Avvertimento sui “parchi di carta” con l’estensione della cintura blu inglese

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Avvertimento sui “parchi di carta” con l’estensione della cintura blu inglese

Testa da spiaggia

New MCZ at Beachy Head East. (Picture: Graham Hobster / Pixabay)

Gli ambientalisti hanno accolto con favore l’annuncio di oggi (31 maggio) di un quasi raddoppio del numero di zone di conservazione marina nella “cintura blu” dell’Inghilterra, mettendo in guardia contro il pericolo di creare semplici “parchi di carta”.

La creazione di 41 nuove MCZ attorno alle coste inglesi e nelle acque offshore del Regno Unito attorno a Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord è stata descritta come “un grande passo avanti” da Wildlife & Countryside Link, la più grande coalizione inglese di enti di beneficenza per la fauna selvatica e l’ambiente.

La WCL comprende la Marine Conservation Society (MCS), la Whale & Dolphin Conservation, il Wildlife Trusts, il WWF UK e altri sette enti.

Ma gli enti di beneficenza insistono sul fatto che senza una gestione efficace e un’attuazione adeguata delle risorse, la vita marina continuerà a diminuire nei nuovi siti.

All’inizio di questo mese, sottolineano, il Comitato per il controllo ambientale ha criticato la mancanza di protezione di queste aree nel suo rapporto Sustainable Seas, esprimendo preoccupazione per il fatto che il governo “stava facendo poco più che tracciare delle linee su una mappa”.

31 Maggio 2019

Le 41 nuove MCZ, che si aggiungono ai 50 siti già esistenti, sono state annunciate dal Defra (Dipartimento per l'Ambiente, l'Alimentazione e gli Affari Rurali), che recentemente ha dovuto ammettere il suo fallimento nel raggiungere la salute dei mari attraverso la Strategia Marina del Regno Unito, riuscendo a soddisfare solo quattro dei suoi 15 obiettivi.

“L’ammissione collettiva da parte dei governi britannici che i nostri oceani sono in cattive condizioni di salute è un campanello d’allarme”, afferma WCL. “Dobbiamo cogliere questa opportunità irripetibile per invertire la tendenza sulla perdita di biodiversità”.

Il dottor Jean-Luc Solandt del MCS ha accolto con favore l'annuncio delle nuove zone.

“Il Regno Unito ha una rete crescente di oltre 300 aree marine protette, ma il governo deve ora investire nella corretta gestione di questi siti e mantenerli liberi da tutte le attività che danneggiano i fondali marini, in modo che la nostra spettacolare fauna marina possa riprendersi da decenni di distruzione e degrado”, ha detto.

Le AMP sono parti del mare che sono parzialmente o completamente protette da attività dannose o estrattive, mentre le MCZ sono un tipo specifico di AMP progettate per aiutare a proteggere la fauna selvatica e gli habitat marini importanti a livello nazionale e per contribuire a garantire la sostenibilità delle risorse nelle acque inglesi.

The new MCZs include Beachy Head East, Bexhill and Hastings in Sussex, which the MCS describes as “home to an incredible diversity of fish, including seahorses”.

Sono designati anche Orford Inshore (Suffolk), Markham's Triangle (costa NE), Ribble Estuary (Lancs), Kentish Knock East, Bembridge (Isola di Wight), Purbeck (Dorset), che comprende l'habitat dei cavallucci marini di Studland Bay a lungo oggetto di campagna. , Dart Estuary (Devon) e Helford Estuary presso The Lizard (Cornovaglia). Sono inclusi anche due siti al largo dell'Irlanda del Nord: South Rigg e Queenie Corner.

Le nuove MCZ sono destinate a proteggere una vasta gamma di fauna marina tra cui vermi, stelle marine, abeti marini, ricci di mare, aragoste, molluschi, cozze, vermi tentacolari della laguna, cavallucci marini dal muso corto e ostriche autoctone, afferma l'MCS. Gli habitat protetti includono sabbia, fango delle maree, scogliere rocciose e ghiaia.

I subacquei hanno svolto un ruolo importante nell’informare le decisioni di Defra sulle nuove MCZ, raccogliendo prove attraverso il programma di immersioni volontarie Seasearch. “I nostri subacquei hanno trascorso ore e ore immergendosi negli habitat incredibilmente diversi dei fondali marini dell’Inghilterra per osservare le piante e gli animali marini che popolano i nostri mari costieri”, ha affermato la coordinatrice nazionale, la dott.ssa Charlotte Bolton.

“Attraverso questa meticolosa scienza dei cittadini siamo stati in grado di sostenere la causa della protezione di molti di questi nuovi siti e non vediamo l’ora di aiutare le autorità locali a sviluppare solidi piani di gestione e monitoraggio per queste MCZ in modo che la straordinaria vita marina che proteggono davvero può riprendersi."

Gli 11 enti di beneficenza per la conservazione hanno ora lanciato una sfida in tre punti al governo.

La chiedono di garantire che venga attuata una gestione efficace entro la fine del 2019; impegnarsi a monitorare regolarmente tutte le AMP per comprendere meglio le tendenze e garantirne la protezione, rafforzando l'applicazione ove necessario per prevenire pratiche di pesca dannose; e di fornire fondi riservati per il monitoraggio e l’applicazione della normativa da parte del governo centrale “piuttosto che da parte di enti pubblici sovraccarichi”.

Nonostante gli impegni, il governo scozzese ha ritardato di quattro anni una consultazione pubblica per ulteriori siti protetti nelle sue acque, afferma WCL, mentre il Galles non ha ancora annunciato alcun piano.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x