Il robot va in pattuglia sulla barriera corallina

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Il robot va in pattuglia sulla barriera corallina

RangerBot

Immagine: QUT.

An underwater drone that can identify and kill coral-devastating crown-of-thorns (COT) starfish using a lethal injection is about to undergo final testing on Australia’s Great Barrier Reef prior to going into production.

RangerBot, che utilizza un sistema di visione hi-tec che gli consente di "vedere" sott'acqua, viene gestito tramite un tablet intelligente.

It has been developed by Queensland University of Technology (QUT) in collaboration with the Great Barrier Reef Foundation and Google – the concept won the Google Impact Challenge People’s Choice prize of Aus $750,000 in 2016, enabling QUT roboticists Professor Matthew Dunbabin and Dr Feras Dayoub to spend the next two years developing and refining the technology.

4 settembre 2018

Il loro prototipo originale “COTSbot” era legato, ma RangerBot funziona in modo autonomo e ha molteplici funzioni.

Prof Dunbabin described the 15kg, 75cm-long device as “the world’s first underwater robotic system designed specifically for coral-reef environments, using only robot-vision for real-time navigation, obstacle avoidance and complex science missions.”

“This multifunction ocean drone can monitor a wide range of issues facing coral reefs, including coral-bleaching, water-quality, pest species, pollution and siltation,” he said. “It can help to map expansive underwater areas at scales not previously possible, making it a valuable tool for reef research and management.

“RangerBot può rimanere sott’acqua quasi tre volte più a lungo di un subacqueo umano, raccogliere più dati e operare in tutte le condizioni e a ogni ora del giorno e della notte, anche dove potrebbe non essere sicuro per un subacqueo umano”.

Il professor Dunbabin ha affermato che il robot potrebbe distinguere i CoT (Acanthaster planci) from other starfish with a 99.4% accuracy rate, and that the lethal injection would not affect anything else on the reef.

RangerBot would also be inexpensive, he said, allowing production to be scaled up rapidly to meet demand from reef managers, researchers and communities worldwide.

L'Istituto australiano di scienze marine ha recentemente preso parte alle prove RangerBot sul GBR e sta studiando una nuova tecnologia per potenziare le sue capacità di raccolta dati e di osservazione subacquea.

“RangerBot has the potential to revolutionise the way we manage our oceans, and is an important tool to have at our disposal in the quest to save our coral reefs,” said Anna Marsden, MD of the Great Barrier Reef Foundation.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x