Il robot fa luce sugli squali elefante

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Il robot fa luce sugli squali elefante

Basker

Immagine: NOAA

Un robot sottomarino è entrato in azione per la prima volta nel Regno Unito per osservare il comportamento enigmatico degli squali elefante nelle Ebridi Interne scozzesi. Da tempo si sospetta che la specie possa riprodursi lì, e la speranza è che la REMUS SharkCam possa catturare un simile evento su pellicola.

Ma l'intenzione principale è quella di utilizzare dati oceanografici e grandangolari ad alta definizione video filmati ottenuti dal veicolo sottomarino autonomo per contribuire a sostenere la creazione della prima area protetta al mondo per gli squali elefante.

La SharkCam con profondità nominale di 100 metri è stata sviluppata dalla Woods Hole Oceanographic Institution (WHOI) negli Stati Uniti, che sta finanziando il progetto con l'Università di Exeter, Scottish Natural Heritage (SNH) e WWF/Sky Ocean Rescue.

"Ogni volta che utilizziamo REMUS SharkCam, impariamo qualcosa di nuovo sulle specie che stiamo studiando", afferma Amy Kukulya, ingegnere di ricerca WHOI e ricercatrice principale di SharkCam. “Con questa tecnologia innovativa siamo in grado di rimuovere lo strato opaco dell’oceano e di immergerci in luoghi mai visti prima, rispondendo a domande sulle specie chiave e rivelandone di nuove”.

8 agosto 2019

Le prime riprese effettuate durante le prove sul campo al largo di Coll e Tiree a luglio mostravano squali elefante che si muovevano attraverso la colonna d'acqua, nutrendosi vicino alla superficie ma sorprendendo anche la squadra trascorrendo più tempo in profondità del previsto.

The scientists hope that by analysing the data and footage, combined with that already provided by camera tags and advanced sonar imaging, they will learn more about basking sharks’ underwater behaviour, social interactions and courtship.

SNH and the University of Exeter have been running a basking-shark tagging and research project since 2012. “This year’s collaboration has allowed us to use a combination of camera technologies and given us a glimpse of basking sharks’ underwater behaviour – a real first and very exciting,” said SNH Marine Policy & Advice Officer Dr Suzanne Henderson.

“Il filmato ci ha già fatto rivalutare il loro comportamento, con gli squali che sembrano trascorrere molto più tempo nuotando appena sopra il fondale marino di quanto pensassimo in precedenza. Fa capire davvero perché è così importante che la specie e il suo habitat siano protetti designando il Mare delle Ebridi come area marina protetta”.

Con poche altre parti del mondo in cui gli squali elefante si nutrono in gran numero ogni anno nelle acque superficiali, un'area protetta del Mare delle Ebridi è una delle quattro possibilità attualmente in fase di consultazione in Scozia.

Gli altri sono il nord-est di Lewis, Shiant East Bank e Southern Trench, con altre specie come le balenottere minori, il delfino di Risso e gli habitat dei fondali marini da proteggere.

La consultazione durerà fino al 30 agosto e le opinioni sono invitate qui.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x