Centro sub multato per avvelenamento da CO di scolari

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Il centro immersioni Aqualogistics del Cheshire è stato multato ma il suo direttore ha evitato una pena detentiva, dopo che una violazione della salute e della sicurezza ha portato all'avvelenamento da monossido di carbonio di scolari durante una lezione di immersioni subacquee alla Manchester Grammar School.

Leggi anche: L'azienda è stata multata di 380 sterline per aver messo in pericolo i subacquei

L'incidente è avvenuto il 26 giugno 2017 e fu riportato all'epoca su Divernet.

Entrambe le immersioni di acqualogistica Training Il Centro di Stockport e il suo direttore Geoffrey Shearn di Frodsham si sono dichiarati colpevoli di aver violato la legge sulla salute e sicurezza sul lavoro, durante un'udienza presso la Wigan & Leigh Magistrates Court la scorsa settimana.

Il centro immersioni è stato multato di 9300 sterline con spese di 11,000 sterline, mentre a Shearn è stato ordinato di svolgere 100 ore di lavoro non retribuito in base a un'ordinanza comunitaria di 12 mesi e di pagare più di 5000 sterline di spese, secondo un rapporto sul procedimento. nel Manchester Evening News.

Una scuola di immersioni chiamata VU Diving stava conducendo un corso di immersioni subacquee di una settimana guidato da un esperto istruttore come parte della settimana delle attività della scuola di Fallowfield. Agli alunni è stato fornito il kit per l'immersione e Aqualogistics ha fornito le loro bombole d'aria.

Dodici alunni stavano frequentando una lezione nella piscina della scuola, ma i ragazzi avevano iniziato a sentirsi male subito dopo essere entrati nella piscina, ha detto Mark Monaghan per l'accusa. Uno è stato trovato privo di sensi a faccia in giù nell'acqua ed è stato necessario tirarlo fuori istruttore. L'infermiera della scuola gli ha dato ossigeno fino all'arrivo dell'ambulanza.

Un altro ragazzo che si agitava è stato aiutato a uscire dall'acqua ma poi ha smesso di respirare. Questi due insieme ad altri sei ragazzi sono stati portati in ospedale per essere curati per avvelenamento da monossido di carbonio. Le ferite di uno di loro, descritte come “pericolose per la vita”, hanno richiesto che fosse messo in coma indotto.

Una vittima, che ora ha 19 anni, ha dichiarato che l'ultima cosa che ricordava era l'incapacità di respirare o vedere. Aveva continuato a soffrire di mal di testa da quando l'incidente ebbe luogo quattro anni fa.

È stato riscontrato che otto delle bombole successivamente testate contenevano elevati livelli di CO. Gli investigatori dell'Health & Safety Executive (HSE) hanno riscontrato livelli elevati di CO anche nel compressore utilizzato per riempire i serbatoi durante l'ispezione del centro di Aqualogistics.

Si diceva che la contaminazione fosse seguita a un incendio verificatosi nel sistema di filtraggio, con un sensore di interruzione che non funzionava.

Shearn aveva modificato il compressore due anni prima nel tentativo di superare i problemi di umidità, anche se in quel periodo ciò non aveva causato problemi in termini di mitigazione, ha detto Andrew McGhee per la difesa. La causa dell'incendio, ha spiegato, è sconosciuta, ma l'evento non era prevedibile e "non si è corso alcun rischio, né si è corso in modo sconsiderato".

Descrivendo Aqualogistics come una “azienda estremamente coscienziosa” che ha fornito il settore delle immersioni subacquee per più di due decenni senza problemi, ha affermato che non vi sono prove di negligenza di alcuno “evidente” standard del settore. Shearn era un “onesto professionista” che aveva espresso “genuino e profondo rimorso”.

Il giudice Mark Hadfield ha affermato che, sebbene l'incidente fosse della "massima gravità", si è trattato di un incidente isolato, di causa sconosciuta.

"I fornitori di aria respirabile alla comunità subacquea e al pubblico dovrebbero assicurarsi di utilizzare attrezzature correttamente installate e manutenute, accompagnate da test regolari dell'aria fornita", ha detto al giornale l'ispettore specializzato HSE Richard Martins dopo l'udienza.

“Un’ulteriore tragedia è stata evitata per un pelo grazie alla rapida risposta del personale scolastico, degli istruttori subacquei e dei servizi di emergenza di Manchester”.

******  IL SUBACQUEO scomparso al largo delle Isole Scilly il 28 luglio, come riportato ieri su Divernet, è stato identificato come Rob Dalby. Deve ancora essere trovato, ma la guardia costiera di Falmouth ha descritto la continua ricerca come un'operazione di recupero piuttosto che di salvataggio.

Dalby, 55 anni, un subacqueo con 25 anni di esperienza e circa 1500 immersioni registrate, apparteneva alla sezione immersioni dei vigili del fuoco del West Yorkshire del British Sub Aqua Club e al Cave Diving Group. Ha lavorato come responsabile operativo degli spazi verdi per il Kirklees Council.

Si ritiene che abbia avuto un malfunzionamento dell'attrezzatura durante l'immersione e che abbia perso conoscenza sul fondo del mare a 38 metri.

Le avverse condizioni del mare hanno impedito la ricerca subacquea della zona da parte dei sommozzatori della polizia. Sull’accaduto sta indagando la polizia per il rapporto del medico legale.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x