NIOF)

Precedenti lavori archeologici nell'area dell'antico porto hanno rintracciato insediamenti, moli e ceramiche tra la fine del I secolo a.C. e l'inizio del III secolo d.C. I ricercatori stavano utilizzando un AUV per eseguire l'imaging con sonar a scansione laterale del fondale marino nella baia quando a una profondità di circa 1 metri è stata rilevata una forma ovale che suggeriva un relitto. 

Il sito del relitto si trova a soli 200 metri dal confine settentrionale dell'ingresso dell'antico porto, afferma il team NIOF, guidato da Amr Hamouda. 

La modellazione batimetrica ha mostrato un mucchio di anfore adagiato accanto alla nave, che misura 32 metri con una larghezza di poco inferiore agli 8 metri. La nave sporge di circa 1.5 m sopra il sedimento e deve ancora essere scavata. 

Le immagini del fondale marino sono state raccolte utilizzando un ROV video telecamera, ma non vi è alcuna indicazione che i subacquei siano stati coinvolti nel rilevamento del sito.

Fotografia ROV per la validazione dei dati del mosaico acustico nella baia semichiusa all'ingresso del porto antico (NIOF)
ROV fotografia validazione dei dati del mosaico acustico nella baia semichiusa dell'imboccatura del porto antico (NIOF)

"Grande attrazione"

Il Mar Rosso ha un “ambiente unico che aiuta a preservare per secoli i relitti affondati a causa della mancanza di ossigeno nelle acque profonde”, afferma il team.

Myos Hormos, che segna il punto più vicino tra il Mar Rosso e il Nilo, era un importante porto commerciale che collegava il mondo mediterraneo con l'Asia meridionale e l'Africa orientale durante le epoche romana e tolemaica dell'Egitto. Fu abbandonato nel corso del III secolo d.C., forse a causa dell'insabbiamento. 

“L’antico relitto romano è una scoperta significativa che rappresenta una grande attrazione per i turisti di tutto il mondo”, concludono il team del NIOF. 

“È necessario stabilire collaborazioni attive con le autorità turistiche locali per promuovere questo sito e sviluppare pratiche turistiche sostenibili che proteggano l’ambiente, fornendo allo stesso tempo benefici economici alle comunità locali”. Loro studio è stato appena pubblicato nel Giornale egiziano di ricerca acquatica.

Anche su Divernet: I sub esplorano un relitto di 2,300 anni al largo dell'Egitto, Antico relitto ritrovato al largo dell'Egitto, I sommozzatori rivelano i tesori dei templi perduti dell'Egitto, Un naufragio unico dimostra che gli antichi avevano ragione

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x