Spettacolo polare: 60 milioni di pesci del ghiaccio nidificanti

Pesci del ghiaccio che nidificano
Alcuni dei 60 milioni di pesci del ghiaccio nidificano nel sito antartico. CREDITO: AWI

È uno spettacolo sbalorditivo che nessun subacqueo probabilmente vedrà in prima persona, ma non c'è mai stata una scoperta subacquea simile a questa: non meno di 60 milioni di pesci coccodrillo del ghiaccio a guardia dei loro nidi individuali, concentrati in un'area dell'Antartide grande quanto dell'isola di Malta.

Considerata la più grande area di allevamento ittico del mondo, lo spettacolo polare è stato fotografato e filmato da un team scientifico guidato dal biologo delle profondità marine Autun Purser dell'Istituto tedesco Alfred Wegener per la ricerca polare e marina (AWI). Stavano usando un sistema di telecamere rimorchiato dalla nave da ricerca Stella polare vicino alla piattaforma di ghiaccio Filchner nel Mare di Weddell meridionale. 

Il numero dei pesci del ghiaccio di Giona (Neopagetopsis ionah) è stata stimata in base alla densità dei nidi e all'estensione dell'area osservata. In media c'era un sito riproduttivo ogni 3 mq, con uno o due nidi attivi per metro quadrato. La biomassa della colonia, che si estende su un'area di 240 kmq, è stata stimata in 60,000 tonnellate.

I pesci del ghiaccio di Jonah raggiungono una lunghezza massima di 56 cm. Ogni nido circolare di 75 cm di diametro è costituito da piccole pietre che emergono dal fondale fangoso. I nidi attivi contengono in media 1700 uova e nel 75% dei casi queste sono custodite da un pesce ghiaccio adulto. Altri nidi contengono solo uova e alcuni vengono lasciati inutilizzati, con un pesce senza uova o un pesce morto nelle vicinanze. 

I fondali marini della zona vanno ben oltre la profondità delle immersioni subacquee, a 420-535 m.

La scoperta è stata fatta lo scorso febbraio ma il rapporto degli scienziati è stato pubblicato solo di recente sulla rivista scientifica Current Biology. Ha rafforzato le richieste per l’istituzione di un’area marina protetta (AMP) nel settore atlantico dell’Oceano Australe. 

"L'idea che un'area di riproduzione così vasta di pesci ghiacciati nel Mare di Weddell fosse sconosciuta in precedenza è assolutamente affascinante", afferma Purser. “Dopo tutto, l’Istituto Alfred Wegener ha esplorato la zona con il suo rompighiaccio Stella polare dall'inizio degli anni '1980. Finora solo individuale Neopagetopsis ionah o qui sono stati rilevati piccoli gruppi di nidi”.

Il sistema di osservazione del fondale oceanico del team (OFOBS), a video e una slitta per fotocamera costruita per resistere ad ambienti estremi, è stata trainata su un cavo in fibra ottica e di alimentazione a 3 metri sopra il fondo del mare a una velocità compresa tra mezzo nodo e 1 nodo. Il numero totale di pesci è stato calcolato rilevando più di 16,000 nidi su un'area di 45,600 mq.

Combinando le loro scoperte con dati oceanografici e biologici, gli scienziati hanno scoperto che l'area di riproduzione corrispondeva ad acque profonde più calde che scorrevano dal Mare di Weddell su una piattaforma più alta. Il monitoraggio dei movimenti delle foche di Weddell dotate di trasmettitori ha rivelato che il 90% delle loro attività subacquee si svolgevano vicino a nidi di pesci attivi, dimostrando che utilizzavano l'area come zona di alimentazione. 

Il direttore dell'AWI e biologo delle profondità marine, Antje Boetius, ha commentato che la scoperta ha dimostrato l'importanza di essere in grado di indagare su ecosistemi sconosciuti prima che si verifichi qualsiasi disturbo. “Considerando quanto poco conosciuto sia il Mare di Weddell Antartico, ciò sottolinea ancora di più la necessità di sforzi internazionali per istituire un’area marina protetta”, ha affermato.

“Sfortunatamente, l’AMP del Mare di Weddell non è stata ancora adottata all’unanimità dalla CCAMLR [la Commissione internazionale per la conservazione delle risorse marine viventi dell’Antartico] ma ora che l’ubicazione di questa straordinaria colonia riproduttiva è nota, la Germania e gli altri membri della CCAMLR dovrebbero garantire che in futuro lì non si svolgerà più alcuna attività di pesca e solo la ricerca non invasiva. 

“Finora, la lontananza e le difficili condizioni del ghiaccio marino di questa zona più meridionale del Mare di Weddell hanno protetto l’area, ma con le crescenti pressioni sull’oceano e sulle regioni polari, dovremmo essere molto più ambiziosi con la conservazione marina”.

La pesca illegale è stata segnalata nell’Oceano Antartico, ma solo nelle aree più settentrionali dove i ghiacci sono liberi tutto l’anno. La colonia di nidi di pesce può essere raggiunta solo utilizzando una nave rinforzata o un rompighiaccio. Video del sito di nidificazione dei pesci del ghiaccio qui.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x