I subacquei senza licenza hanno messo in guardia contro il disturbo dei cavallucci marini

Neil Garrick-Maidment a Studland Bay. (Foto: Seahorse Trust)
Neil Garrick-Maidment a Studland Bay. (Foto: Seahorse Trust)

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

All'inizio di giugno Lo ha riferito Divernet che i subacquei dell'organizzazione benefica per la conservazione marina Seahorse Trust si erano rallegrati nello scoprire che i cavallucci marini spinosi scomparsi da Studland Bay nel Dorset per due anni erano tornati in gran numero. 

Ma ora che anche i subacquei sono tornati in mare, l’ente teme che le loro attività possano mettere a repentaglio la rinascita dei cavallucci marini.

Secondo un articolo apparso oggi sul Sunday Telegraph (12 luglio), la minaccia nasce perché i subacquei che normalmente viaggeranno all’estero per vedere specie esotiche di vita marina hanno invece rivolto la loro attenzione ai siti costieri accessibili della Gran Bretagna.

L'anno scorso Studland Bay è stata designata Zona di Conservazione Marina (MCZ) in riconoscimento dell'importanza del suo habitat di fanerogame marine e della popolazione di cavallucci marini. 

I cavallucci marini spinosi e quelli dal muso corto sono protetti dal Wildlife & Countryside Act del 1981, quindi è illegale cercarli attivamente senza una licenza della Marine Management Organization, o disturbarli in alcun modo. Sembrava che fossero state le condizioni tranquille del blocco del coronavirus ad aver indotto i cavallucci marini a organizzare un ritorno.

Il direttore esecutivo del Seahorse Trust Neil Garrick-Maidment ha dichiarato al giornale che la sua organizzazione ha registrato 46 cavallucci marini nelle ultime settimane, di cui 21 in un'immersione, il conteggio più alto dall'inizio del monitoraggio nel 2008. 

Ma ha avvertito che altri subacquei erano stati nei siti ogni giorno e che l’uso dei flash, l’avvicinamento troppo vicino e il rumore della barca potrebbero stressare i pesci e potenzialmente ucciderli.

“Il Covid-19 è stato terribile, ma ha fatto cose straordinarie per il mondo naturale – è abbastanza terrificante pensare che tutto il bene che ha fatto potrebbe essere annullato in solo un paio di fine settimana”, ha detto.

Tuttavia, Studland Bay fornisce anche un ancoraggio per centinaia di imbarcazioni private, e i subacquei sperano che il riferimento del rapporto all'intenso effetto sui cavallucci marini del suono delle "oltre 350" navi non lasci l'impressione che il rumore provenga da un flotta di barche per immersioni.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x