6 relitti del Med controllati durante la missione dell'UNESCO

Elementi rocciosi possono essere visti appena sotto la superficie di Keith Reef (Angel Fitor / UNESCO)
Elementi rocciosi possono essere visti appena sotto la superficie a Keith Reef (Angel Fitor / UNESCO)

Tre relitti – uno antico e due più recenti – sono stati scoperti in profondità sulla piattaforma continentale tunisina durante una missione archeologica nel Mediterraneo svolta per l'UNESCO e otto dei suoi stati membri lo scorso agosto e settembre. Durante la spedizione sono stati rivisitati altri tre relitti antichi e profondi precedentemente conosciuti, i cui risultati sono stati rivelati solo di recente.

Venti ricercatori provenienti da Algeria, Croazia, Egitto, Francia, Italia, Marocco, Spagna e Tunisia hanno collaborato alla spedizione di 14 giorni a bordo della nave scientifica francese Alfredo Merlino

Missione Skerki 1
L'Alfred Merlin (Manuel Ano / UNESCO)

Il team stava lavorando su due progetti autonomi. Un gruppo stava esplorando l'area del Banco di Skerki del Canale di Sicilia più vicino alla piattaforma continentale tunisina, mentre l'altro stava seguendo le spedizioni degli esploratori statunitensi Robert Ballard e Anna Marguerite McCann negli anni '1980 e 2000 verso l'estremità italiana del canale, con l'obiettivo di catturare immagini ad alta risoluzione di tre relitti romani precedentemente scoperti che giacciono tra 750 e 850 metri di profondità.

Si presenta un nuovo relitto (ROV Drassm / UNESCO)
Appare l'immagine di un nuovo relitto (ROV Drassm/UNESCO)
Uno dei relitti più recenti della Skerki Bank (ROV Drassm / UNESCO)
Uno dei relitti della Skerki Bank della fine del XIX e dell'inizio del XX secolo (ROV Drassm / UNESCO)
Relitto sulla Skerki Bank (ROV Drassm / UNESCO)
Relitto della Banca Skerki (ROV Drassm / UNESCO)
Ceramiche sparse dall'antico relitto romano (Vincent Creuze / ROV Drassm / UNESCO)
Ceramiche sparse da SK3, il relitto romano (Vincent Creuze / ROV Drassm / UNESCO)

La squadra ha utilizzato il Alfredo Merlinoha utilizzato il sonar e le apparecchiature per la mappatura e l'imaging subacqueo per trovare e registrare i relitti, quindi ha utilizzato ROV fino a 900 metri per rilevarli.

Nell'antichità il Canale di Sicilia era una rotta commerciale di 90 miglia che correva verso nord-est dall'attuale Tunisia nel Nord Africa fino all'isola di Sicilia. È soggetto a tempeste e forti venti, e le barriere coralline nascoste del Banco Skerki sotto di esso raggiungono quasi la superficie in alcuni punti.

Keith Reef (Angelo Fitor/UNESCO)
Keith Reef (Angelo Fitor/UNESCO)
Il team di Mission Skerki (Angel Fitor / UNESCO)
Il team di Mission Skerki (Angel Fitor / UNESCO)

L'esplorazione è stata effettuata in un'area particolarmente pericolosa chiamata Keith Reef, rivelando i tre relitti precedentemente sconosciuti, designati SK 1, 2 e 3.  

Si stima che SK1 e SK2 risalgano alla fine del XIX-XX secolo. L'SK19, che giaceva tra gli 20 e i 1 metri di profondità, era un "grande relitto metallico motorizzato" che non mostrava tracce di carico. Le gru delle scialuppe di salvataggio erano rivolte verso l'esterno su ciascun lato e non c'era traccia di una scialuppa di salvataggio, suggerendo che le persone a bordo avrebbero potuto essere in grado di allontanarsi. 

L'SK2 a una profondità di 65 metri era un relitto di legno di 15 metri della stessa epoca approssimativa e, senza avvistamento di motore o carico, si pensava fosse un peschereccio. Come SK1, ora richiede una ricerca d'archivio per essere identificato.

Si ritiene probabile che il terzo relitto, anch'esso a 65 metri, sia quello di un'antica nave mercantile di 15 metri risalente al periodo compreso tra il I secolo a.C. e il II secolo d.C. e contenente anfore, forse per il trasporto di vino.

Relitti romani rivisitati

Le tre navi mercantili romane rivisitate, designate G, F e D, giacevano tra i 750 e gli 850 metri di profondità sulla piattaforma continentale italiana.

G risaliva al I secolo d.C. e avrebbe trasportato merci comuni e anfore tra i porti del Mediterraneo occidentale. F, dello stesso periodo, trasportava anche granito e sostanza organica ormai scomparsa, mentre il relitto più profondo, D, era anche il più antico.

Risalente al I secolo a.C., questa nave era carica di almeno 1 diversi tipi di anfore oltre a brocche, vasi e altre ceramiche più piccole, lampade e pesi di pietra.

Relitto D nel Canale di Sicilia (Vincent Creuze / ROV Drassm / UNESCO)
Relitto D, il più antico e profondo dei relitti rivisitati (Vincent Creuze / ROV Drassm / UNESCO)
La sala della robotica (Angel Fitor/UNESCO)
La sala della robotica (Angel Fitor/UNESCO)

I ricercatori temevano che questi relitti potessero essere stati saccheggiati sin dalla loro scoperta perché si trovavano al di fuori delle acque territoriali, ma sono stati descritti come “in gran parte indisturbati”. Ora rientrano nella Convenzione dell’UNESCO del 2001 sulla protezione del patrimonio culturale sottomarino.

Relitto F nel Canale di Sicilia (V Creuze / ROV Drassm / UNESCO)
Soffiatori al lavoro sul relitto F (Vincent Creuze / ROV Drassm / UNESCO)

Croazia, Egitto, Francia, Italia, Marocco e Spagna hanno contribuito a finanziare il progetto UNESCO missione, con l’Italia che fornisce anche supporto navale.

Anche su Divernet: I sub esplorano un antico relitto di marmo del Mediterraneo, Il relitto romano più grande del Mediterraneo orientale Trovate 300 anfore: contenuto, etichette e tutto! Vincitori di Planet Ocean: Le maree stanno cambiando

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x