Strano squalo e un cimitero epocale

Helen O'Neill del CSIRO con lo squalo corno striato non descritto (CSIRO / Frederique Olivier)
Helen O'Neill del CSIRO con lo squalo corno striato non descritto (CSIRO / Frederique Olivier)

Durante gli ultimi viaggi della nave da ricerca sono stati scoperti uno squalo corno precedentemente sconosciuto con un gusto per le profondità e un misterioso "cimitero degli squali" nelle profondità marine che copre molti milioni di anni. Investigatore, gestito dal CSIRO australiano (Commonwealth Scientific & Industrial Research Organization). 

Leggi anche: Meg 2: La verità sul mega squalo estinto

Il cimitero contiene anche i denti fossilizzati dell’antico antenato dello squalo megalodonte, affermano gli scienziati del CSIRO, che hanno condotto indagini sulla biodiversità per Parks Australia in due dei più nuovi parchi marini dell’Oceano Indiano del paese. 

La prima indagine, in cui sono venuti alla luce i denti dello squalo, è stata effettuata nelle remote Isole Cocos Keeling, mentre la seconda, che continuerà nel Gascoyne Marine Park al largo dell'Australia occidentale fino a metà dicembre, ha rivelato lo squalo nuovo per la scienza.

"All'inizio del viaggio abbiamo raccolto un sorprendente piccolo squalo corno a strisce", ha detto l'esperto di squali CSIRO, il dottor Will White. “Questa specie è unica in Australia, ma non è stata ancora descritta e nominata. Il campione che abbiamo raccolto sarà incredibilmente importante per la scienza, perché lo useremo per descrivere la specie”.

Gli squali corno come lo squalo di Port Jackson sono familiari ai subacquei perché tendono a muoversi lentamente e trascorrono le giornate mimetizzati tra rocce e alghe su fondali poco profondi, emergendo per nutrirsi di notte. Al contrario, la nuova specie preferisce vivere a più di 150 metri di profondità.

“È stato stimato che circa un terzo delle specie raccolte durante i recenti viaggi di indagine sulla biodiversità su camper Investigatore potrebbe essere una novità per la scienza”, ha affermato il dottor John Keesing, il capo scienziato della spedizione. “Questi viaggi ci danno l’opportunità di saperne di più sugli ecosistemi marini, nonché sulla gamma, l’abbondanza e il comportamento delle specie”.

Megalodon’s ancestor

Alcuni dei 750 denti di squalo provenienti da tutti i tempi (Musei Victoria)
Alcuni dei 750 denti di squalo risalenti a tutti i tempi (Musei Victoria / Yi-Kai Tea)

A Cocos Keeling, gli scienziati guidati dal Museums Victoria Research Institute hanno fatto la loro sorprendente scoperta ad una profondità di 5.4 km durante l'indagine finale con reti a strascico. Hanno recuperato più di 750 denti di squalo fossilizzati – l’unica parte di uno squalo che sopravvive nel tempo – che si erano accumulati in un unico sito in un vasto arco di tempo.

Dente di un antenato megalodonte (Musei Victoria / Ben Healley)
Dente di un antenato megalodonte (Musei Victoria / Ben Healley)

"I denti sembrano provenire da squali moderni, come gli squali mako e bianchi, ma anche da squali antichi, incluso l'immediato antenato del gigantesco squalo megalodonte", ha affermato il dottor Glenn Moore, curatore dei pesci del Western Australian Museum.

"Questo squalo si è evoluto nel megalodonte, che era il più grande di tutti gli squali ma si estinse circa 3.5 milioni di anni fa." L'antenato del gigante raggiunse una lunghezza di oltre 12 metri, ma il megalodonte poteva misurare fino a 16 metri.

Il dottor Moore ha detto che è sorprendente che un numero così elevato di denti sia stato raccolto da un’area relativamente piccola sul fondo del mare – e come siano arrivati ​​tutti insieme rimane poco chiaro.

Investigatore (CSIRO / Tauri Minogue)
Investigatore (CSIRO / Tauri Minogue)

“It shows there is more to learn about our 60 Australian Marine Parks, especially those in deep and difficult-to-access environments,” commented Parks Australia head of division Jason Mundy, adding that the information gathered through partnerships with research organisations and universities would prove helpful in managing remote parks.

Anche su Divernet: A sud di Sydney, Il vero Meg: 16 metri di potenza, Gli squali normali, Anca e pezzi

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x