Progetto Virtual Reef Diver in corso

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Progetto Virtual Reef Diver in corso

Subacqueo virtuale della barriera corallina

Milioni di australiani – e tutti gli altri cittadini del mondo che desiderano unirsi a noi – vengono incoraggiati a fare un “tuffo a secco” nella Grande Barriera Corallina come parte di un innovativo progetto cittadino-scientifico.

Il progetto Virtual Reef Diver della Queensland University of Technology (QUT) consentirà alle persone di lavorare online da casa insieme agli scienziati marini per classificare le immagini subacquee della barriera corallina più grande del mondo.

La dottoressa Erin Peterson, leader del progetto, ha affermato che le informazioni aiuterebbero a comprendere le località GBR in cui i coralli duri stanno aumentando o diminuendo.

“I dati del monitoraggio professionale sono estremamente preziosi perché ci aiutano a capire come le barriere coralline stanno cambiando nel tempo, ma la vastità della barriera corallina significa che è impossibile per qualsiasi organizzazione portare a termine il compito da sola”, ha affermato.

6 agosto 2018

“La motivazione del progetto Virtual Reef Diver era cercare modi innovativi per ottenere nuovi dati in modo economicamente vantaggioso e un modo è sfruttare il potere dei cittadini-scienziati.

“Consideriamo questa come una meravigliosa opportunità per coinvolgere la comunità, indipendentemente da dove vivono, e per questi cittadini-scienziati per aggiungere valore reale al nostro monitoraggio e alla nostra mappatura.

“I risultati di questo progetto contribuiranno a fornire agli scienziati marini e ai gestori della barriera corallina le informazioni di cui hanno bisogno per prendere decisioni cruciali sul futuro della barriera corallina. Getterà inoltre le basi per la creazione di una mappa aggiornata e completa della copertura corallina della Grande Barriera Corallina", ha affermato.

Per classificare un'immagine della barriera corallina, i volontari identificano e classificano ciò che vedono sotto 15 cerchi posizionati casualmente su un'immagine subacquea della barriera corallina, come coralli, acqua, sabbia o alghe. Centinaia di migliaia di immagini saranno disponibili per la classificazione fino alla fine di luglio 2019.

"La buona notizia è che le persone che desiderano partecipare possono fare tanto o poco come desiderano", ha affermato il dottor Peterson. "Non esiste un numero minimo di immagini da classificare."

I dati della scienza dei cittadini saranno integrati con quelli raccolti da programmi di monitoraggio professionale, istituti di ricerca e organizzazioni private.

“Dietro le quinte, vogliamo anche indagare in che modo le decisioni di classificazione dei cittadini-scienziati si confrontano con quelle prodotte dall’intelligenza artificiale”, ha affermato il dott. Peterson. “Gli scienziati a casa otterranno i migliori risultati? Lo scopriremo."

Il sito web è ora attivo.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x