Le foche possono cantare come gli umani

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Le foche possono cantare come gli umani

Sigillo che canta

Immagine: Università di St Andrews.

Secondo un nuovo studio scientifico condotto in Scozia, le foche grigie hanno la capacità di copiare le canzoni e i discorsi umani, utilizzando gli stessi meccanismi fisici delle persone per produrre i suoni. I ricercatori ritengono che i risultati potrebbero rivelarsi utili nello studio dei disturbi del linguaggio.

La dott.ssa Amanda Stansbury e il prof. Vincent Janik dello Scottish Oceans Institute (SOI) dell'Università di St Andrews hanno monitorato tre giovani foche grigie (Halicoerus grypus) dalla nascita per determinare il loro repertorio naturale di vocalizzazioni.

Hanno quindi addestrato i sigilli a copiare nuovi suoni come note musicali e vocali umane modificando le concentrazioni di energia acustica note come "formanti".

I ricercatori hanno scoperto che una foca chiamata Zola era così brava nel riprodurre melodie da poter copiare sequenze fino a 10 note di canzoni come Twinkle Twinkle Little Star. Gli altri sigilli erano in grado di copiare accuratamente combinazioni di suoni vocalici umani.

Tale capacità è rara negli animali. Altri tentativi di insegnare a mammiferi come le scimmie a produrre i suoni del linguaggio umano si sono rivelati in gran parte infruttuosi, hanno detto i ricercatori, ma le foche sono state descritte come “studenti vocali versatili”.

17 luglio 2019

"Sono rimasto stupito dal modo in cui i sigilli hanno copiato bene i suoni del modello che abbiamo riprodotto loro", ha affermato il dottor Stansbury. “Le copie non erano perfette ma, dato che non si tratta dei tipici suoni dei sigilli, è piuttosto impressionante. Il nostro studio dimostra davvero quanto siano flessibili le vocalizzazioni delle foche. Studi precedenti hanno fornito solo prove aneddotiche per questo.

“Questo studio ci offre una migliore comprensione dell’evoluzione dell’apprendimento vocale, un’abilità cruciale per lo sviluppo del linguaggio umano”, ha affermato il prof. Janik. “Sorprendentemente, i primati non umani hanno capacità molto limitate in questo campo.

“La scoperta di altri mammiferi che usano il tratto vocale nello stesso modo in cui noi modifichiamo i suoni ci informa su come le abilità vocali siano influenzate dalla genetica e dall’apprendimento e, in definitiva, può aiutare a sviluppare nuovi metodi per studiare i disturbi del linguaggio”.

Lo studio è pubblicato su Current Biology e un video delle foche che cantano può essere visto qui.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x