Un naufragio unico dimostra che gli antichi avevano ragione

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Un naufragio unico dimostra che gli antichi avevano ragione

Pace

Lo scafo in legno della nave 17. (Foto: Christoph Gerigt / Franck Goddio / Fondazione Hilti)

Quando lo storico greco Erodoto visitò l'Egitto quasi 2500 anni fa, scrisse un resoconto in cui osservava la costruzione di quelle che considerava insolite imbarcazioni sul fiume Nilo. Ma fin dai tempi antichi non era mai stata trovata alcuna traccia del tipo di nave da lui descritta – fino ad ora.

Una chiatta sul Nilo o "baris", costruita quasi esattamente come descritta dallo storico, è uno degli oltre 70 relitti rinvenuti nel più grande cimitero di navi antiche del mondo, risalenti all'VIII-II secolo a.C.

Scoperte nella città portuale sommersa di Thonis-Heracleion nella baia egiziana di Abukir, nella quale sfocia il Nilo, le navi sono sottoposte a scavi a lungo termine da parte dell'Istituto europeo di archeologia subacquea dell'archeologo subacqueo Franck Goddio.

20 marzo 2019

Anche il Centro di Archeologia Marittima dell'Università di Oxford è stato coinvolto nei lavori e uno dei suoi sommozzatori, Alexander Belov, ha appena pubblicato un libro sui baris. Erodoto lo descrisse così accuratamente nel 450 a.C. che Belov sospetta che potrebbe aver riferito proprio dal cantiere navale dove fu costruito il ritrovamento.

La nave, lunga 28 metri, era ben conservata sotto il limo e i lavori di scavo hanno rivelato uno scafo in legno a forma di mezzaluna, di cui circa il 70% è sopravvissuto. Le sue assi di legno di acacia vengono tagliate a una lunghezza di circa 1 metro e invece di essere giuntate sono tenute insieme da nervature lunghe fino a 2 metri, fissate mediante pioli.

Il papiro veniva utilizzato per rendere le cuciture impermeabili e anche per realizzare le vele. L'albero era di acacia e un unico timone assiale passava attraverso un foro nella chiglia. Quasi ogni dettaglio nel testo di Erodoto corrisponde esattamente, secondo Belov, sebbene il relitto sia leggermente più piccolo dell'esemplare descritto.

Belov si immerge con Goddio da 20 anni ed è stato catturato all'inizio del 1999 mentre lavorava sott'acqua in condizioni di scarsa visibilità. Mentre ripuliva quella che pensava fosse una roccia, dalla concrezione emerse la testa di una sfinge.

“È stato molto emozionante!” dice, anche se la Baris, in quanto prima grande imbarcazione commerciale egiziana mai scoperta, probabilmente si rivelerà più significativa dal punto di vista archeologico.

Il libro di Belov “Nave 17 – una Baris di Thonis-Heracleion" descrive come la nave sarebbe stata utilizzata sul Nilo - e successivamente riciclata essendo integrata nella struttura marina del porto.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x