L'organizzatore della spedizione del Titanic risponde

L'arco di Itanic nel 2019. (Foto: Atlantic Productions)
L'arco di Itanic nel 2019. (Foto: Atlantic Productions)

La “collisione” tra un sommergibile di una spedizione scientifica e il relitto della Titanic L'anno scorso probabilmente la nave non ha toccato altro che un rustico, dice EYOS Expeditions, la compagnia britannica che ha gestito le immersioni. 

Nega inoltre che vi sia stato alcun ritardo da parte sua nel denunciare l'incidente e afferma che un rappresentante del salvatore RMS Titanic, che secondo quanto riferito aveva affermato un insabbiamento, era presente sulla scena ed è stato informato al momento.

La notizia di ieri su Divernet riguardava le notizie della stampa sulla reazione all'incidente e il titolo: "Sottomarino colpito dal Titanic: un grosso problema?”, ha espresso scetticismo sul fatto che l'indignazione espressa da RMST fosse stata esagerata. Il salvatore sta attualmente affrontando l'opposizione ai suoi piani per aprire il Titanicper estrarre il suo set wireless Marconi.

EYOS Expeditions, lavorando per conto di Caladan Oceanic, ha assunto e schierato un sommergibile Triton 36000/2 da due posti per immergersi sul Titanic per otto giorni lo scorso agosto.

Il suo compito era valutare il tasso di deterioramento utilizzando dispositivi di campionamento scientifico, raccogliendo dispositivi posizionati sul relitto 14 anni prima e filmando il relitto. Il filmato ad alta definizione risultante apparirà in un documentario del National Geographic a marzo.

"Al termine di una delle cinque immersioni è stato notato un piccolo segno rosso su un lato del sommergibile, suggerendo che fosse entrato in contatto con il relitto", ha dichiarato ieri la spedizione EYOS. “Non ci sono stati danni o graffi alla struttura o alla verniciatura del guscio in fibra di vetro del sommergibile e in quel momento non è stato avvertito alcun impatto.

Leggi anche: Tour del relitto 161 Speciale: Il Titanic

“Ciò indica che il contatto è stato molto lieve, molto probabilmente ha sfiorato un “rusticolo” piuttosto che il relitto stesso. Il contatto probabilmente è avvenuto mentre il sommergibile stava raccogliendo campioni di rustici per il programma scientifico. Il contatto non è stato un “incidente”, come è stato riportato erroneamente”.

I fragili rustici sono strutture di scaglie di ruggine simili a stalattiti prodotte dai microbi che mangiano il metallo del relitto e si trasformano in polvere quando vengono toccati.

"Questo potenziale contatto è stato immediatamente segnalato agli osservatori della NOAA [l'agenzia governativa statunitense National Oceanic & Atmospheric Administration] e dell'RMST che erano presenti a bordo della nave per tutta la durata della spedizione", ha affermato EYOS Expeditions.

La società ha affermato che un rapporto completo è stato inviato alla NOAA in seguito alla spedizione, una delle condizioni per poter immergersi nel relitto. "Non è stato, come è stato riportato erroneamente, trattenuto o ritardato", ha affermato.

EYOS Expeditions ha completato più di 1200 spedizioni nelle destinazioni più remote e inaccessibili del mondo.

“Ho fatto parte di sette spedizioni nell'RMS Titanic dal 2005 ed è triste vedere l’inevitabile deterioramento naturale del relitto”, ha affermato il leader della spedizione Rob McCallum, considerato uno dei maggiori esperti mondiali di operazioni sommergibili. "Trattiamo sempre il sito con il massimo rispetto, organizzando una piccola cerimonia quando arriviamo per depositare una corona in memoria di coloro che si sono persi in mare e adottando una rigorosa politica del tipo "guarda, non toccare".

“Sono allarmato dai piani dell’RMST, che chiede il permesso di aprire una breccia nello scafo per rimuovere ulteriori oggetti a scopo di lucro commerciale. Hanno già rimosso migliaia di oggetti dal campo di detriti attorno al relitto e ora stanno cercando di entrare nel relitto stesso per prenderne altri.

“Sono lieto che le autorità si stiano muovendo per proteggere Titanic da ulteriori danni invasivi”, ha affermato McCallum, riferendosi alle recenti notizie secondo cui Regno Unito e Stati Uniti annunciano nuovi livelli di protezione per i Titanic, come riportato su Divernet.

“Il relitto è il luogo della tragica perdita di vite umane e, sebbene eserciti un fascino per le persone di tutto il mondo, coloro che hanno perso la vita dovrebbero essere rispettati e il relitto lasciato indisturbato”.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x