“Non lo sapevamo!”, ha rivelato l’ignoranza sulla mattanza dei delfini 

Massacro dei delfini
Isole Faroe, settembre 2021 (Sea Shepherd)

Secondo un nuovo sondaggio commissionato dalla coalizione ambientalista Stop the Grind e dagli eco-attivisti Sea Shepherd, due terzi dei consumatori nel Regno Unito, Danimarca e Germania sarebbero disposti a boicottare o sostenere le sanzioni economiche contro le nazioni dedite alla caccia alle balene.

La ricerca OnePoll stava esplorando le opinioni degli europei sull’annuale Grindadrap o 'Grind’, in cui gli abitanti delle Isole Faroe massacrano centinaia di globicefali e altri delfini per consumarli.

Leggi anche: I pescherecci da traino per krill tagliano il megapod della balenottera comune

Secondo i risultati, il 74% degli intervistati non aveva idea che la caccia ai delfini e la caccia commerciale alle balene rimanessero legali nelle Isole Faroe e in altre nazioni europee, Norvegia e Islanda. E il 69% ha affermato che sosterrebbe le sanzioni commerciali governative contro questi paesi, mentre il 62% sosterrebbe il boicottaggio da parte dei consumatori di prodotti, servizi e viaggi di piacere verso questi paesi.

Sea Shepherd ha lottato per fermare il Grind dal 1983, ma le isole Faroe, che si autogovernano, pur dipendendo dall’esercito e dalla polizia danesi, hanno dichiarato la loro indipendenza dalle leggi dell’UE contro l’uccisione di cetacei.

Lo scorso settembre gli isolani hanno stabilito un triste record e hanno attirato la condanna internazionale con il massacro di un super-branco di 1,492 delfini dai fianchi bianchi, tra cui femmine gravide e giovani.

Infografica sulla macellazione dei delfini (Sea Shepherd)
Infografica sulla macellazione dei delfini (Sea Shepherd)

Ciò ha spinto Sea Shepherd UK a collaborare con la società di consulenza in comunicazione Shared Planet per formare Stop the Grind, una coalizione internazionale di gruppi per il benessere degli animali, politici europei e celebrità, per aumentare la consapevolezza globale e organizzare pressioni politiche ed economiche per porre fine a tale caccia.

Gran parte del reddito delle Isole Faroe deriva dal turismo e dalle esportazioni di salmone, quindi dipende dai consumatori provenienti da paesi in cui la caccia ai cetacei è illegale.

Petizione per un accordo commerciale

Più di 100,000 cittadini britannici hanno firmato un accordo petizione chiedendo al governo di sospendere il suo accordo commerciale da 5.5 milioni di sterline con le Isole Faroe fino al Grind finisce. A livello globale più di 1.3 milioni di persone hanno chiesto che questi omicidi siano vietati.

A gennaio l’UE e gli stati membri che fanno parte della Commissione baleniera internazionale (esclusa la Danimarca) hanno invitato le Isole Faroe a “porre fine immediatamente alla pratica obsoleta della caccia alle balene e ai delfini” e hanno definito il massacro di settembre “crudele e inutile”.

Sebbene il governo delle Isole Fær Øer abbia dichiarato che avrebbe valutato le norme sulla caccia 10 mesi fa, Sea Shepherd afferma che non è stata intrapresa alcuna azione.

Già quest’anno, l’organizzazione afferma che sono stati uccisi 182 globicefali, esclusi i vitelli non ancora nati. Sea Shepherd UK ha inviato un altro equipaggio di terra nelle isole documentare le cacce e contribuire a sensibilizzare l'opinione pubblica su questo tema.

Anche su Divernet: Grande serata alle Faroe: 1428 delfini morti

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x