Il naufragio trasportava gin in Russia?

Il relitto ha il nome in codice Butilochnik dopo le centinaia di bottiglie trovate a bordo e che si ritiene contenessero alcol.
Il relitto ha il nome in codice Butilochnik dopo le centinaia di bottiglie trovate a bordo e che si ritiene contenessero alcol.

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Le bottiglie di vetro sono tra i primi manufatti recuperati dai subacquei russi da un enigmatico relitto del XVIII secolo scoperto nel Mar Baltico due anni fa.

Aggiornare: I sub esplorano una rara nave di 400 anni

Gli specialisti del Centro di ricerca subacquea della Società geografica russa (RGS) stanno studiando i reperti, recuperati da quella che credono fosse una nave olandese in rotta verso quella che allora era la nuova capitale San Pietroburgo.

Il relitto ha il nome in codice Butilochnik dopo le centinaia di bottiglie trovate a bordo e che si ritiene contenessero alcol.

Il luogo del relitto è stato localizzato per caso da una nave della flotta russa del Baltico. Si trova ad una profondità di 50 metri vicino all'isola Moshchny nel Golfo di Finlandia, 75 miglia a ovest di San Pietroburgo,

I sommozzatori dell'RGS hanno effettuato una prima indagine nel 2019 e hanno scoperto che il legname della nave era sopravvissuto alle fredde condizioni del Baltico, sebbene non vi fosse traccia di alberi. Si credeva che la nave fosse a tjalk, un veliero mercantile olandese, e di essere affondato intorno alla metà del XVIII secolo.

È ora in corso uno studio dettagliato, con i subacquei che hanno trovato centinaia di bottiglie di vetro di varie forme e dimensioni, alcune prodotte in fabbrica e altre fatte a mano. La maggior parte era rotta, ma si pensa che potessero contenere gin o altri liquori.

"Molto probabilmente la nave stava navigando verso San Pietroburgo e trasportava bottiglie di alcol a bordo, ma cosa ci fosse esattamente nelle bottiglie è difficile da dire, perché ora c'è solo una sostanza marcia", ha riferito l'archeologo subacqueo della RGS Roman Prokhorov. "Molte bottiglie odorano di aghi di pino, di eucalipto."

Il ginepro, la pianta principale utilizzata nel gin, odora di pino e l'eucalipto può essere utilizzato come ingrediente. Gin olandese, o Gin, fu esportato dai Paesi Bassi in grandi quantità nel XVIII secolo.

La Russia è più spesso associata alla vodka, una parola trovata per la prima volta nei documenti ufficiali all'epoca dell'affondamento del Butilochnik.

La RGS afferma che finora negli archivi ufficiali non è stata trovata alcuna traccia di tale nave.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x