Barriere coralline arcobaleno: come i coralli creano la “protezione solare”

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Barriere coralline arcobaleno: come i coralli creano la “protezione solare”

Rainbow Reef

Coloratissimi coralli acropora sbiancanti nelle Filippine. (Foto: Ryan Goehrung, Università di Washington)

I subacquei potrebbero aver notato che invece di sbiancare in risposta al riscaldamento dell’oceano, alcuni coralli assumono un abbagliante spettacolo di colori arcobaleno. Ora gli scienziati dell’Università di Southampton credono di aver scoperto come e perché.

La loro ricerca indica che il fenomeno è un segno che i coralli stanno combattendo per sopravvivere – e hanno una possibilità di successo.

I coralli trasportano alghe simbiotiche incorporate nelle loro cellule, ma un aumento della temperatura di 1°C al di sopra del consueto massimo estivo può essere sufficiente per interrompere tale relazione. Se le alghe se ne vanno, lo scheletro calcareo bianco del corallo traspare attraverso il suo tessuto trasparente e il corallo può morire perché quel tessuto non è più protetto.

Il mistero era il motivo per cui alcuni coralli emettono un bagliore multicolore invece di sbiancare il bianco. I ricercatori del Coral Reef Laboratory dell'università hanno condotto una serie di esperimenti nel loro acquario e hanno scoperto che questi coralli producevano il proprio "strato di protezione solare", progettato per incoraggiare il ritorno delle alghe protettive.

"La nostra ricerca mostra che lo sbiancamento colorato implica un meccanismo di autoregolazione, un cosiddetto ciclo di feedback ottico, che coinvolge entrambi i partner della simbiosi", ha affermato il capo del Laboratorio Coral Reef, il professor Jorg Wiedenmann.

“Nei coralli sani, gran parte della luce solare viene assorbita dai pigmenti fotosintetici delle alghe simbionti. Quando i coralli perdono i loro simbionti, la luce in eccesso viaggia avanti e indietro all’interno del tessuto animale, riflessa dallo scheletro del corallo bianco.

“Questo aumento del livello di luce interna è molto stressante per i simbionti e può ritardare o addirittura impedire il loro ritorno una volta che le condizioni siano tornate alla normalità.

“Tuttavia, se le cellule del corallo riescono ancora a svolgere almeno alcune delle loro normali funzioni, nonostante lo stress ambientale che ha causato lo sbiancamento, l’aumento dei livelli di luce interna aumenterà la produzione di coralli colorati, foto-pigmenti protettivi.

“Lo strato di protezione solare risultante favorirà successivamente il ritorno dei simbionti. Man mano che la popolazione algale in ripresa inizia nuovamente a assorbire la luce per la fotosintesi, i livelli di luce all’interno del corallo diminuiranno e le cellule del corallo abbasseranno la produzione dei pigmenti colorati al loro livello normale”.

25 Maggio 2020

I ricercatori ritengono che i coralli sottoposti a sbiancamento colorato abbiano subito lievi o brevi disturbi di riscaldamento dell’oceano piuttosto che eventi estremi. E dicono di essere incoraggiati dai recenti rapporti che suggeriscono che il fenomeno si è verificato in alcune parti della Grande Barriera Corallina australiana nel recente evento di sbiancamento di massa di marzo e aprile, perché offre la speranza che questi abbiano maggiori prospettive di ripresa.

Tuttavia, gli scienziati sottolineano che solo una significativa riduzione globale dei gas serra e un miglioramento regionale della qualità dell’acqua potranno salvare le barriere coralline oltre il 21° secolo.

La loro ricerca è pubblicata su Current Biology.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x