Squalo uccide istruttore subacqueo durante una nuotata

sommozzatore
Simon Nellist (Facebook)

Un subacqueo britannico è stato ucciso nel primo attacco di squalo registrato a Sydney, in Australia, dopo quasi 60 anni.

Simon Nellist, 35 anni, un espatriato con sede in città, all'epoca non praticava immersioni ma nuotava regolarmente in superficie in una località costiera mentre si allenava per un evento di beneficenza. Istruttore qualificato, si ritiene che fosse collegato allo Scubathlon club di Sydney.

L'incidente mortale è avvenuto vicino alle rocce ma a circa 150 metri da una spiaggia a Little Bay, nel sud-est della città, intorno alle 4.30:16 di ieri (XNUMX febbraio).

Nellist è stato attaccato da quello che gli esperti sospettano dalle dichiarazioni dei testimoni essere un grande squalo bianco, lungo almeno 3 metri. Si dice che abbia lanciato un attacco verticale, provocando ferite catastrofiche.

I resti del nuotatore e parti della sua muta sono stati recuperati dall'acqua circa due ore dopo l'attacco, mentre i servizi di emergenza hanno condotto una ricerca dello squalo utilizzando droni, un elicottero e moto d'acqua.

sommozzatore
Spiaggia della Baia Piccola (TotyVox)

Le spiagge a est e a sud di Sydney sono rimaste chiuse fino a venerdì. Le acque della città sono state a lungo sorvegliate da una rete di reti antisqualo, e dopo l’attacco sono state utilizzate delle esche per catturare lo squalo che era sfuggito al cordone.

Nellist non credeva in tali precauzioni – lo scorso agosto aveva postato sulla sua pagina Facebook: “Le reti e i tamburi per gli squali non proteggono nessuno e ogni anno uccidono tutti i tipi di vita marina. Devono andarsene affinché queste cose non accadano. "

Ogni anno in Australia vengono registrati circa 20 attacchi di squali, principalmente nel Nuovo Galles del Sud e nell’Australia occidentale. Due di questi sono stati fatali l’anno scorso e sette nel 2020. 

Sebbene sia attualmente l'inverno australiano, le temperature del mare sono insolitamente alte fino a 26°C, attirando pesci esca che potrebbero aver incoraggiato uno squalo ad avvicinarsi alla costa più del solito. Poiché si ritiene che la maggior parte degli attacchi contro gli esseri umani siano casi di scambio di identità, uno scenario probabile sarebbe che il colpevole abbia scambiato Nellist per una foca vulnerabile in superficie.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x