La squadra trova l'arco mancante del sottomarino

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

La squadra trova l'arco mancante del sottomarino

Grunion X

Immagine: Progetto Lost 52

La sezione di prua di un sottomarino della flotta statunitense del Pacifico, scomparsa durante la sua pattuglia inaugurale durante la seconda guerra mondiale, è stata ritrovata al largo delle Isole Aleutine in Alaska.

La parte principale del relitto della USS Grunion era stato ritrovato nel 2007, durante una spedizione organizzata dai tre figli del comandante del sottomarino, il tenente comandante Mannert L Abele. Giaceva a una profondità di 975 m, è stato ritrovato grazie alla scansione sonar e studiato utilizzando un ROV.

The latest discovery was made by the New York-based Lost 52 Project, which is dedicated to finding lost WW2 submarines.

Una squadra guidata da Tim Taylor è tornata in Grunion sito del relitto lo scorso ottobre e ha scoperto che mentre era scivolato lungo un ripido pendio vulcanico, la prua spezzata era rimasta a una profondità di 827 metri, a circa 400 metri di distanza.

Il team è ora in grado di assemblare un modello fotogrammetrico 3D avanzato dell'arco, che può essere visto insieme al resto del sottomarino qui. Si dice che le acque fredde e relativamente calme abbiano mantenuto entrambe le parti del relitto in buono stato di conservazione.

20 agosto 2019

Grunion entrò in servizio nella Marina degli Stati Uniti nell'aprile del 1942 e aveva già rivendicato l'affondamento di due navi da guerra giapponesi durante la sua prima pattuglia di combattimento.

Il 30 luglio, dopo aver segnalato un'intensa attività antisommergibile, gli fu ordinato di tornare alla base a Dutch Harbour.

I suoi rapporti finali riguardavano il fuoco su una nave nemica, che ora si ritiene fosse la nave mercantile Kano Maru. Si ritiene che la perdita di Grunion could have been the result of multiple torpedo failures.

Il progetto Lost 52 spera che la scoperta della prua possa aiutare a risolvere il mistero di ciò che è accaduto al sottomarino e ai suoi 70 membri dell'equipaggio. Descrivendo la rappresentazione 3D "fly-through" del relitto, Bruce Abele, uno dei tre figli del comandante del sottomarino, ha affermato che "ha avuto un profondo impatto su di me, esattamente come previsto dal progetto Lost 52".

“Vedere l’intero relitto in contrasto con solo una parte crea un’esperienza reale di ciò che è accaduto. Quando si vede solo una parte del relitto, il livello di certezza diminuisce”.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x