Ultime immersioni su 10 relitti che coprono un arco di 5,000 anni

Sommozzatori archeologici esaminano le ceramiche su uno dei 10 siti di relitti al largo di Kasos (Ministero della Cultura)
Sommozzatori archeologici esaminano le ceramiche su uno dei 10 siti di relitti al largo di Kasos (Ministero della Cultura)

La ricerca archeologica subacquea nel Mar Egeo orientale intorno all'isola di Kasos, che si trova tra Creta e Rodi, ha rivelato 10 relitti che riflettono cinque millenni di storia, ha annunciato il Ministero della Cultura greco.

Le indagini annuali dell'area iniziate nel 2019 sono state completate lo scorso ottobre da un team della National Hellenic Research Foundation in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri, combinando le prove archeologiche prodotte dai sommozzatori con quelle della storia greca, inclusi eventi raccontati in racconti come quello di Omero Iliade dall'800 a.C.

Rilievo del sito di un relitto (Ministero della Cultura)
Rilievo del sito di un relitto (Ministero della Cultura)
Fotografare le anfore (Ministero della Cultura)
Fotografare le anfore (Ministero della Cultura)

I relitti sono stati scoperti, insieme a quelli che sono stati descritti come reperti individuali significativi, a una profondità compresa tra 20 e 47 metri.

Coprono epoche che vanno dalla preistoria (3000 a.C.) al periodo classico (460 a.C.), greco (100 a.C. – 100 d.C.), romano (200 a.C. – 300 d.C.) e bizantino (800 – 900 d.C.), reperti del tardo medioevo e dell'ottomano periodi e anche un relitto di legno e metallo di 25-30 metri, forse risalente al periodo della seconda guerra mondiale.

Le antiche navi trasportavano carichi da quelle che oggi sono la Spagna, l'Italia, l'Africa e l'Anatolia (Turkiye asiatica), e i loro resti furono trovati insieme agli effetti personali degli equipaggi.

Segnalazione del sito (Ministero della Cultura)
Segnalazione del sito (Ministero della Cultura)
Pulitura di un manufatto (Ministero della Cultura)
Pulitura di un manufatto (Ministero della Cultura)

Tra le recenti scoperte degne di nota sul sito di un relitto figurano un'anfora spagnola del tipo Dressel 20 con un sigillo sul manico risalente al 150-170 d.C., recipienti per bere, terra sigillatafiaschetti in argilla di tipo africano di origine africana risalenti al periodo romano e un'antica ancora in pietra.

La barriera corallina di Kasos-Karpathos e l'area di Karpatholimnion sono state mappate per la prima volta, utilizzando la scansione sonora laterale. I ricercatori hanno anche scattato più di 20,000 fotografie subacquee per ricreare digitalmente i reperti, consentendo l'analisi dettagliata da parte di esperti in vari campi.

Subacquei con l'ancora (Ministero della Cultura)
Subacquei con l'ancora (Ministero della Cultura)

Un rapporto sugli scavi, comprendente le valutazioni di storici, archeologi, conservatori e altri scienziati, sarà pubblicato alla fine del 2024 dalla Fondazione Nazionale Ellenica per la Ricerca.

Gli archeologi passeranno ora a concentrarsi sui mari attorno a Karpathos, che si trova al di là di uno stretto a est di Kasos, da questo giugno.

WRECKS4ALL pronto ad espandersi

Analisi dei dati del relitto 3D
Analisi dei dati del relitto 3D (LabMA)

Il Laboratorio di Archeologia Marittima (LabMA) dell'Università del Montenegro afferma che è destinato a espandere ulteriormente il suo concetto WRECKS4ALL nella regione dell'Adriatico meridionale. 

Il progetto prevede di rendere il patrimonio culturale sottomarino dell'area accessibile a subacquei e non subacquei attraverso la digitalizzazione e la realtà virtuale liberamente disponibili tramite l'app mobile WRECKS4ALL, oltre alla promozione del turismo subacqueo. 

LabMA afferma che la prima fase del progetto è stata riconosciuta come una delle più riuscite ad essere cofinanziate dall'UE, dopo il lavoro svolto fino ad oggi nelle regioni costiere del Montenegro, Croazia e Bosnia-Erzegovina.

Ora il progetto WRECKS160,000ALL 4, della durata di un anno, del valore di 2.0 sterline, andrà avanti sotto forma di una serie di conferenze e corsi di archeologia subacquea, nonché di un’ulteriore digitalizzazione del patrimonio sottomarino. Il progetto si concentrerà sul Montenegro insieme a parti dell'Italia e dell'Albania, finanziato dai comuni di Valona (Albania) e Kampomarino e dall'Università italiana del Salento. 

L'app WRECKS4ALL può essere scaricata gratuitamente tramite Google Play or Apple Store.

Anche su Divernet: I subacquei trovano antichi relitti al largo di Kasos, Altre scoperte subacquee in Grecia, I nervi calmati sbloccano gli antichi siti di immersione greci, L'app gratuita offre esempi di immersioni sui relitti dell'Adriatico

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x