I sommozzatori del lago russo fanno una scoperta unica

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

I sommozzatori del lago russo fanno una scoperta unica

X

Nella foto: Stanislav Trofimov.

I sommozzatori russi hanno identificato una nave a vapore di 160 anni chiamata " Walamon Luastari che affondò nel lago Ladoga in un raid aereo del 1940 - e hanno detto a Divernet che credono che la loro scoperta sia una delle più significative fatte in Russia negli ultimi tempi. 

Il Ladoga è il lago d’acqua dolce più grande d’Europa e il secondo più grande della Russia dopo il Lago Baikal. Si trova nella Carelia, nel nord-ovest, al confine con la Finlandia.

Con scarsa visibilità e acqua molto fredda, il lago rappresenta una sfida per i subacquei e, sebbene si creda che contenga molti relitti e resti di attrezzature militari, non è stato ampiamente esplorato.

I membri del club subacqueo Divo, provenienti da più a sud nelle aree di Oryol e Voronezh, hanno visitato per la prima volta il lago alla ricerca di relitti nel 2017. Si sono imbattuti nei resti durante un'indagine con sonar a scansione laterale e sono tornati l'anno scorso nel tentativo di immergersi e identificare il relitto.

30m Walamon Luastari iniziò la sua vita in Svezia nel 1860 come Gusraf af Klint e dal 1889 passò sotto la proprietà finlandese come Kjell.

Dopo 70 anni di servizio nel trasporto di passeggeri e merci nel Baltico e, secondo quanto riferito, mantenuta in condizioni eccellenti, nel 1931 iniziò a lavorare sulla rotta Valaam-Lahdenpohya sul Lago Ladoga con il suo nuovo nome Walamon Luastari, che significa “Monastero di Valaam”.

La barca divenne vittima di un conflitto bilaterale noto come Guerra d'Inverno, iniziato quando l'Unione Sovietica invase la Finlandia neutrale tre mesi dopo l'inizio della Seconda Guerra Mondiale. All'epoca parte del Ladoga apparteneva alla Finlandia, compresa l'isola di Valaam dove fu ritrovato il relitto, e tutte le navi lacustri, compresa la Walamon Luastari furono requisiti dalla Marina finlandese per formare una flottiglia da guerra.

Il 22 gennaio 1940 la nave, utilizzata come nave da trasporto disarmata, fu attaccata nella baia Nikonovsky da tre bombardieri sovietici. Una bomba colpì la poppa, dove scoppiò un incendio, seguita da altri tre colpi diretti.

L'equipaggio riuscì a fuggire con le scialuppe di salvataggio e nel giro di 75 minuti la nave affondò a una profondità di 12 metri. Fu l'unica perdita in combattimento tra la flottiglia durante i sei mesi di conflitto.

I sommozzatori del Divo Club inizialmente credevano di aver trovato il relitto di una nave chiamata the San Sergio, ma le loro immersioni hanno rivelato a Walamon Luastari targhetta sul relitto.

19 Gennaio 2020

"La partecipazione a questa spedizione è stata una rara opportunità per toccare la storia", ha detto il membro del club Stanislav Trofimov Divernet. “Per me, immergermi in condizioni difficili con scarsa visibilità e basse temperature è stata la prima volta. Intorno c'era una solida oscurità e all'inizio ero confuso, ma poi vidi alla luce della mia torcia il lato della nave.

“Ho visto corde di canapa e alberi ben conservati caduti leggermente di lato. Ho provato a investigare su ogni oblò per vedere cosa c'era dentro. I legni carbonizzati mi ricordavano l’incendio che si era verificato a bordo nel lontano 1940 – era come una capsula del tempo.

“Nulla sembrava essere cambiato in 80 anni, a parte l’accumulo di sedimenti”.

Scopri di più sulla spedizione a marzo problema del subacqueo.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x