Prince trova della plastica durante un'immersione a 5 km di profondità

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Prince trova della plastica durante un'immersione a 5 km di profondità

tritone

Immagine: Spedizioni EYOS.

Un’immersione a una profondità di oltre 5 km ha segnato la seconda delle cinque fasi delle spedizioni di immersione profonda del 2020 di Caladan Oceanic. Il pilota del sommergibile Victor Vescovo è stato accompagnato dal Principe Alberto II di Monaco in qualità di osservatore scientifico durante la visita del fondo del Calypso Deep, il punto più profondo del Mar Mediterraneo, il 10 febbraio.

Durante l'immersione durata cinque ore, la squadra ha raggiunto la profondità massima di 5109 metri. Per Vescovo tali discese sono diventate un evento regolare, ma per il suo “dive-compagno” è stata l'immersione più profonda mai effettuata da un capo di stato.

Solo un'altra discesa con equipaggio è mai avvenuta a Calypso Deep: nel batiscafo francese Archimedes nel 1965. Riferì una profondità massima 1 metro più profonda di Vescovo, e mentre i moderni sensori del sottomarino Triton Fattore limitante sono ritenuti più affidabili di quelli del suo predecessore, la recente immersione è servita a confermarlo Archimedes era davvero arrivato al punto più profondo.

C'era però uno svantaggio.

“Abbiamo osservato il fondo del fondale marino con tracce di fauna marina ma, sfortunatamente, prove molto più significative di contaminazione umana, tra cui numerose plastiche. borse, lattine per bevande e persino quello che sembrava essere un tubo scartato", ha riferito Vescovo.

Fattore limitante è l'unico sommergibile certificato al mondo per l'intera profondità dell'oceano. Poco prima dell'immersione Calypso Deep, l'esploratore sottomarino aveva effettuato due immersioni nel Mediterraneo a 2.3 km di profondità fino al relitto del sottomarino francese La Minerva, come riportato su Divernet.

15 Febbraio 2020

Entrambe le spedizioni sono state guidate da EYOS Expeditions, che gestisce la logistica di tutte le immersioni Caladan Oceanic.

“È sempre angosciante vedere prove così evidenti dell’inquinamento provocato dall’uomo, un indicatore del fatto che l’impatto del genere umano si estende a ogni angolo del nostro pianeta”, ha commentato il fondatore di EYOS Rob McCallum, che spera che l’immersione possa portare “maggiore consapevolezza sulla difficile situazione dell’inquinamento”. gli oceani e ispirare le persone a contribuire a promuovere un cambiamento positivo”.

Il team si sta ora dirigendo in Arabia Saudita per svolgere una missione scientifica nel Mar Rosso con la King Abdullah University of Science & Technology.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x