Resistente corazzata statunitense situata nel Pacifico

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Resistente corazzata statunitense situata nel Pacifico

Pistola AA in scala

Immagine: cannone antiaereo da 40 mm a doppia montatura.

Il relitto della “nave da guerra che non potevano affondare”, la USS Nevada, è stato localizzato a una profondità di 4.7 km, 65 miglia nautiche a sud-ovest di Pearl Harbor, nelle Hawaii.

La scoperta è stata fatta attraverso una collaborazione tra SEARCH, ritenuta la più grande azienda americana di archeologia subacquea e terrestre, e la società di robotica marina Ocean Infinity.

La nave dell’Oceano Infinity Costruttore del Pacifico è salpato all'inizio di quest'anno e dopo l'epidemia di coronavirus è rimasto in mare svolgendo una serie di compiti di ricerca. Trasporta due ROV e AUV rapidi (veicoli sottomarini autonomi) che possono operare fino a 6 km di profondità e trasportare sonar a scansione laterale, ecoscandaglio multiraggio, telecamera HD e sonar ad apertura sintetica. 

USS Nevada (BB-36), varata nel 1914 e affondata nel 1948, partecipò ad entrambe le guerre mondiali e fu una delle corazzate più longeve della Marina americana. Durante la Prima Guerra Mondiale fu scorta di convogli transatlantici e alla fine della guerra scortò la nave che trasportava il presidente degli Stati Uniti Woodrow Wilson per partecipare alla conferenza di pace di Parigi. 

Nella seconda guerra mondiale Nevada fu l'unica corazzata a prendere il via durante l'attacco giapponese a Pearl Harbor nel dicembre 1941, ma alla fine fu costretta ad arenarsi con la perdita di 60 membri dell'equipaggio e 109 feriti. 

salvato, Nevada tornò in azione e prese parte allo sbarco in Normandia tra le altre operazioni europee.

Poi salpò per il Pacifico, arrivando al largo di Iwo Jima nel febbraio 1945, e giocò un ruolo importante nell'invasione di Okinawa. È sopravvissuta ai danni causati sia da un aereo kamikaze che successivamente da un attacco di artiglieria.

Nel 1946 la dismessa Nevada was a target ship in the first Bikini atomic experiments – but survived. Two years later she was towed to Hawaii, where ships using her as a gunnery-practice target failed to sink her. It finally took an aerial torpedo to dispatch the hardy battleship.

“Nevada is an iconic ship that speaks to American resilience and stubbornness,” said the mission’s lead maritime archaeologist Dr James Delgado of SEARCH. “Rising from its watery grave after being sunk at Pearl Harbor, it survived torpedoes, bombs, shells and two atomic blasts.

12 Maggio 2020

“La realtà fisica della nave, adagiata nell'oscurità del grande museo del mare, ci ricorda non solo eventi passati, ma coloro che raccolsero la sfida di difendere gli Stati Uniti in due guerre globali. Questo è il motivo per cui esploriamo l’oceano: per cercare quelle potenti connessioni con il passato”.

Riferito a Nevada’s part in the Pearl Harbor attack, Retired Rear Admiral Samuel Cox, Director of the Naval History & Heritage Command, said that the ship and crew sustained as many as 10 bomb and one torpedo hit, but remained in the fight. 

“Grazie alla rapidità di pensiero dei nostri marinai, l’equipaggio ha incagliato la nave, impedendole di affondare. La nave fu riparata e tornò immediatamente a combattere, dimostrando la resilienza e la tenacia dei nostri marinai di allora come di oggi. Ha continuato a partecipare a numerose campagne, guadagnando un totale di sette stelle di battaglia per le sue azioni durante la Seconda Guerra Mondiale.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x