Perché i subacquei più anziani hanno bisogno di rimettersi in forma

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Perché i subacquei più anziani hanno bisogno di rimettersi in forma

Ray Woolley, il subacqueo più anziano del mondo, si esercita quotidianamente.

I subacquei più anziani e fuori forma devono tenere sotto controllo il proprio peso per evitare un infarto sott'acqua: questo è il consiglio che segue un importante studio di ricerca condotto su oltre 100,000 subacquei americani dalla Società Europea di Cardiologia.

"I problemi cardiaci sono ora uno dei principali fattori di mortalità per subacquei", ha affermato l'autore dello studio e subacqueo Dr Peter Buzzacott, dell'Università dell'Australia Occidentale.

“I subacquei che hanno imparato ad immergersi anni fa e che ora sono anziani e sovrappeso, con pressione alta e colesterolo alto, corrono un rischio maggiore di morte”.

28 luglio 2018

Gli eventi cardiaci sono oggi secondi solo all’annegamento come causa di morte tra i subacquei.

Lo studio riconosce che gli incidenti mortali legati alle immersioni ricreative sono rari (ne cita 181 in tutto il mondo nel 2015, di cui 35 in Europa), ma afferma che i numeri che coinvolgono problemi cardiaci sono in aumento.

Tra il 1989 e il 2015, la percentuale di morti per immersione nella fascia di età compresa tra i 50 e i 59 anni è aumentata costantemente dal 15 al 35%, mentre quella tra gli ultrasessantenni è aumentata dal 60 al 5%.

I subacquei devono apprendere abilità e teoria ed essere sottoposti a screening per l'idoneità quando intraprendono lo sport, ma la certificazione che ricevono dura per tutta la vita. “È qui che vediamo un aumento del rischio”, ha affermato il dott. Buzzacott. “Di solito non sono i nuovi subacquei ad avere problemi di salute, perché sono stati recentemente sottoposti a screening. Sono i subacquei più anziani che non si prendono cura della propria salute”.

Fino ad ora i ricercatori affermano che non esisteva un quadro chiaro di quanto fossero comuni i fattori di rischio cardiovascolare tra i subacquei attivi, perché la ricerca si era limitata a sondaggi tra i membri dei club di immersione o i subacquei assicurati. Affermano che il nuovo studio, finanziato dal Divers Alert Network (DAN), è il primo ad essere condotto tra i subacquei della popolazione generale.

LO STUDIO si basava sui dati di sondaggi telefonici del 2011, 2013 e 2015 condotti su adulti statunitensi dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie e che includevano le immersioni subacquee come attività. I sondaggi hanno rappresentato quasi 736 milioni di persone, 498 milioni (68%) delle quali erano state attive nel mese precedente.

Le immersioni subacquee erano l'attività principale di 113,892 persone (0.02%), confrontate con un gruppo di 338,933 persone attive abbinate per età, sesso e stato di residenza la cui attività principale non era l'immersione. Un terzo dei subacquei aveva 50 anni o più. Erano spesso ben istruiti, più della metà guadagnava almeno 75,000 dollari all’anno e la maggior parte era sposata con figli.

Una percentuale significativamente maggiore di subacquei (54%) aveva fumato sigarette ad un certo punto rispetto ai non subacquei (46%), ma un numero maggiore di subacquei aveva smesso di fumare (40% contro 26%). I subacquei erano più frequentemente in sovrappeso (48% contro 43%), ma avevano un indice di massa corporea medio inferiore rispetto ai non subacquei (26 contro 27 kg/m2).

A un terzo dei subacquei (33%) era stata diagnosticata la pressione alta e il 30% aveva livelli di colesterolo alti, livelli che non erano statisticamente diversi da quelli del gruppo di confronto.

"Ho smesso di fumare grazie alle immersioni subacquee, e so che questo è relativamente comune dalle conversazioni che ho avuto su barche per immersioni con altri subacquei", ha detto il dottor Buzzacott. “Il mio consiglio personale a tutti i fumatori è di smettere di fumare e dedicarsi alle immersioni. Non solo è meglio per te, è più divertente, è anche più economico!”

Il dottor Buzzacott ha consigliato a tutti i subacquei di sottoporsi a valutazioni di fitness di routine con il proprio medico e di affrontare i fattori di rischio che altrimenti potrebbero portare a un infarto fatale durante l'immersione.

"Mai prima nella storia così tante persone si sono esposte a questi straordinari stress ambientali e, per la prima volta in assoluto, ora abbiamo un gran numero di persone che hanno trascorso l'intera vita regolarmente facendo immersioni subacquee", ha affermato.

“Nessuno di noi è più giovane come una volta ed è importante mantenerci in forma per le immersioni. Il padre delle immersioni, Jacques Cousteau, si immergeva a 90 anni e il subacqueo più anziano del mondo ne ha 94 [il subacqueo britannico Ray Woolley]. Sembra che sia in ottima forma e questo è il modello per tutti noi se vogliamo continuare a immergerci nei nostri anni da senior. Certamente.

Lo studio è pubblicato sull’European Journal of Preventive Cardiology.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x