Le seppie speccy visitano il cinema 3D

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Gli scienziati desiderosi di scoprire come le seppie siano in grado di vedere in 3D hanno dotato loro di occhiali stereoscopici rossi e blu e hanno scoperto che, sebbene i loro occhi possano essere molto diversi da quelli umani, il loro modo di vedere non è così diverso.

Leggi anche: Cacciatori di ombre: perché i pesci trombetta fanno l'autostop

Il gruppo di ricerca guidato dall’Università del Minnesota ha costruito un “cinema subacqueo” presso il Marine Biological Laboratory di Woods Hole, Massachusetts, per indagare su come i cefalopodi determinano la distanza corretta da cui colpire le prede in movimento. Le seppie usano i loro tentacoli per catturare la preda e, se sono posizionate troppo vicine, potrebbero essere allertate e scappare. Troppo lontano e i tentacoli non riusciranno a raggiungere.

La seppia comune (Seppia officinalis) were trained to wear 3D glasses and strike at images of two different-coloured walking shrimp displayed on a computer schermo.

By offsetting the images, the researchers were able to determine that the cuttlefish were using stereopsis, a technique also used by humans, to compare images between their left and right eyes and compute the distance to their prey.

A seconda dell'offset, la seppia percepirebbe che i gamberetti si trovano davanti o dietro lo schermo, e quindi colpirebbero troppo vicino o troppo lontano dallo schermo.

"Quando solo un occhio poteva vedere i gamberetti, il che significa che la stereopsi non era possibile, gli animali impiegavano più tempo per posizionarsi correttamente", ha detto Trevor Wardill, assistente professore al College of Biological Sciences dell'università. “Quando entrambi gli occhi potevano vedere i gamberetti, il che significa che utilizzavano la stereopsi, ciò consentiva alle seppie di prendere decisioni più rapide quando attaccavano. Questo può fare la differenza nel prendere un pasto.

"Mentre le seppie hanno occhi simili a quelli umani, i loro cervelli sono significativamente diversi", ha detto l'assistente professore Paloma Gonzalez-Bellido. “Sappiamo che il cervello delle seppie non è segmentato come quello degli esseri umani. Non sembrano avere una sola parte del cervello – come il nostro lobo occipitale – dedicata all’elaborazione della visione”.

Ha detto che la ricerca ha indicato che il cervello della seppia deve contenere un'area che calcola le differenze tra le immagini provenienti dall'occhio sinistro e da quello destro.

A differenza dei calamari e dei polpi, le seppie possono anche ruotare gli occhi in una posizione rivolta in avanti e, si ritiene, potrebbero essere gli unici cefalopodi in grado di utilizzare la stereopsi. Gli unici altri invertebrati noti per utilizzare la tecnica sono le mantidi.

"Questo studio ci porta un ulteriore passo avanti verso la comprensione di come diversi sistemi nervosi si sono evoluti per affrontare lo stesso problema", ha affermato Rachael Feord dell'Università di Cambridge, prima autrice dello studio. che è stato appena pubblicato su Science Advances.

“Il prossimo passo è analizzare i circuiti cerebrali necessari per il calcolo della stereopsi nelle seppie, con l’obiettivo di capire come questo potrebbe essere diverso da ciò che accade nel nostro cervello”.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x