Confermato il divieto delle pinne di squalo nel Regno Unito

CEFAS.
CEFAS.

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Gli attivisti hanno accolto con favore l'annuncio formale del Regno Unito che dal prossimo anno diventerà la prima nazione europea a vietare l'importazione e l'esportazione di squali fini e tutti i prodotti che li contengono, compreso lo squalo pinna la minestra.

Leggi anche: Booster shot per l'organizzazione benefica per gli squali Bite-Back

Prima della Brexit, il Regno Unito aveva rispettato la legislazione dell’UE che consentiva a chiunque di trasportare fino a 20 kg di squalo essiccato fini oltre i confini europei come importazione personale.

Divernet ha riferito a maggio che la scappatoia, che aveva consentito ai commercianti di pinne di squalo di operare nel Regno Unito, sarebbe stata colmata. La nuova legge imporrà tutte le importazioni e tutte le esportazioni fini rimanere attaccati al corpo dello squalo ed essere scambiati come tali.

Bite-Back Shark & ​​Marine Conservation, uno dei principali promotori della campagna per colmare la scappatoia, aveva affermato che ogni singola autorizzazione all'importazione valeva circa 3600 sterline sul mercato nero ed era sufficiente per produrre 700 ciotole di squali.pinna la minestra.

Il DEFRA, il Dipartimento per l’ambiente, l’alimentazione e gli affari rurali, ha lanciato un appello a presentare prove lo scorso dicembre, chiedendo opinioni sulla portata e sull’impatto del commercio nel Regno Unito. Ha pubblicato una sintesi delle risposte compresi i dettagli dei prossimi passi da intraprendere.

Tra gli intervistati figurano Bite-Back, Blue Marine Foundation, Born Free Foundation, Shark Guardian, Sharkproject International, Shark Trust, WildAid e Wildlife Conservation Society, senza alcuna opposizione espressa a controlli più severi sul commercio.

“Lo spinnamento degli squali è indescrivibilmente crudele e provoca la morte di migliaia di squali in modo terribile”, ha affermato il Ministro dell’Oceano Internazionale Lord Goldsmith. “È anche imperdonabilmente uno spreco. La pratica è giustamente vietata nelle acque del Regno Unito, ma il commercio continua, con gravi implicazioni per il futuro di queste magnifiche creature.

“La nostra azione non solo aiuterà ad aumentare il numero degli squali, ma invierà un chiaro messaggio che non supportiamo un’industria che sta costringendo molte specie sull’orlo dell’estinzione”.

“È incoraggiante vedere il Regno Unito affrontare la questione pinna il commercio come elemento di pesca eccessiva – la principale minaccia per squali e razze”, ha commentato Ali Hood, direttore della conservazione dello Shark Trust.

“E stiamo notando che il Regno Unito sta intensificando il suo impegno nelle questioni nazionali e internazionali relative alla conservazione degli squali, attualmente sostenendo il parere basato sulla scienza per un divieto del mako nella pesca d’altura del Nord Atlantico”.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x