La pionieristica tuffatrice statunitense Dottie Frazier è morta all'età di 99 anni

Frazier

Dottie May Frazier, la prima donna istruttrice di immersioni subacquee e proprietaria di un negozio di immersione degli Stati Uniti, nonché una delle prime donne a diventare produttrice di elmetti protettivi e mute, è morta in California all'età di 99 anni.

Frazier riuscì a farsi un nome nel mondo implacabilmente macho dei subacquei degli anni '1940 e '50, nonostante il suo genere e la bassa statura.

Nata a Long Beach, in California, il 15 luglio 1922 come Dorothy Adele Reider, è cresciuta trascorrendo gran parte del suo tempo sulla piccola barca a vela di suo padre Francis. In seguito disse che lui aveva deciso di "trasformarmi nel ragazzo che non aveva mai avuto", dandole rigide istruzioni di "imparare qualcosa di nuovo" ogni giorno della sua vita.

Sapeva nuotare all'età di tre anni e remare su una barca a sei. Alla stessa età Francis lasciò cadere una caffettiera dalla barca in 5 metri d'acqua e le disse di trattenere il respiro e di recuperarla, cosa che lei fece.

Quella fu la sua prima immersione e quando Francis le regalò una maschera subacquea fatta in casa, quattro anni dopo, lei era già diventata un'apneista esperta. Da adolescente divenne presto anche un'abile pescatrice subacquea, partecipando a gare lungo tutta la costa della California come unica concorrente donna. Negli anni '1940 condivideva le sue abilità di "immersione in apnea" insegnando ad altri l'arte dell'immersione in apnea.

Era anche brava a riparare e mettere a punto i motori delle barche: per tutta la vita pensava di essere in grado di “aggiustare qualsiasi cosa”.

Resistenza maschile

Frazier aveva studiato biologia marina al college nella speranza di diventare una scienziata, ma poiché l'accesso a così tante carriere sembrava precluso alle donne (anche i suoi tentativi di entrare nella polizia e nella guardia costiera furono bloccati) si formò come segretaria. Tuttavia non si dedicò alla vita d'ufficio e presto passò a guadagnarsi da vivere sventrando pesci.

Durante la seconda guerra mondiale le fu assegnato un lavoro manuale presso la Douglas Aircraft - l'unica donna in un dipartimento di 2 persone - mentre continuava a pescare in apnea per aiutare a nutrire la sua famiglia.

Dopo la guerra imparò a immergersi con un autorespiratore in un corso organizzato dalla contea di Los Angeles, il primo programma di certificazione subacquea negli Stati Uniti. Ciò nonostante l'opposizione del personale maschile e degli studenti, ma nel 1950 Frazier era un membro fondatore del primo club subacqueo Long Beach Neptunes. 

Nel 1955 dovette nuovamente superare la resistenza maschile per iscriversi al corso di certificazione per istruttori subacquei della contea di Los Angeles. Non solo si è qualificata come la prima istruttrice subacquea donna degli Stati Uniti, ma ha ottenuto il massimo dei voti.

Frazier

Dopo circa quattro anni come subacqueo, Frazier si iscrisse per addestrarsi e lavorare come una delle prime donne subacquee commerciali, ma rinunciò al ruolo dopo due anni, dicendo che sebbene fosse molto redditizio e le avesse permesso di comprare una casa, l'attrezzatura per l'elmetto protettivo la faceva sentire troppo limitata.

Ha lavorato al Penguin Dive Shop prima di acquistare l'attività, che ha poi gestito per 15 anni come prima donna proprietaria di un negozio di immersione negli Stati Uniti. Ha anche progettato e sviluppato una delle prime gamme di mute da donna, chiamata tute Penguin, e successivamente ha prodotto anche mute stagne, fornendo la Marina degli Stati Uniti e marchi come US Divers.

Stand-off degli squali

Frazier si sposò tre volte, rimase vedovo due volte e ebbe quattro figli, tutti diventati subacquei fin dalla tenera età. Dopo la nascita del suo terzo figlio ha fondato il club Aqua Families, per chi voleva immergersi con i propri figli. 

Avventuriera a tutto tondo, che si tratti di surf, dragaggio dell'oro, pesca subacquea, canottaggio o motociclismo, la colorata storia della vita di Frazier è stata successivamente registrata nella sua autobiografia. Pioniere: la vita straordinaria della pioniera subacquea Dottie Frazier

Il suo momento più spaventoso lo ha descritto come uno scontro con un grande squalo bianco durante l'apnea – un problema che alla fine ha risolto in modo tipico nuotando direttamente verso lo squalo e spaventandolo.

Frazier è stata inserita nella Women Divers Hall of Fame nel 2000 e, all'età di 97 anni, è stata insignita del Diving Pioneer Award della US Historical Diving Society.

Una delle poche ambizioni che lasciò insoddisfatta fu quella di raggiungere i 100 anni, anche se arrivò a cinque mesi dal suo obiettivo. Morì a Long Beach, dove aveva vissuto tutta la vita, l'8 febbraio, lasciando il marito Cyril May e la loro famiglia.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
mandrino
mandrino
1 anno fa

Subacqueo e avventuriero fantastico, RIP

SEGUICI SU

1
0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x