La famiglia Stewart intenta cause per omicidio colposo

Notizie sulle immersioni

La famiglia del regista di Sharkwater Rob Stewart, morto durante un'immersione in un relitto profondo nelle Florida Keys alla fine di gennaio, ha intentato una causa per omicidio colposo contro due società di immersioni e il suo compagno durante la fatidica immersione.

"La famiglia Stewart spera che l'azione legale spingerà fuori e/o cambierà il modo in cui tutte le attività subacquee operano in modo irresponsabile e aiuterà a mantenere l'attenzione sulla missione di Stewart di conservazione degli oceani", ha affermato lo studio legale Haggard.

Tra gli imputati citati c'è Peter Sotis, il rebreather istruttore amico di Stewart all'epoca, e la società di proprietà di Sotis, Add Helium, che insegnò a Stewart a immergersi con un rebreather. La scuola di immersione di Fort Lauderdale era "responsabile dell'immersione e vendeva l'attrezzatura rebreather utilizzata dai subacquei", ha affermato lo studio legale della Florida.

Sono in corso azioni contro la Horizon Dive Adventures, che ha fornito la barca per immersioni Pisces e l'equipaggio utilizzata durante la giornata, e contro la moglie di Sotis, Claudia, comproprietaria di Add Helium.

La morte di Stewart è stata segnalata su Divernet all'indirizzo I subacquei trovano il corpo del regista di Sharkwater. Dopo la terza immersione in giornata del 37enne canadese e di Sotis sul relitto profondo 70 metri Regina di Nassau al largo di Islamadora, presumibilmente impegnati a recuperare un'ancora, la coppia emerse. Si diceva che Sotis fosse in difficoltà e mentre l'equipaggio lo portava a bordo, Stewart scomparve alla vista. Il suo corpo fu ritrovato nelle vicinanze del relitto tre giorni dopo, a seguito di un'ampia ricerca.

"Quando impari di più su questi imputati […] ti rendi conto che si trattava di una tragedia prevenibile che stava per accadere a qualcuno", ha detto Michael Haggard.

La sua azienda ha dichiarato che Sotis aveva precedenti penali (è stato incarcerato per tre anni dopo essere stato riconosciuto colpevole di aver preso parte ad una rapina di gioielli nel 1991, secondo il Miami Herald), era sotto inchiesta per l'utilizzo di cilindri ad aria cinesi non approvati ed era stato “accusato di aver venduto attrezzatura subacquea di tipo militare a un militante libico”.

Quest'ultima affermazione si riferisce ad una causa intentata per conto di Shawn Robotka, ex socio in affari di Sotis in una società chiamata Kaizen Solutions, e riportata anche dal Miami Herald. L'accusa sostiene che lo scorso agosto Sotis ha venduto rebreather e attrezzature per la propulsione subacquea a un cliente libico in violazione della legge federale, rendendo Robotka perseguibile penalmente. Sotis ha lanciato una controquerela contro Robotka, affermando di aver svuotato i conti bancari della società poco prima di intentare una causa lo scorso dicembre.

La famiglia Stewart ha dichiarato che spera ancora di completare "Sharkwater: Extinction", il film documentario a cui Stewart stava lavorando quando è morto.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x