Le stelle marine in festa perseguono lo stile di vita degli adolescenti

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Le stelle marine in festa perseguono lo stile di vita degli adolescenti

COTS
CULLE che si nutrono di coralli. (Foto: Morgan Pratchett)

Le stelle marine corona di spine (COTS) che sgranocchiano coralli possono ritrovare la strada di casa, ma solo se il loro quartiere è rifornito del loro cibo preferito.

Le stelle marine homing non erano mai state documentate prima, dicono gli scienziati australiani che hanno osservato il loro comportamento sulla Grande Barriera Corallina. Hanno osservato i singoli COTS affamati emergere dai loro rifugi nel pomeriggio per nutrirsi di corallo durante la notte prima di tornare a casa all'alba.

"La stella marina corona di spine spesso festeggiava tutta la notte, dormiva fino a tardi e solo chi aveva una dispensa ben fornita trovava la strada di casa - quindi è un modello di comportamento molto adolescenziale", ha detto l'autore principale, il dott. Scott Ling dell'Institute for Studi marini e antartici presso l'Università della Tasmania.

“La loro preda preferita sono i coralli Acropora”, ha affermato il coautore, il professor Morgan Pratchett dell’ARC Center of Excellence for Coral Reef Studies presso la James Cook University (CoralCoE presso JCU), riferendosi a uno degli elementi fondamentali per le barriere coralline a livello globale. “Quando le popolazioni di Acropora diminuirono, le stelle marine non tornarono a casa. Il loro comportamento è direttamente collegato all’abbondanza locale di Acropora”.

Lo studio rivela che barriere coralline sane con un’elevata copertura di Acropora potrebbero invitare aggregazioni di COTS e focolai che causano perdite estese e prolungate di coralli in tutta la regione dell’Indo-Pacifico.

I ricercatori hanno utilizzato il time-lapse in situ fotografia per tracciare i movimenti di 58 stelle marine nella GBR settentrionale e meridionale durante un’epidemia del 2015. Quando i COTS non riuscivano a trovare le Acropora, diventavano di fatto dei senzatetto e vagavano fino a 20 metri al giorno.

"A differenza dei ricci di mare che possono cambiare dieta una volta che pascolano eccessivamente le foreste di alghe, i risultati del monitoraggio time-lapse indicano che le stelle marine consumeranno le Acropora disponibili e alla fine si mangeranno fuori casa, prima di disperdersi alla ricerca di nuovi terreni di alimentazione", ha detto Dottor Ling.

5 novembre 2020

Precedenti epidemie di GBR sono state registrate nel 1962, 1979, 1993 e 2009. Lo sbiancamento causato dai cambiamenti climatici rappresenta oggi la più grande minaccia per le barriere coralline in tutto il mondo, ma combinato con le epidemie di COTS può rivelarsi catastrofico.

“Comprendendo meglio il comportamento di queste stelle marine possiamo aiutare a prevenire e controllare le loro epidemie, il che aiuterà ad alleviare la pressione sulle barriere coralline”, ha affermato il professor Pratchett.

Lo studio è stato appena pubblicato in Proceedings of the Royal Society B. 

maggiore

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x