Le tartarughe cadono nella “trappola olfattiva”

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Le tartarughe cadono nella “trappola olfattiva”

Vance Miller.

Tartaruga caretta. (Foto: Vance Miller)

The belief that turtles mistake discarded plastic borse for the jellyfish they eat simply because of visual resemblance has been overturned by new US research indicating that odour also leads to the often-deadly confusion.

"Quando la plastica va alla deriva nel mare, sviluppa sulla sua superficie una comunità di batteri, alghe e piccoli animali che emana odori che sembrano piacere alle tartarughe", ha affermato il coautore Joseph Pfaller dell'Archie Carr Center for Sea Turtle dell'Università della Florida. Ricerca.

Ha detto che questo biofouling “potrebbe attirare le tartarughe marine in una “trappola olfattiva” – a volte fatalmente”.

The research was prompted by the discovery by co-author Matthew Savoca of Stanford University’s Hopkins Marine Station that airborne smells used by marine predators to locate food could originate from biofouled plastic debris.

Airborne odours were fanned through a pipe into a tank containing one of 15 young loggerhead turtles that had been reared in captivity, and their responses were recorded on video. Gli odori includevano quelli della dieta delle tartarughe composta da farina di pesce e gamberetti, plastica biocontaminata e, come controlli, acqua deionizzata e plastica non contaminata.

Gli scienziati sono rimasti sorpresi nello scoprire che le tartarughe rispondevano all’odore della plastica incrostata nello stesso modo in cui rispondevano a quello del cibo, mantenendo le narici o le aperture nasali fuori dall’acqua più di tre volte più a lungo rispetto a quanto facevano con gli odori di controllo. .

15 marzo 2020

"Ci aspettavamo che rispondessero ad entrambi in misura maggiore rispetto ai trattamenti di controllo, ma le tartarughe conoscono l'odore del loro cibo, poiché lo hanno annusato e mangiato in cattività per cinque mesi", ha detto Pfaller. "Mi aspettavo che le loro risposte al cibo fossero più forti."

Sono necessari ulteriori studi per determinare le sostanze chimiche chiave che causano la risposta.

“Il problema della plastica è in aumento e i nostri risultati suggeriscono che è anche più complesso di quanto si pensasse in precedenza”, ha affermato Pfaller.

Lo studio è pubblicato sulla rivista Current Biology.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x