Spinta per pesci a filo per i luoghi di immersione

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Spinta per pesci a filo per i luoghi di immersione

Freestyle
Base in corallo di razza a Fujairah. (Foto: Tuffatori Freestyle)

Un centro immersioni a Fujairah, lo stato degli Emirati Arabi Uniti sul Golfo di Oman, sta creando barriere artificiali basate su 15 sculture di filo a forma di megafauna marina. 

I Freestyle Divers del Radisson Blu Resort hanno affondato le prime strutture basate sulle razze il 7 agosto, mentre la fase successiva a settembre includerà una scultura di uno squalo balena di 10 metri. Si prevede che vengano affondati anche circa 20 scafi di imbarcazioni in esubero.

Il centro immersioni ha sfidato gli studenti delle scuole a progettare modelli di filo su cui propagare il corallo e sono state coinvolte 120 scuole, con la Emirates International School che ha ideato il design vincente della razza.

L'obiettivo è trasformare 100 mq di fondale brullo e sabbioso a 300 metri dalla riva, ad una profondità massima di 8 metri. Nella zona sono vietati la pesca e il dragaggio e si prevede che i coralli ramificati trapiantati sulle strutture cresceranno fino a 20 cm all’anno. Il progetto prevede il monitoraggio scientifico e la misurazione dei tassi di colonizzazione.

britannico istruttore and Freestyle’s marine conservation manager James Campbell had previously developed a comparable installation in Thailand’s Koh Tao, and an earlier project in Fujairah at the Dibba Rock dive-site is reported to have been successful and to have attracted reef sharks, turtles and batfish.

NEL NORD SARDEGNA, nel frattempo, migliaia di ami da pesca industriali sono stati trasformati in 12 sculture a grandezza naturale di squali, mante e tartarughe dall'artista olandese ed eco-attivista Vincent Mock. Uno, uno squalo martello, è stato installato sott'acqua.

L’obiettivo di Mock con la sua mostra AMO – “amo” che significa sia “amore” che “gancio” in italiano – è quello di aumentare la consapevolezza sulla megafauna in via di estinzione.

Il pezzo più grande, uno squalo balena lungo 12 metri, verrà successivamente messo all'asta per raccogliere fondi per gli attivisti per la conservazione marina Sea Shepherd. Mock afferma che l'organizzazione lo ha ispirato 10 anni fa a dedicare la sua vita alla protezione dell'oceano creando arte.

14 agosto 2021

Alcune delle sculture sono esposte in aree naturali lungo la costa della Costa Smeralda, evidenziando gli sforzi locali per proteggere la costa della Sardegna e la fauna marina. Mock afferma che anche Porto Cervo è stato scelto come località perché è una destinazione popolare per i ricchi decisori.

“L’arte individuale può essere un mezzo molto potente per la conservazione globale”, ha commentato Geert Vons, direttore artistico di Sea Shepherd. “Il lavoro di Vincent Mock è un esempio perfetto. Autentico, semplice e diretto. Questi sono aspetti con cui Sea Shepherd può identificarsi. Il lavoro parla da solo ed è impossibile ignorarlo”.

La mostra AMO prosegue fino al 30 settembre e le sculture possono essere viste qui.
maggiore

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x