L'apneista che salvava balene è stato risparmiato

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

L'apneista che salvava balene è stato risparmiato

Django

Un apneista australiano è stato acclamato dal pubblico per aver liberato un cucciolo di megattera rimasto intrappolato nella rete. Ma dopo aver detto ai giornalisti che era stato minacciato di multa per aver interferito con le “attrezzature ufficiali per il controllo degli squali”, è stata avviata una campagna di raccolta fondi per coprire le sue spese.  

Ora, con 7360 dollari australiani raccolti da più di 250 persone in meno di due giorni, il Dipartimento della pesca del Queensland ha ritirato la multa, affermando che ciò era dovuto al fatto che il subacqueo non aveva precedenti di infrazioni.

The experienced freediver, who goes by the name Django, said he had been out in his small boat (or “tinny”) off the city of Gold Coast in the early morning of 19 May looking for manta rays when he saw the trapped whale at 8-9m.

Si tuffò pronto a liberarlo con il coltello prima che annegasse, ma scoprì che con immersioni ripetute riusciva a districare il suo pettorale sinistro pinna dalla rete. Sebbene la corda gli avesse morso la carne, il vitello riuscì a nuotare via.

Prima di lasciare la scena, Django ha parlato con una squadra di soccorso del dipartimento della pesca del Queensland, che si ritiene fosse in attesa dell'approvazione per liberare la balena, e gli è stato detto che sarebbe stato penalizzato.

Riguardo al salvataggio, l’apneista ha detto a 7News: “Pensavo che la maggior parte delle persone l’avrebbe fatto – a volte devi solo pagarne il prezzo”. 

La multa massima per chi interferisce con le reti contro gli squali è di 26,700 dollari (più di 14,000 sterline).

La campagna per coprire eventuali multe inflitte a Django è stata avviata da Envoy Film Documentary, che ha in uscita un nuovo film intitolato Inviato: Cull. Ciò sostiene che le linee degli squali danneggiano l’ecosistema marino e servono solo ad attirare gli squali più vicino alla costa di quanto altrimenti si avventurerebbero.

21 Maggio 2020

I contributi alla raccolta fondi di Envoy verranno ora restituiti o destinati a enti di beneficenza che si occupano di vita marina.

Gli ambientalisti australiani hanno affermato che è stato insolitamente presto nella stagione delle balene perché si sia verificato un incidente del genere, ma che fino a 10 balene protette muoiono ogni stagione a causa degli impigliamenti. Da tempo si battono affinché le reti anti-squalo vengano sostituite con linee di tamburi. 

Django ha detto ai giornalisti che le reti erano comunque una perdita di tempo, perché gli squali nuotavano intorno a loro.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x