Le balene scuotono la ricerca sui terremoti

Felice di aiutare: una balenottera comune. (Foto: Aqqa Rosing-Asvid)
Felice di aiutare: una balenottera comune. (Foto: Aqqa Rosing-Asvid)

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

I sismologi si sono rivolti al canto di pinna balene per saperne di più su ciò che accade sotto la crosta terrestre.

Leggi anche: Morte dell’uomo che “salvò la balena”

fineI richiami delle balene sono tra i segnali di più vasta portata dell’oceano e gli scienziati statunitensi affermano di poterli sfruttare per determinare lo spessore e il movimento dei sedimenti profondi e degli strati di roccia solida.

Gli esperti che hanno fatto la svolta lavorano presso il College of Earth, Ocean & Atmospheric Sciences della Oregon State University, sulla costa nord-orientale del Pacifico.

"Le persone in passato hanno utilizzato i richiami delle balene per tracciare le balene e studiare il comportamento delle balene", ha affermato il professor John Nabelek, coautore del loro studio, appena pubblicato su Science. “Abbiamo pensato che forse potremmo studiare la Terra usando quelle chiamate. Ciò che abbiamo scoperto è che i richiami delle balene possono servire da complemento ai tradizionali metodi di ricerca sismica passiva.

“Ciò espande l’uso dei dati che vengono già raccolti”, ha affermato. “Ciò dimostra che queste vocalizzazioni animali sono utili non solo per comprendere gli animali, ma anche per comprendere il loro ambiente”.

Nabelek e l'autore principale Vaclav M Kuna hanno studiato i terremoti utilizzando una rete di 54 sismometri posizionati lungo una faglia del fondale marino che si trova a 100 miglia o più al largo della costa dell'Oregon. Si sono resi conto che i forti segnali che stavano captando corrispondevano alla presenza di balene nella zona.

"Dopo ogni richiamo delle balene, se si guardano attentamente i dati del sismometro si sente una risposta dalla Terra", ha detto Nabelek. Anche se le vocalizzazioni rimbalzavano tra la superficie del mare e il fondale, parte della loro energia veniva trasmessa anche attraverso il suolo sotto forma di onda sismica.

Utilizzando una serie di canti di balene registrati da tre sismometri, i ricercatori sono stati in grado sia di individuare la posizione delle balene sia di creare immagini degli strati della crosta terrestre dalle vibrazioni. Ora stanno utilizzando le informazioni per saperne di più sulla fisica dei terremoti, inclusa la relazione tra lo spessore dei sedimenti e la velocità.

Fino ad ora questo lavoro veniva svolto utilizzando pistole ad aria compressa, che forniscono immagini ad alta risoluzione ma rendono il processo costoso e invasivo. L’uso del canto delle balene è “utile per studiare la crosta oceanica della Terra dove i metodi scientifici standard di indagine non sono disponibili”, ha affermato il professor Nabalek.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x