È ora di considerare i sentimenti del polpo

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

È tempo di considerare polipo sentimenti

Polpo

Immagine: Steve Weinman.

Gli invertebrati come i cefalopodi – polpi, calamari e seppie – non sono solo i preferiti dei subacquei quando li incontrano sott’acqua, ma sono ampiamente utilizzati nella ricerca scientifica. Ciò si basa sulla convinzione che essi non siano in grado di provare dolore, angoscia o altri stati negativi, come fanno gli animali vertebrati.

The Crook Lab, run by neurobiologist Robyn Crook at California’s San Francisco State University, has been working to challenge what the scientists believe is a historic misconception – and now claims to have achieved its objective.

Il problema era dimostrare che le risposte comportamentali al dolore o al disagio erano riflessi emotivi piuttosto che fisici istintivi. Ora un esperimento ha rivelato che un polipo reagisce allo stimolo doloroso esattamente come farebbe un roditore da laboratorio, anche se il suo complesso sistema nervoso è completamente diverso.

Dopo un singolo formazione session in a three-chambered box, octopuses given a painful injection of acetic acid in one arm showed clear avoidance of the chamber in which they were given the shot. Others injected with harmless saline showed no preference.

Quando ai polpi che avevano ricevuto l'iniezione dolorosa è stata somministrata immediatamente un'iniezione antidolorifica, hanno mostrato una preferenza per la camera in cui era stato somministrato l'analgesico. Quelli trattati solo con soluzione salina ancora una volta non hanno mostrato preferenze.

Ogni polipo iniettato con l'acido ha reagito rimuovendo con il becco una piccola area di pelle nel sito di iniezione.

The findings matched those with vertebrates. The acid injection had produced a centralised response in each octopus, and the scientific team described this as “the first conclusive evidence for this capacity in any invertebrate”.

La loro speranza è che la scoperta porti a un trattamento più umano dei cefalopodi “in qualunque contesto incontrino gli esseri umani – nei laboratori di ricerca ma anche negli zoo, negli acquari e nella pesca”.

17 marzo 2021

“Il nostro obiettivo con questo studio era quello di portare la questione del dolore degli invertebrati oltre ogni ragionevole dubbio, in modo che gli sforzi per regolamentare meglio il loro uso umano possano procedere con una solida base probatoria che, fino ad ora, è mancata”.

Lo studio del Crook Lab è pubblicato su iScience.

maggiore

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x