Il rischio di estinzione di squali e razze aumenta vertiginosamente

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Il rischio di estinzione di squali e razze aumenta vertiginosamente

raggio

Un’importante rivalutazione della Lista Rossa IUCN delle specie minacciate ha rivelato che per la prima volta più di un terzo di tutti gli squali, razze e chimere sono a rischio di estinzione a causa della pesca eccessiva.

Un team di 322 esperti internazionali ha lavorato negli ultimi otto anni per valutare 1199 specie. Ne hanno classificati 391 (il doppio rispetto alla valutazione precedente) come in pericolo critico (90 specie), in pericolo (121) o vulnerabili (180).

Le razze sono risultate quelle più a rischio, con il 41% di 611 specie minacciate, seguite da circa il 36% di 536 specie di squali e dal 9% di 52 chimere. Le quattro famiglie più a rischio sono i pesci sega, i pesci chitarra giganti, le razze del diavolo e le aquile di mare pelagiche, con il 100% delle specie elencate come minacciate.

"Il nostro studio rivela una realtà sempre più cupa, con queste specie che ora costituiscono una delle linee di vertebrati più minacciate, seconda solo agli anfibi per quanto riguarda i rischi che corrono", ha affermato il dottor Nicholas Dulvy della Simon Fraser University.

“Il diffuso esaurimento di questi pesci, in particolare di squali e razze, mette a repentaglio la salute di interi ecosistemi oceanici e la sicurezza alimentare di molte nazioni in tutto il mondo”.

Squali e razze, che tendono a crescere lentamente e a produrre pochi piccoli, sono esposti a livelli di minaccia sproporzionatamente elevati nelle acque costiere tropicali e subtropicali, dove oltre il 75% delle specie è minacciato.

Tre specie sono ora considerate forse estinte: la pastinaca di Giava e la torpedine del Mar Rosso, non segnalate da più di un secolo, e lo squalo perduto del Mar Cinese Meridionale, dal nome appropriato, invisibile da 87 anni.

“I tropici ospitano un’incredibile diversità di squali e razze, ma troppe di queste specie intrinsecamente vulnerabili sono state pesantemente sfruttate per più di un secolo da un’ampia gamma di attività di pesca che rimangono mal gestite, nonostante gli innumerevoli impegni per migliorare”, ha affermato il dott. Colin Simpfendorfer di Università James Cook.

“Di conseguenza, temiamo che presto confermeremo che una o più di queste specie sono state portate all’estinzione a causa della pesca eccessiva, una prima cosa profondamente preoccupante per i pesci marini”.

14 settembre 2021

“Il campanello d’allarme non potrebbe suonare più forte per gli squali e le razze”, ha commentato il dottor Andy Cornish, leader del programma globale di conservazione degli squali e delle razze del WWF. “Siamo sul punto di iniziare a perdere questo antico gruppo di creature, specie per specie, proprio qui, proprio ora.

“A partire da ora, abbiamo bisogno di un’azione molto maggiore da parte dei governi per limitare la pesca e riportare questi animali funzionalmente importanti fuori dal baratro. A livello nazionale, le autorità ambientali e della pesca devono lavorare insieme per fermare la pesca eccessiva e arrestare ulteriori diminuzioni. Questo è un momento cruciale nel tempo”.

Il Global Shark Trends Project è una collaborazione tra lo Shark Specialist Group dell'IUCN, la Simon Fraser University, la James Cook University e il Georgia Aquarium, supportato dallo Shark Conservation Fund.

Il suo rapporto ad accesso libero è pubblicato su Current Biology.

maggiore

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x