Morte di scena: il vedovo subacqueo intenta una causa

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

L'incidente è avvenuto a 1.5 miglia da Palm Beach Inlet. (Foto: David Broad)

Il marito di una donna morta dopo essere rimasta intrappolata nelle eliche di una barca da sub ha intentato un'azione legale per negligenza contro il noleggiatore, sostenendo che un incidente simile era avvenuto il giorno precedente durante la prima uscita della nave come barca da sub. .

La notizia della morte è stata segnalata su Divernet all'inizio di quest'anno. La coppia della Florida Sean Flynn e Mollie Ghiz-Flynn, 37 anni, si erano tuffati insieme al largo di Palm Beach il 29 marzo e, dopo aver aspettato di essere prelevati dalla barca, il 15 metri Comfort del sud, Flynn dice che erano stati salutati dall'equipaggio.

Afferma che la barca era stata poi messa in retromarcia e li aveva risucchiati entrambi sotto la poppa, dove sua moglie era stata colpita dalle eliche in movimento ed era rimasta intrappolata. Lui, un altro subacqueo e un membro dell'equipaggio hanno avuto difficoltà a liberarla e quando alla fine è stata recuperata sulla barca con gravi ferite alla gamba non è stato possibile rianimarla.

Le Comfort del sud era di proprietà e capitanata da Dustin McCabe della Florida Scuba Charters e all'epoca a bordo c'erano sette subacquei. Con la diffusione del coronavirus alla fine di marzo, si diceva che all'epoca il viaggio fosse stato intrapreso nonostante il divieto della contea di Palm Beach di effettuare spedizioni subacquee e altre attività acquatiche.

Sean Flynn, che è rimasto illeso ma descritto come traumatizzato dall'incidente, ha intentato una causa contro Florida Scuba Charters presso un tribunale distrettuale degli Stati Uniti l'11 settembre.

Un rapporto dell'ufficio del medico legale della contea di Palm Beach aveva concluso che Ghiz-Flynn era morto per annegamento e per "ferite da taglio" alle gambe. Secondo quanto riferito, ai suoi investigatori era stato detto che in una “corrente agitata” il Comfort del sud era stato sollevato da un'onda che aveva spinto Ghiz-Flynn sotto di sé.

La causa afferma che la nave bimotore di 32 anni era un peschereccio appena acquistato in procinto di essere convertito in una barca per immersioni, ed era stato utilizzato come tale da Florida Scuba Charters solo dal giorno prima del fatale incidente. incidente, quando erano state effettuate due immersioni.

Si afferma che quel giorno si erano verificati problemi meccanici e che un problema simile si era verificato durante il prelievo dei subacquei.

Indicando che non c'era una linea di vista chiara tra il timone e la poppa, si afferma che McCabe aveva fatto retromarcia verso un subacqueo che era scappato solo spingendo il fucile nelle eliche e spingendosi via, e che era stata ferita in l'operazione, mentre un secondo subacqueo veniva trascinato sotto la barca verso le eliche.

Al porto, la causa afferma che McCabe non era stato in grado di controllare e manovrare la nave e l'aveva fatta arenare, danneggiando il timone. Era stato avvertito dai subacquei di non riprendere la barca il giorno successivo e, secondo il documento, non aveva informato i successivi subacquei di quanto accaduto il giorno prima.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x